​​Ultimo weekend di luglio caratterizzato da sole ed alte temperature, con tante persone in mare e sulle spiagge della Versilia. Nell’ambito dell’operazione mare sicuro, i militari della Guardia Costiera hanno intensificato la loro opera di prevenzione e controllo su tutto il litorale di competenza.
Nel primo pomeriggio di ieri, tramite il numero di emergenza della Guardia Costiera 1530, una famiglia di La Spezia (due adulti e due figli minorenni) ha richiesto aiuto trovandosi in difficoltà a bordo di un natante di circa 5 metri in avaria. La motovedetta CP 813 ha intercettato il natante davanti alla Piazza Mazzini di Viareggio, a circa 350 metri dalla costa. I militari hanno rassicurato gli occupanti, visibilmente preoccupati ma in buona salute. Il natante è stato quindi assistito fino al rientro nel porto di Viareggio. Nel corso dei successivi accertamenti, la Guardia Costiera ha poi ravvisato alcune irregolarità nella tenuta dei documenti di bordo, elevando un verbale da 100 euro.  
Non sono mancati altri comportamenti irregolari, prontamente interrotti e sanzionati.
A Marina di Pietrasanta, di fronte allo stabilimento balneare La Bianca-Zanzibar, un Tender (con a bordo un uomo di nazionalità inglese) è stato colto in navigazione a circa 50 mt dalla spiaggia tra i bagnanti, ben all’interno delle boe rosse che delimitano i 300 metri riservati prioritariamente alla balneazione.  
Sempre a Marina di  Pietrasanta, stavolta davanti allo stabilimento Aurora2, un natante con a bordo un uomo di Milano era ormeggiato all’interno delle boe.   
In entrambi i casi è scattata per i conduttori una sanzione da  172 euro.
Ai tanti diportisti trovati in regola durante i controlli in mare ed in banchina sono sati rilasciati i bollini blu, i tagliandi adesivi da apporre sullo scafo per evitare, di massima, ulteriori controlli da parte della Capitaneria di porto e delle altre Forze di Polizia. Dall’ inizio della stagione estiva sono già stati consegnati circa 200 bollini.
Questa mattina a Viareggio, infine, proprio all’ingresso del porto, è stata interrotta l’attività di un pescatore sportivo che stava raccogliendo cozze tra gli scogli ed è fuggito alla vista del gommone GC A 78 della Guardia Costiera, abbandonando quanto raccolto: i militari hanno proceduto al sequestro amministrativo di un sacco contenente oltre 10 kg di mitili, poi rigettati in mare. Si ricorda che i pescatori sportivi, oltre a rispettare zone, modalità e tempi di pesca nel rispetto delle normative e delle ordinanze locali, possono raccogliere fino ad un massimo di 5 kg al giorno di prodotti ittici, per non incorrere in sanzioni fino a 1032 euro.
31/07/2016 Viareggio

​​Ultimo weekend di luglio caratterizzato da sole ed alte temperature, con tante persone in mare e sulle spiagge della Versilia. Nell’ambito dell’operazione mare sicuro, i militari della Guardia Costiera hanno intensificato la loro opera di prevenzione e controllo su tutto il litorale di competenza.
Nel primo pomeriggio di ieri, tramite il numero di emergenza della Guardia Costiera 1530, una famiglia di La Spezia (due adulti e due figli minorenni) ha richiesto aiuto trovandosi in difficoltà a bordo di un natante di circa 5 metri in avaria. La motovedetta CP 813 ha intercettato il natante davanti alla Piazza Mazzini di Viareggio, a circa 350 metri dalla costa. I militari hanno rassicurato gli occupanti, visibilmente preoccupati ma in buona salute. Il natante è stato quindi assistito fino al rientro nel porto di Viareggio. Nel corso dei successivi accertamenti, la Guardia Costiera ha poi ravvisato alcune irregolarità nella tenuta dei documenti di bordo, elevando un verbale da 100 euro.  
Non sono mancati altri comportamenti irregolari, prontamente interrotti e sanzionati.
A Marina di Pietrasanta, di fronte allo stabilimento balneare La Bianca-Zanzibar, un Tender (con a bordo un uomo di nazionalità inglese) è stato colto in navigazione a circa 50 mt dalla spiaggia tra i bagnanti, ben all’interno delle boe rosse che delimitano i 300 metri riservati prioritariamente alla balneazione.  
Sempre a Marina di  Pietrasanta, stavolta davanti allo stabilimento Aurora2, un natante con a bordo un uomo di Milano era ormeggiato all’interno delle boe.   
In entrambi i casi è scattata per i conduttori una sanzione da  172 euro.
Ai tanti diportisti trovati in regola durante i controlli in mare ed in banchina sono sati rilasciati i bollini blu, i tagliandi adesivi da apporre sullo scafo per evitare, di massima, ulteriori controlli da parte della Capitaneria di porto e delle altre Forze di Polizia. Dall’ inizio della stagione estiva sono già stati consegnati circa 200 bollini.
Questa mattina a Viareggio, infine, proprio all’ingresso del porto, è stata interrotta l’attività di un pescatore sportivo che stava raccogliendo cozze tra gli scogli ed è fuggito alla vista del gommone GC A 78 della Guardia Costiera, abbandonando quanto raccolto: i militari hanno proceduto al sequestro amministrativo di un sacco contenente oltre 10 kg di mitili, poi rigettati in mare. Si ricorda che i pescatori sportivi, oltre a rispettare zone, modalità e tempi di pesca nel rispetto delle normative e delle ordinanze locali, possono raccogliere fino ad un massimo di 5 kg al giorno di prodotti ittici, per non incorrere in sanzioni fino a 1032 euro.

Viareggio

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio, settimana di cultura del mare ed educazione ambientale.

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio a Vagli di Sopra per l’educazione ambientale

Immagine segnaposto

“VIAREGGIO, TRONCO D’ALBERO ALLA DERIVA IN PORTO, INTERVENTO DELLA GUARDIA COSTIERA”

Immagine segnaposto

A gonfie vele il progetto alternanza scuola lavoro tra Capitaneria di porto ed Istituto Nautico di Viareggio