Nei giorni scorsi, 3 persone sono rimaste chiuse con la loro autovettura all’interno dell’area portuale della Banchina denominata Testata Tistino. In tale area del porto, considerata Zona Gialla, l’accesso ai veicoli è consentito ai soli operatori autorizzati con specifico permesso rilasciato dall’Autorità Portuale Regionale, ai sensi dell’ordinanza numero 101/2015. Probabilmente, l’auto è entrata nell’area interdetta approfittando dell’apertura della sbarra elettronica dopo il passaggio di un mezzo autorizzato.
Al momento di uscire, invece di contattare i gestori o la sala operativa dell’Autorità Marittima, attiva 24 ore al giorno, i 3 uomini hanno deciso di smontare e rimontare la sbarra di chiusura della citata banchina, causando tuttavia un malfunzionamento al meccanismo elettrico della stessa.   
Dalle video camere di sorveglianza i militari della Capitaneria di porto - Guardia Costiera di Viareggio hanno ricostruito l’accaduto e sono rapidamente risaliti ai responsabili.
L’autovettura è risultata priva di qualsiasi autorizzazione e per il proprietario è scattata una sanzione di 100 euro.
L’Autorità Portuale Regionale sta inoltre procedendo ad una effettiva quantificazione dei danni subiti, al fine di valutare la richiesta di risarcimento a carico dei responsabili.   
Ancora una volta è emersa l’importanza delle telecamere di video sorveglianza, installate ormai in tutte le aree portuali, al fine di aumentare il gradiente di sicurezza degli operatori e proteggere le strutture e gli arredi portuali da comportamenti illeciti od atti vandalici.  
21/10/2016 Viareggio

Nei giorni scorsi, 3 persone sono rimaste chiuse con la loro autovettura all’interno dell’area portuale della Banchina denominata Testata Tistino. In tale area del porto, considerata Zona Gialla, l’accesso ai veicoli è consentito ai soli operatori autorizzati con specifico permesso rilasciato dall’Autorità Portuale Regionale, ai sensi dell’ordinanza numero 101/2015. Probabilmente, l’auto è entrata nell’area interdetta approfittando dell’apertura della sbarra elettronica dopo il passaggio di un mezzo autorizzato.
Al momento di uscire, invece di contattare i gestori o la sala operativa dell’Autorità Marittima, attiva 24 ore al giorno, i 3 uomini hanno deciso di smontare e rimontare la sbarra di chiusura della citata banchina, causando tuttavia un malfunzionamento al meccanismo elettrico della stessa.   
Dalle video camere di sorveglianza i militari della Capitaneria di porto - Guardia Costiera di Viareggio hanno ricostruito l’accaduto e sono rapidamente risaliti ai responsabili.
L’autovettura è risultata priva di qualsiasi autorizzazione e per il proprietario è scattata una sanzione di 100 euro.
L’Autorità Portuale Regionale sta inoltre procedendo ad una effettiva quantificazione dei danni subiti, al fine di valutare la richiesta di risarcimento a carico dei responsabili.   
Ancora una volta è emersa l’importanza delle telecamere di video sorveglianza, installate ormai in tutte le aree portuali, al fine di aumentare il gradiente di sicurezza degli operatori e proteggere le strutture e gli arredi portuali da comportamenti illeciti od atti vandalici.  

Viareggio

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio, settimana di cultura del mare ed educazione ambientale.

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio a Vagli di Sopra per l’educazione ambientale

Immagine segnaposto

“VIAREGGIO, TRONCO D’ALBERO ALLA DERIVA IN PORTO, INTERVENTO DELLA GUARDIA COSTIERA”

Immagine segnaposto

A gonfie vele il progetto alternanza scuola lavoro tra Capitaneria di porto ed Istituto Nautico di Viareggio