​Per diversi giorni la Capitaneria di porto di Viareggio è stata impegnata nell'organizzazione e nel coordinamento di una complessa operazione di rimorchio portuale, conclusasi positivamente alle prime luci dell'alba di questa mattina. 

Nei giorni scorsi, erano state emanate le opportune Ordinanze per lo sgombero della banchina del Polo Nautico (ex Sec) e la disciplina delle diverse fasi delle operazione, ai fini di sicurezza della navigazione; sono seguite quindi varie riunioni con gli operatori portuali e le agenzie marittime, per verificare nel dettaglio la fattibilità della manovra e la corretta predisposizione dei piani di sicurezza, anche in relazione agli spazi utili di manovra presenti nel porto di Viareggio.

Nel pomeriggio del 29 marzo ha fatto ingresso nel porto il convoglio, proveniente da La Spezia, composto da rimorchiatori di La Spezia e Marina di Carrara con al traino la chiatta galleggiante "Claudio 1" della ditta Navalmare (72 metri di lunghezza per 25 metri di larghezza).

Sopra la chiatta, ormeggiatasi in sicurezza presso il Polo Nautico, sono stati quindi caricati 2 scafi in ferro di circa 30 metri l'uno ed un rollbar del Cantiere San Lorenzo.

​Questa mattina alle 06.00, una volta eseguite le opportune verifiche tecniche a cura del RINA, il convoglio è partito alla volta di La Spezia, con l'assistenza di una motovedetta della Guardia Costiera. 

Soddisfazione da parte di tutti gli operatori per la brillante riuscita dell'operazione, sicuramente impegnativa viste le dimensioni della chiatta galleggiante e del suo carico. 

31/03/2016 Viareggio

​Per diversi giorni la Capitaneria di porto di Viareggio è stata impegnata nell'organizzazione e nel coordinamento di una complessa operazione di rimorchio portuale, conclusasi positivamente alle prime luci dell'alba di questa mattina. 

Nei giorni scorsi, erano state emanate le opportune Ordinanze per lo sgombero della banchina del Polo Nautico (ex Sec) e la disciplina delle diverse fasi delle operazione, ai fini di sicurezza della navigazione; sono seguite quindi varie riunioni con gli operatori portuali e le agenzie marittime, per verificare nel dettaglio la fattibilità della manovra e la corretta predisposizione dei piani di sicurezza, anche in relazione agli spazi utili di manovra presenti nel porto di Viareggio.

Nel pomeriggio del 29 marzo ha fatto ingresso nel porto il convoglio, proveniente da La Spezia, composto da rimorchiatori di La Spezia e Marina di Carrara con al traino la chiatta galleggiante "Claudio 1" della ditta Navalmare (72 metri di lunghezza per 25 metri di larghezza).

Sopra la chiatta, ormeggiatasi in sicurezza presso il Polo Nautico, sono stati quindi caricati 2 scafi in ferro di circa 30 metri l'uno ed un rollbar del Cantiere San Lorenzo.

​Questa mattina alle 06.00, una volta eseguite le opportune verifiche tecniche a cura del RINA, il convoglio è partito alla volta di La Spezia, con l'assistenza di una motovedetta della Guardia Costiera. 

Soddisfazione da parte di tutti gli operatori per la brillante riuscita dell'operazione, sicuramente impegnativa viste le dimensioni della chiatta galleggiante e del suo carico. 

Viareggio

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio, settimana di cultura del mare ed educazione ambientale.

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio a Vagli di Sopra per l’educazione ambientale

Immagine segnaposto

“VIAREGGIO, TRONCO D’ALBERO ALLA DERIVA IN PORTO, INTERVENTO DELLA GUARDIA COSTIERA”

Immagine segnaposto

A gonfie vele il progetto alternanza scuola lavoro tra Capitaneria di porto ed Istituto Nautico di Viareggio