Pioggia e umidità, temperature notturne ancora basse e vento forte di libeccio: le condizioni ideali per la pesca di frodo del novellame di anguilla (le rinomate "ceche" o "cee") lungo il Canale Burlamacca di Viareggio.

La scorsa notte il personale della Guardia Costiera ha vigilato in porto e lungo le sponde del Canale, identificando persone sospette e soprattutto recuperando numerose attrezzature artigianali illegali posizionate a ciglio banchina o occultate nelle immediate vicinanze.

In totale sono state sequestrate ad ignoti 15 cerchiaie e nasse di varie forme e dimensioni, nonché vari contenitori pronti alla raccolta. La pesca illegale è stata interrotta sul nascere, infatti sono stati pochi gli esemplari di novellame ritrovati dai militari, comunque ancora in vita e rigettati nel loro habitat naturale.   

Questi comportamenti violano le normative comunitarie e nazionali sul rispetto delle taglie minime dei prodotti ittici, poste in particolare a tutela dei piani di ricostituzione e ripopolamento di alcune specie protette ed a rischio estinzione, tra cui appunto le anguille.

Si ricorda che i contravventori (che pescano, commercializzano o anche solo detengono  le specie protette) rischiano sanzioni pesanti, con verbali amministrativi da 2.000 a 12.000 euro per l'utilizzo di attrezzi non conformi e non consentiti, sanzioni che possono aumentare fino a 75.000 euro in proporzione alla quantità dei prodotti pescati ed al danno procurato all'ambiente marino.      


02/03/2017 Viareggio

Pioggia e umidità, temperature notturne ancora basse e vento forte di libeccio: le condizioni ideali per la pesca di frodo del novellame di anguilla (le rinomate "ceche" o "cee") lungo il Canale Burlamacca di Viareggio.

La scorsa notte il personale della Guardia Costiera ha vigilato in porto e lungo le sponde del Canale, identificando persone sospette e soprattutto recuperando numerose attrezzature artigianali illegali posizionate a ciglio banchina o occultate nelle immediate vicinanze.

In totale sono state sequestrate ad ignoti 15 cerchiaie e nasse di varie forme e dimensioni, nonché vari contenitori pronti alla raccolta. La pesca illegale è stata interrotta sul nascere, infatti sono stati pochi gli esemplari di novellame ritrovati dai militari, comunque ancora in vita e rigettati nel loro habitat naturale.   

Questi comportamenti violano le normative comunitarie e nazionali sul rispetto delle taglie minime dei prodotti ittici, poste in particolare a tutela dei piani di ricostituzione e ripopolamento di alcune specie protette ed a rischio estinzione, tra cui appunto le anguille.

Si ricorda che i contravventori (che pescano, commercializzano o anche solo detengono  le specie protette) rischiano sanzioni pesanti, con verbali amministrativi da 2.000 a 12.000 euro per l'utilizzo di attrezzi non conformi e non consentiti, sanzioni che possono aumentare fino a 75.000 euro in proporzione alla quantità dei prodotti pescati ed al danno procurato all'ambiente marino.      


Viareggio

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio, settimana di cultura del mare ed educazione ambientale.

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio a Vagli di Sopra per l’educazione ambientale

Immagine segnaposto

“VIAREGGIO, TRONCO D’ALBERO ALLA DERIVA IN PORTO, INTERVENTO DELLA GUARDIA COSTIERA”

Immagine segnaposto

A gonfie vele il progetto alternanza scuola lavoro tra Capitaneria di porto ed Istituto Nautico di Viareggio