In queste giornate di maltempo, con vento forte e mare mosso, si è intensificato il lavoro della sala operativa e del personale della Guardia Costiera di Viareggio.  

Diverse unità navali hanno rotto nelle ultime ore gli ormeggi, in particolare lungo le sponde del Canale Burlamacca, con i militari che sono riusciti prontamente a metterle in sicurezza provvedendo poi a contattare i rispettivi proprietari per le successive azioni.   

Un natante di circa 6,5 metri è invece affondato all'altezza della Chiesina, lato sud. Le operazioni di recupero si sono svolte questo pomeriggio con l'ausilio di una autogru e di subacquei di ditte locali. Dai primi accertamenti dell'Ufficio Nostromi, il natante sembra aver subito danni sul giardinetto di poppa, presumibilmente sfregando contro l'adiacente banchina per la forza del moto ondoso: l'acqua è quindi penetrata a bordo provocando l'affondamento.

In poco tempo l'unità è stata comunque alata in sicurezza in banchina e trasferita in cantiere, scongiurando inquinamenti o danni ulteriori.      

La Capitaneria di porto raccomanda a tutti i proprietari di provvedere nelle prossime ore ad una adeguata verifica delle condizioni delle proprie unità navali e dei relativi ormeggi, a garanzia della sicurezza della navigazione e della pubblica incolumità.   


07/03/2017 Viareggio

In queste giornate di maltempo, con vento forte e mare mosso, si è intensificato il lavoro della sala operativa e del personale della Guardia Costiera di Viareggio.  

Diverse unità navali hanno rotto nelle ultime ore gli ormeggi, in particolare lungo le sponde del Canale Burlamacca, con i militari che sono riusciti prontamente a metterle in sicurezza provvedendo poi a contattare i rispettivi proprietari per le successive azioni.   

Un natante di circa 6,5 metri è invece affondato all'altezza della Chiesina, lato sud. Le operazioni di recupero si sono svolte questo pomeriggio con l'ausilio di una autogru e di subacquei di ditte locali. Dai primi accertamenti dell'Ufficio Nostromi, il natante sembra aver subito danni sul giardinetto di poppa, presumibilmente sfregando contro l'adiacente banchina per la forza del moto ondoso: l'acqua è quindi penetrata a bordo provocando l'affondamento.

In poco tempo l'unità è stata comunque alata in sicurezza in banchina e trasferita in cantiere, scongiurando inquinamenti o danni ulteriori.      

La Capitaneria di porto raccomanda a tutti i proprietari di provvedere nelle prossime ore ad una adeguata verifica delle condizioni delle proprie unità navali e dei relativi ormeggi, a garanzia della sicurezza della navigazione e della pubblica incolumità.   


Viareggio

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio, settimana di cultura del mare ed educazione ambientale.

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio a Vagli di Sopra per l’educazione ambientale

Immagine segnaposto

“VIAREGGIO, TRONCO D’ALBERO ALLA DERIVA IN PORTO, INTERVENTO DELLA GUARDIA COSTIERA”

Immagine segnaposto

A gonfie vele il progetto alternanza scuola lavoro tra Capitaneria di porto ed Istituto Nautico di Viareggio