Anche in vista dell’approssimarsi delle festività Natalizie, continua la vigilanza della Capitaneria di porto di Viareggio in materia di tracciabilità ed etichettatura dei prodotti ittici a tutela dei consumatori.
I controlli si sono estesi nell’entroterra delle Provincie di Lucca e Pistoia.  In particolare, presso un distributore all’ingrosso di Chiesina Uzzanese (PT), sono state sottoposte a sequestro 9 cassette di pesce fresco per un totale di  circa 30 kg. di prodotti (tra cui triglie, scampi e cicale di mare), per mancanza delle informazioni minime previste dal sistema di marchiatura obbligatorio in vigore dal 1 gennaio 2015. 
Inoltre, i militari hanno accertato che 3 cassette delle 9 sequestrate non avevano neppure la prevista documentazione di accompagnamento (bolla/fattura), indispensabile per verificare la lecita  provenienza dei prodotti.
Saranno pertanto contestate violazioni anche agli armatori dei due pescherecci (di Livorno e Viareggio) che non hanno effettuato, al momento dello sbarco del pescato, la pesatura e la marchiatura delle cassette ai sensi delle normative comunitarie vigenti. Il totale dei 3 verbali amministrativi ammonterà a  4.500 euro.       
I prodotti ittici, sottoposti a sequestro perché non rintracciabili e quindi non commercializzabili,  saranno devoluti in beneficienza una volta esperite le dovute verifiche igienico-sanitarie.
L’attività posta in essere ha come obiettivo primario quello di scoraggiare i comportamenti illeciti, nonché tutelare sia i consumatori finali sia i vari attori della filiera (pescatori, grossisti e ristoratori) che si comportano in modo corretto e rispettoso delle regole.
20/11/2015 Viareggio

Anche in vista dell’approssimarsi delle festività Natalizie, continua la vigilanza della Capitaneria di porto di Viareggio in materia di tracciabilità ed etichettatura dei prodotti ittici a tutela dei consumatori.
I controlli si sono estesi nell’entroterra delle Provincie di Lucca e Pistoia.  In particolare, presso un distributore all’ingrosso di Chiesina Uzzanese (PT), sono state sottoposte a sequestro 9 cassette di pesce fresco per un totale di  circa 30 kg. di prodotti (tra cui triglie, scampi e cicale di mare), per mancanza delle informazioni minime previste dal sistema di marchiatura obbligatorio in vigore dal 1 gennaio 2015. 
Inoltre, i militari hanno accertato che 3 cassette delle 9 sequestrate non avevano neppure la prevista documentazione di accompagnamento (bolla/fattura), indispensabile per verificare la lecita  provenienza dei prodotti.
Saranno pertanto contestate violazioni anche agli armatori dei due pescherecci (di Livorno e Viareggio) che non hanno effettuato, al momento dello sbarco del pescato, la pesatura e la marchiatura delle cassette ai sensi delle normative comunitarie vigenti. Il totale dei 3 verbali amministrativi ammonterà a  4.500 euro.       
I prodotti ittici, sottoposti a sequestro perché non rintracciabili e quindi non commercializzabili,  saranno devoluti in beneficienza una volta esperite le dovute verifiche igienico-sanitarie.
L’attività posta in essere ha come obiettivo primario quello di scoraggiare i comportamenti illeciti, nonché tutelare sia i consumatori finali sia i vari attori della filiera (pescatori, grossisti e ristoratori) che si comportano in modo corretto e rispettoso delle regole.

Viareggio

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio, settimana di cultura del mare ed educazione ambientale.

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio a Vagli di Sopra per l’educazione ambientale

Immagine segnaposto

“VIAREGGIO, TRONCO D’ALBERO ALLA DERIVA IN PORTO, INTERVENTO DELLA GUARDIA COSTIERA”

Immagine segnaposto

A gonfie vele il progetto alternanza scuola lavoro tra Capitaneria di porto ed Istituto Nautico di Viareggio