​E' passato un po' di tempo, ma l'obiettivo è stato raggiunto: sono iniziate in questi giorni le operazioni di restauro del "dolium" in terracotta (risalente ad un periodo compreso tra il 50 a.c. ed il 50 d.c. e caduto in mare presumibilmente da una nave oneraria di epoca romana), recuperato nel maggio 2013 nelle acque davanti a Viareggio ad una profondità di circa 400 metri.

La Capitaneria di porto di Viareggio ha seguito in questi mesi tutte le incombenze amministrative ed autorizzatorie con la Soprintendenza per i beni archeologici della Toscana, dapprima per il trasferimento del prezioso reperto archeologico presso il cantiere delle Navi Romane di Pisa-San Rossore e successivamente per l'allestimento di un apposito laboratorio temporaneo per il restauro a cura di ditta specializzata.

Come si ricorderà, la "pesca straordinaria" (il dolio ha una altezza di circa cm 160 X cm 150 di diametro) era stata effettuata dal motopesca della marineria viareggina "Leonarda Madre": il proprietario, Antonio Policardi, fin dalle prime delicate fasi del ritrovamento aveva mostrato una particolare sensibilità per il "dolium", esprimendo il desiderio di vederlo conservato ed esposto al pubblico presso la sede storica della Capitaneria di porto di Viareggio.

Del resto, la città di Viareggio, in particolare presso il Museo della Marineria, ospita già preziosi cimeli storici che rievocano tradizioni ed eventi di vita marinara nonché del patrimonio archeologico sommerso, al quale la Capitaneria di porto – Guardia Costiera pone particolare attenzione in considerazione della dipendenza funzionale, per questi aspetti, dal Ministero per i beni e le attività culturali.

In attesa del completamento dei lavori, il Comandante Davide Oddone ha espresso viva soddisfazione per il risultato raggiunto, ringraziando in particolar modo la Fondazione Banca del Monte di Lucca che lo ha reso concretamente possibile.

Da sempre infatti, la Fondazione persegue scopi di utilità sociale legati anche al sostegno, alla valorizzazione ed alla promozione del patrimonio artistico, culturale ed ambientale del territorio, soprattutto a favore della Provincia di Lucca: in questo caso un importante reperto storico proviene dall'ambiente marino, a testimonianza della ricchezza inestimabile anche sotto questo profilo del litorale della Versilia e delle sue acque.

22/01/2016 Viareggio

​E' passato un po' di tempo, ma l'obiettivo è stato raggiunto: sono iniziate in questi giorni le operazioni di restauro del "dolium" in terracotta (risalente ad un periodo compreso tra il 50 a.c. ed il 50 d.c. e caduto in mare presumibilmente da una nave oneraria di epoca romana), recuperato nel maggio 2013 nelle acque davanti a Viareggio ad una profondità di circa 400 metri.

La Capitaneria di porto di Viareggio ha seguito in questi mesi tutte le incombenze amministrative ed autorizzatorie con la Soprintendenza per i beni archeologici della Toscana, dapprima per il trasferimento del prezioso reperto archeologico presso il cantiere delle Navi Romane di Pisa-San Rossore e successivamente per l'allestimento di un apposito laboratorio temporaneo per il restauro a cura di ditta specializzata.

Come si ricorderà, la "pesca straordinaria" (il dolio ha una altezza di circa cm 160 X cm 150 di diametro) era stata effettuata dal motopesca della marineria viareggina "Leonarda Madre": il proprietario, Antonio Policardi, fin dalle prime delicate fasi del ritrovamento aveva mostrato una particolare sensibilità per il "dolium", esprimendo il desiderio di vederlo conservato ed esposto al pubblico presso la sede storica della Capitaneria di porto di Viareggio.

Del resto, la città di Viareggio, in particolare presso il Museo della Marineria, ospita già preziosi cimeli storici che rievocano tradizioni ed eventi di vita marinara nonché del patrimonio archeologico sommerso, al quale la Capitaneria di porto – Guardia Costiera pone particolare attenzione in considerazione della dipendenza funzionale, per questi aspetti, dal Ministero per i beni e le attività culturali.

In attesa del completamento dei lavori, il Comandante Davide Oddone ha espresso viva soddisfazione per il risultato raggiunto, ringraziando in particolar modo la Fondazione Banca del Monte di Lucca che lo ha reso concretamente possibile.

Da sempre infatti, la Fondazione persegue scopi di utilità sociale legati anche al sostegno, alla valorizzazione ed alla promozione del patrimonio artistico, culturale ed ambientale del territorio, soprattutto a favore della Provincia di Lucca: in questo caso un importante reperto storico proviene dall'ambiente marino, a testimonianza della ricchezza inestimabile anche sotto questo profilo del litorale della Versilia e delle sue acque.

Viareggio

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio, settimana di cultura del mare ed educazione ambientale.

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio a Vagli di Sopra per l’educazione ambientale

Immagine segnaposto

“VIAREGGIO, TRONCO D’ALBERO ALLA DERIVA IN PORTO, INTERVENTO DELLA GUARDIA COSTIERA”

Immagine segnaposto

A gonfie vele il progetto alternanza scuola lavoro tra Capitaneria di porto ed Istituto Nautico di Viareggio