​Si è conclusa da qualche settimana l'operazione "Mare sicuro 2015" che ha visto la Guardia costiera impegnata in mare e sulle spiagge per garantire la sicurezza di bagnanti e diportisti, ma l'attività dei militari del Comandante Oddone non si ferma.

Questa mattina, infatti, nello specchio acqueo davanti a piazza Mazzini a Viareggio, si è svolta una esercitazione congiunta tra Guardia costiera e 118, che ha visto due motovedette della Capitaneria di porto ed il personale sanitario collaborare per testare le procedure operative previste nel "protocollo per il soccorso sanitario in mare", in vigore dal 2011.

Presente anche la Croce Rossa, comitato locale di Viareggio, con una autoambulanza.

Nell'evento è stato simulato un problema di natura sanitaria a bordo di un'unità da pesca: come prevede il protocollo, il personale del 118 è imbarcato a bordo della motovedetta SAR CP 813  per raggiungere l'unità in difficoltà e prestare i primi soccorsi.

L'infortunato è stato quindi trasbordato sulla mezzo dalla Guardia Costiera per il successivo sbarco in porto ed il trasferimento in Ospedale.

L'esercitazione congiunta è stata ancora una volta l'occasione per testare tempi e procedure di risposta in caso di simili eventi, nonché per verificare le corrette modalità di intervento sanitario in mare, rese talvolta difficoltose dalle condizioni meteo-marine non favorevoli.

Soddisfazione di tutti i partecipanti al termine dell'attività, che evidenzia la perfetta sinergia tra le Istituzioni impegnate ogni giorno per la sicurezza della collettività, anche navigante.

09/10/2015 Viareggio

​Si è conclusa da qualche settimana l'operazione "Mare sicuro 2015" che ha visto la Guardia costiera impegnata in mare e sulle spiagge per garantire la sicurezza di bagnanti e diportisti, ma l'attività dei militari del Comandante Oddone non si ferma.

Questa mattina, infatti, nello specchio acqueo davanti a piazza Mazzini a Viareggio, si è svolta una esercitazione congiunta tra Guardia costiera e 118, che ha visto due motovedette della Capitaneria di porto ed il personale sanitario collaborare per testare le procedure operative previste nel "protocollo per il soccorso sanitario in mare", in vigore dal 2011.

Presente anche la Croce Rossa, comitato locale di Viareggio, con una autoambulanza.

Nell'evento è stato simulato un problema di natura sanitaria a bordo di un'unità da pesca: come prevede il protocollo, il personale del 118 è imbarcato a bordo della motovedetta SAR CP 813  per raggiungere l'unità in difficoltà e prestare i primi soccorsi.

L'infortunato è stato quindi trasbordato sulla mezzo dalla Guardia Costiera per il successivo sbarco in porto ed il trasferimento in Ospedale.

L'esercitazione congiunta è stata ancora una volta l'occasione per testare tempi e procedure di risposta in caso di simili eventi, nonché per verificare le corrette modalità di intervento sanitario in mare, rese talvolta difficoltose dalle condizioni meteo-marine non favorevoli.

Soddisfazione di tutti i partecipanti al termine dell'attività, che evidenzia la perfetta sinergia tra le Istituzioni impegnate ogni giorno per la sicurezza della collettività, anche navigante.

Viareggio

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio, settimana di cultura del mare ed educazione ambientale.

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio a Vagli di Sopra per l’educazione ambientale

Immagine segnaposto

“VIAREGGIO, TRONCO D’ALBERO ALLA DERIVA IN PORTO, INTERVENTO DELLA GUARDIA COSTIERA”

Immagine segnaposto

A gonfie vele il progetto alternanza scuola lavoro tra Capitaneria di porto ed Istituto Nautico di Viareggio