​​ Anche il porto di Viareggio ed il litorale della Versilia sono stati messi a dura prova dalle pessime condizioni meteomarine degli ultimi giorni.

Si sono registrati venti fino a 40 nodi e mareggiate forza 5/6 con onde fino a 5 metri: gli effetti si sono notati in porto e sulle spiagge.

Gli uomini della Capitaneria di porto –Guardia Costiera dell’Ufficio Nostromi, anche a seguito di numerose segnalazioni pervenute dai cittadini e dagli operatori portuali, hanno incrementato la vigilanza su tutte le imbarcazioni, in particolare su quelle ormeggiate lungo il Canale Burlamacca, contattando tramite la banca dati in dotazione i proprietari di diverse unità navali che rischiavano di rompere gli ormeggi e diventare pericolose per la sicurezza della navigazione.

All’altezza dello scalo pubblico in fondo a Via Coppino è stato invece recuperato e messo in sicurezza un grosso tronco di circa 10 metri: sono in corso le procedure di smaltimento a cura di Sea Ambiente.

Anche per i naviganti non sono mancate le difficoltà: in particolare, una nave di bandiera panamense, alla fonda in attesa di ordini nelle acque prospicienti Viareggio, ha contattato la sala operativa della Capitaneria di porto segnalando l’infortunio occorso ad marittimo di nazionalità cinese.

Il Comando di bordo è stato quindi messo in contatto per una prima assistenza sanitaria con il servizio del CIRM (Centro Internazionale Radio Medico), che ha consigliato lo sbarco nel primo porto utile. L’operazione di evacuazione medica e successiva ospedalizzazione del marittimo è avvenuta nel porto di la Spezia, con l’intervento di una motovedetta della Guardia Costiera.

Anche nelle prossime ore sono previste perturbazioni, pertanto la Guardia Costiera invita a consultare attentamente i bollettini meteo-marini prima di intraprendere la navigazione e contattare il numero blu gratuito 1530 per ogni emergenza in mare.  

12/02/2016 Viareggio

​​ Anche il porto di Viareggio ed il litorale della Versilia sono stati messi a dura prova dalle pessime condizioni meteomarine degli ultimi giorni.

Si sono registrati venti fino a 40 nodi e mareggiate forza 5/6 con onde fino a 5 metri: gli effetti si sono notati in porto e sulle spiagge.

Gli uomini della Capitaneria di porto –Guardia Costiera dell’Ufficio Nostromi, anche a seguito di numerose segnalazioni pervenute dai cittadini e dagli operatori portuali, hanno incrementato la vigilanza su tutte le imbarcazioni, in particolare su quelle ormeggiate lungo il Canale Burlamacca, contattando tramite la banca dati in dotazione i proprietari di diverse unità navali che rischiavano di rompere gli ormeggi e diventare pericolose per la sicurezza della navigazione.

All’altezza dello scalo pubblico in fondo a Via Coppino è stato invece recuperato e messo in sicurezza un grosso tronco di circa 10 metri: sono in corso le procedure di smaltimento a cura di Sea Ambiente.

Anche per i naviganti non sono mancate le difficoltà: in particolare, una nave di bandiera panamense, alla fonda in attesa di ordini nelle acque prospicienti Viareggio, ha contattato la sala operativa della Capitaneria di porto segnalando l’infortunio occorso ad marittimo di nazionalità cinese.

Il Comando di bordo è stato quindi messo in contatto per una prima assistenza sanitaria con il servizio del CIRM (Centro Internazionale Radio Medico), che ha consigliato lo sbarco nel primo porto utile. L’operazione di evacuazione medica e successiva ospedalizzazione del marittimo è avvenuta nel porto di la Spezia, con l’intervento di una motovedetta della Guardia Costiera.

Anche nelle prossime ore sono previste perturbazioni, pertanto la Guardia Costiera invita a consultare attentamente i bollettini meteo-marini prima di intraprendere la navigazione e contattare il numero blu gratuito 1530 per ogni emergenza in mare.  

Viareggio

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio, settimana di cultura del mare ed educazione ambientale.

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio a Vagli di Sopra per l’educazione ambientale

Immagine segnaposto

“VIAREGGIO, TRONCO D’ALBERO ALLA DERIVA IN PORTO, INTERVENTO DELLA GUARDIA COSTIERA”

Immagine segnaposto

A gonfie vele il progetto alternanza scuola lavoro tra Capitaneria di porto ed Istituto Nautico di Viareggio