Curriculum vitae

Data di nascita:    12 marzo 1970

Comune di nascita: Cosenza 

Il C.F. (CP) Giovanni CALVELLI è un Ufficiale dei ruoli normali del Corpo delle Capitanerie di porto, nel quale è entrato a far parte dal 5 settembre 1997, con il grado di Sottotenente di Vascello.

Prima di entrare nel Corpo delle CP, nel 1995 ha conseguito la Laurea magistrale in Giurisprudenza (voto 104/100) presso l'omonima Facoltà dell'Università degli Studi di Messina, con una Tesi sperimentale in Diritto Costituzionale, sui "Conflitti di attribuzione tra i poteri dello Stato". Dal 3 novembre 1995 al 4 settembre 1997 è stato Agente Ausiliario della Polizia di Stato a seguito di superamento del relativo Concorso pubblico, prestando servizio a Vibo Valentia, al termine del relativo Corso di formazione presso la Scuola Allievi Agenti di Trieste.

Terminata l'esperienza in Polizia – durante la quale è stato più volte impiegato in missioni di ordine pubblico per la tutela della pubblica incolumità nel corso di manifestazioni sportive e sociali di vario genere nell'ambito delle provincie calabre, ha iniziato la propria carriera nel Corpo delle Capitanerie di porto, frequentando il relativo Corso formativo presso l'Accademia Navale di Livorno, al termine del quale è stato assegnato, quale prima destinazione, presso la Capitaneria di porto di Reggio Calabria, ove è rimasto fino all'anno 2006.

Durante la lunga permanenza presso la Capitaneria di porto di Reggio Calabria, ha svolto svariati incarichi di tipo sia giuridico-amministrativo che prettamente tecnico-operativo, tra i quali quelli di Capo Sezione Contenzioso e Polizia Giudiziaria, Capo Sezione Gente di Mare, Capo Sezione Unità Navali, Capo Sezione Tecnica, Sostituto del Capo Sala Operativa, addetto al Centro di Controllo Area Pesca.

A seguito della frequenza del relativo Corso di Formazione, nell'anno 2000 ha acquisito la qualifica di Ispettore Comunitario della Pesca, e come tale impiegato – sulla base delle Direttive europee e degli indirizzi forniti dal proprio Comando di Reggio Calabria e dal Comando generale – in svariate operazioni complesse di vigilanza sulla filiera della pesca sia terra, presso i vari esercizi commerciali dell'intero territorio calabro, che nell'ambito del Mar Tirreno meridionale, dalle coste della Calabria, fino alle Isole Eolie ed alle coste della Campania, finalizzate al contrasto della pesca illegale ed alla tutela delle risorse ittiche, soprattutto contro l'uso delle reti da posta derivanti, bandite dall'Unione europea.

Nel corso del servizio presso la Capitaneria di porto di Reggio Calabria in qualità di Capo Sezione Polizia Giudiziaria e Unità navali, negli stessi anni compresi tra il 1999 ed il 2003, il Comandante CALVELLI ha, altresì, personalmente partecipato e condotto a bordo di unità navale d'altura della stessa Capitaneria, svariate operazioni di soccorso a favore di cittadini extracomunitari, al largo delle coste ioniche della Calabria, che, nel contempo, hanno portato all'individuazione, arresto e denuncia degli "scafisti" responsabili dell'immigrazione clandestina di quelle persone e della relativa tratta di esseri umani.

Sempre nel grado di Tenente di Vascello, dal settembre 2006 al settembre 2007, è stato Comandante dell'Ufficio Circondariale marittimo di Monopoli (BA), interessandosi particolarmente, oltre che delle tematiche legate alla tutela demaniale e ambientale e al locale ceto peschereccio, importante fonte produttiva dell'economia cittadina, anche allo sviluppo delle attività portuali, attraverso l'elaborazione, curata personalmente, degli appositi strumenti operativi e preventivi di security portuale, che hanno permesso, per la prima volta nel Porto di Monopoli, di ricevere un traffico di piccole navi da crociera.

Terminato il periodo di comando a Monopoli, nel grado di Capitano di Corvetta, dal settembre 2007 al luglio 2010, è stato destinato presso il 2° Reparto "Affari giuridici e Servizi d'istituto" del Comando generale del Corpo delle Capitanerie di porto di Roma, con l'incarico di Capo Sezione Servizi Tecnico-amministrativi, occupandosi di svariate problematiche afferenti ai vari sevizi d'istituto del Corpo, con particolare riguardo alla disciplina del Diporto Nautico (nel cui ambito, ha fattivamente partecipato alla stesura, a livello ministeriale, di varie fonti normative di settore), alla disciplina delle Associazioni di volontariato impiegabili nel settore marittimo, ai servizi tecnico-nautici del pilotaggio e dell'ormeggio.

Dal luglio 2010 a settembre 2017 è stato assegnato alla Capitaneria di porto di Genova-Direzione marittima della Liguria, con l'incarico di Assistente del Direttore marittimo e Capo Ufficio Studi e Relazioni esterne della stessa Capitaneria.

In tale veste, oltre ai compiti di rappresentanza e di Capo Ufficio Stampa, tipici dell'incarico, ha avuto modo di coordinare e portare avanti svariate iniziative nel campo dell'organizzazione di grandi eventi, dell'alternanza scuola-lavoro a favore degli alunni degli Istituti nautici, nonché essere impiegato in qualità di docente in alcuni Corsi di formazione e Master Universitari promossi dalla Regione Liguria a favore di personale del Corpo e Studenti universitari.

Dal 16 settembre 2017 è il Comandante della Capitaneria di porto di Viareggio.

 

RICONOSCIMENTI:

  • Croce d'argento per anzianità di servizio militare (16 anni);
  • Croce con spade pro merito melitensi del Sovrano Militare Ordine di Malta;
  • n° 4 Encomi semplici;
  • n° 16 Elogi;


CAPITANO DI FREGATA (CP) dal 16/09/2017 al 20/09/2019

 

Curriculum vitae

Data di nascita:    12 marzo 1970

Comune di nascita: Cosenza 

Il C.F. (CP) Giovanni CALVELLI è un Ufficiale dei ruoli normali del Corpo delle Capitanerie di porto, nel quale è entrato a far parte dal 5 settembre 1997, con il grado di Sottotenente di Vascello.

Prima di entrare nel Corpo delle CP, nel 1995 ha conseguito la Laurea magistrale in Giurisprudenza (voto 104/100) presso l'omonima Facoltà dell'Università degli Studi di Messina, con una Tesi sperimentale in Diritto Costituzionale, sui "Conflitti di attribuzione tra i poteri dello Stato". Dal 3 novembre 1995 al 4 settembre 1997 è stato Agente Ausiliario della Polizia di Stato a seguito di superamento del relativo Concorso pubblico, prestando servizio a Vibo Valentia, al termine del relativo Corso di formazione presso la Scuola Allievi Agenti di Trieste.

Terminata l'esperienza in Polizia – durante la quale è stato più volte impiegato in missioni di ordine pubblico per la tutela della pubblica incolumità nel corso di manifestazioni sportive e sociali di vario genere nell'ambito delle provincie calabre, ha iniziato la propria carriera nel Corpo delle Capitanerie di porto, frequentando il relativo Corso formativo presso l'Accademia Navale di Livorno, al termine del quale è stato assegnato, quale prima destinazione, presso la Capitaneria di porto di Reggio Calabria, ove è rimasto fino all'anno 2006.

Durante la lunga permanenza presso la Capitaneria di porto di Reggio Calabria, ha svolto svariati incarichi di tipo sia giuridico-amministrativo che prettamente tecnico-operativo, tra i quali quelli di Capo Sezione Contenzioso e Polizia Giudiziaria, Capo Sezione Gente di Mare, Capo Sezione Unità Navali, Capo Sezione Tecnica, Sostituto del Capo Sala Operativa, addetto al Centro di Controllo Area Pesca.

A seguito della frequenza del relativo Corso di Formazione, nell'anno 2000 ha acquisito la qualifica di Ispettore Comunitario della Pesca, e come tale impiegato – sulla base delle Direttive europee e degli indirizzi forniti dal proprio Comando di Reggio Calabria e dal Comando generale – in svariate operazioni complesse di vigilanza sulla filiera della pesca sia terra, presso i vari esercizi commerciali dell'intero territorio calabro, che nell'ambito del Mar Tirreno meridionale, dalle coste della Calabria, fino alle Isole Eolie ed alle coste della Campania, finalizzate al contrasto della pesca illegale ed alla tutela delle risorse ittiche, soprattutto contro l'uso delle reti da posta derivanti, bandite dall'Unione europea.

Nel corso del servizio presso la Capitaneria di porto di Reggio Calabria in qualità di Capo Sezione Polizia Giudiziaria e Unità navali, negli stessi anni compresi tra il 1999 ed il 2003, il Comandante CALVELLI ha, altresì, personalmente partecipato e condotto a bordo di unità navale d'altura della stessa Capitaneria, svariate operazioni di soccorso a favore di cittadini extracomunitari, al largo delle coste ioniche della Calabria, che, nel contempo, hanno portato all'individuazione, arresto e denuncia degli "scafisti" responsabili dell'immigrazione clandestina di quelle persone e della relativa tratta di esseri umani.

Sempre nel grado di Tenente di Vascello, dal settembre 2006 al settembre 2007, è stato Comandante dell'Ufficio Circondariale marittimo di Monopoli (BA), interessandosi particolarmente, oltre che delle tematiche legate alla tutela demaniale e ambientale e al locale ceto peschereccio, importante fonte produttiva dell'economia cittadina, anche allo sviluppo delle attività portuali, attraverso l'elaborazione, curata personalmente, degli appositi strumenti operativi e preventivi di security portuale, che hanno permesso, per la prima volta nel Porto di Monopoli, di ricevere un traffico di piccole navi da crociera.

Terminato il periodo di comando a Monopoli, nel grado di Capitano di Corvetta, dal settembre 2007 al luglio 2010, è stato destinato presso il 2° Reparto "Affari giuridici e Servizi d'istituto" del Comando generale del Corpo delle Capitanerie di porto di Roma, con l'incarico di Capo Sezione Servizi Tecnico-amministrativi, occupandosi di svariate problematiche afferenti ai vari sevizi d'istituto del Corpo, con particolare riguardo alla disciplina del Diporto Nautico (nel cui ambito, ha fattivamente partecipato alla stesura, a livello ministeriale, di varie fonti normative di settore), alla disciplina delle Associazioni di volontariato impiegabili nel settore marittimo, ai servizi tecnico-nautici del pilotaggio e dell'ormeggio.

Dal luglio 2010 a settembre 2017 è stato assegnato alla Capitaneria di porto di Genova-Direzione marittima della Liguria, con l'incarico di Assistente del Direttore marittimo e Capo Ufficio Studi e Relazioni esterne della stessa Capitaneria.

In tale veste, oltre ai compiti di rappresentanza e di Capo Ufficio Stampa, tipici dell'incarico, ha avuto modo di coordinare e portare avanti svariate iniziative nel campo dell'organizzazione di grandi eventi, dell'alternanza scuola-lavoro a favore degli alunni degli Istituti nautici, nonché essere impiegato in qualità di docente in alcuni Corsi di formazione e Master Universitari promossi dalla Regione Liguria a favore di personale del Corpo e Studenti universitari.

Dal 16 settembre 2017 è il Comandante della Capitaneria di porto di Viareggio.

 

RICONOSCIMENTI:

  • Croce d'argento per anzianità di servizio militare (16 anni);
  • Croce con spade pro merito melitensi del Sovrano Militare Ordine di Malta;
  • n° 4 Encomi semplici;
  • n° 16 Elogi;