Per la massima diffusione tra l'utenza marittimo-portuale che opera nel Circondario Marittimo di Viareggio, si trasmette l'Ordinanza numero 21/2016 in data  26 febbraio 2016, con la quale la Capitaneria di porto ha disciplinato i lavori marittimi effettuati con l'impiego di sommozzatori.

Il provvedimento, che abroga la precedente ordinanza risalente al 1994 (la numero 69/94) anche alla luce delle recenti disposizioni legislative in materia di liberalizzazione delle professioni, è il frutto di un percorso condiviso con gli operatori locali di settore e le società rappresentative di categoria, attraverso riunioni tecnico-operative e scambio di pareri.  

Tra le principali novità, lo snellimento di alcune procedure amministrative per l'iscrizione degli operatori subacquei negli appositi  registri conservati presso la Capitaneria di porto.

Inoltre, è stato introdotto un regime più semplice per alcuni lavori urgenti in area portuale connessi alla sicurezza della navigazione ed alla tutela dell'ambiente marino (a titolo esemplificativo, il disincaglio di ancore o il riallineamento di corpi morti e catenarie), senza dimenticare le norme riguardanti la salvaguardia della vita umana in mare, la sicurezza sul lavoro e la tutela di interessi di altra natura (profili igienico-sanitari, fiscali, doganali e di polizia marittima).

L'Ordinanza è consultabile sul sito https://www.guardiacostiera.gov.it/viareggio, nella sezione Ordinanze.  

Il  Comandante Oddone ed i sommozzatori in servizio locale hanno espresso la loro soddisfazione per il provvedimento, che costituisce "un ulteriore passo verso la semplificazione e la razionalizzazione delle procedure amministrative in area portuale, per una maggiore operatività ma sempre nel rispetto dei requisiti minimi di sicurezza". 

ordinanza immersioni professionali feb 2016.pdf

01/03/2016 Viareggio

Per la massima diffusione tra l'utenza marittimo-portuale che opera nel Circondario Marittimo di Viareggio, si trasmette l'Ordinanza numero 21/2016 in data  26 febbraio 2016, con la quale la Capitaneria di porto ha disciplinato i lavori marittimi effettuati con l'impiego di sommozzatori.

Il provvedimento, che abroga la precedente ordinanza risalente al 1994 (la numero 69/94) anche alla luce delle recenti disposizioni legislative in materia di liberalizzazione delle professioni, è il frutto di un percorso condiviso con gli operatori locali di settore e le società rappresentative di categoria, attraverso riunioni tecnico-operative e scambio di pareri.  

Tra le principali novità, lo snellimento di alcune procedure amministrative per l'iscrizione degli operatori subacquei negli appositi  registri conservati presso la Capitaneria di porto.

Inoltre, è stato introdotto un regime più semplice per alcuni lavori urgenti in area portuale connessi alla sicurezza della navigazione ed alla tutela dell'ambiente marino (a titolo esemplificativo, il disincaglio di ancore o il riallineamento di corpi morti e catenarie), senza dimenticare le norme riguardanti la salvaguardia della vita umana in mare, la sicurezza sul lavoro e la tutela di interessi di altra natura (profili igienico-sanitari, fiscali, doganali e di polizia marittima).

L'Ordinanza è consultabile sul sito https://www.guardiacostiera.gov.it/viareggio, nella sezione Ordinanze.  

Il  Comandante Oddone ed i sommozzatori in servizio locale hanno espresso la loro soddisfazione per il provvedimento, che costituisce "un ulteriore passo verso la semplificazione e la razionalizzazione delle procedure amministrative in area portuale, per una maggiore operatività ma sempre nel rispetto dei requisiti minimi di sicurezza". 

ordinanza immersioni professionali feb 2016.pdf

Viareggio

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio, settimana di cultura del mare ed educazione ambientale.

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio a Vagli di Sopra per l’educazione ambientale

Immagine segnaposto

“VIAREGGIO, TRONCO D’ALBERO ALLA DERIVA IN PORTO, INTERVENTO DELLA GUARDIA COSTIERA”

Immagine segnaposto

A gonfie vele il progetto alternanza scuola lavoro tra Capitaneria di porto ed Istituto Nautico di Viareggio