​iaNell’ambito della consueta attività di vigilanza portuale, ambientale e sulla sicurezza della navigazione, nella notte appena trascorsa personale della Capitaneria di porto ha eseguito vari controlli all’interno del porto di Viareggio. Con l’ausilio del gommone CG A 078 i militari hanno ispezionato, banchina per banchina, i vari specchi acquei portuali.
Sono state recuperate e sottoposte a sequestro contro ignoti varie attrezzature illegali da pesca (in particolare nasse artigianali per la pesca del novellame di anguilla).
Sempre all’interno del porto, sono state rinvenute e salpate due reti ancora prive di pescato ma potenzialmente pericolose per la sicurezza della navigazione: una prima rete da posta, di circa 700 metri, è stata recuperata nello specchio acqueo di fronte al Cantiere Overmarine; una seconda rete, lunga circa 300 metri, è stata recuperata in avamporto, di fronte al Polo Nautico. Sono stati inoltre individuati alcuni barchini, in cattivo stato di manutenzione e sprovvisti delle dotazioni minime di sicurezza, che potrebbero essere utilizzati per il posizionamento delle reti in area portuale: sono in corso accertamenti a cura dell’Ufficio Nostromi per risalire a proprietari ed eventuali utilizzatori. Infine, nel Canale Burlamacca all’altezza della Madonnina, è stato individuato un natante all’ormeggio semi affondato, probabilmente a seguito del maltempo e delle mareggiate dei giorni scorsi: grazie alla aggiornata banca dati in dotazione alla Capitaneria di porto è già stato interessato il proprietario affinchè proceda con urgenza alle operazioni di messa in sicurezza dell’unità.
24/02/2016 Viareggio

​iaNell’ambito della consueta attività di vigilanza portuale, ambientale e sulla sicurezza della navigazione, nella notte appena trascorsa personale della Capitaneria di porto ha eseguito vari controlli all’interno del porto di Viareggio. Con l’ausilio del gommone CG A 078 i militari hanno ispezionato, banchina per banchina, i vari specchi acquei portuali.
Sono state recuperate e sottoposte a sequestro contro ignoti varie attrezzature illegali da pesca (in particolare nasse artigianali per la pesca del novellame di anguilla).
Sempre all’interno del porto, sono state rinvenute e salpate due reti ancora prive di pescato ma potenzialmente pericolose per la sicurezza della navigazione: una prima rete da posta, di circa 700 metri, è stata recuperata nello specchio acqueo di fronte al Cantiere Overmarine; una seconda rete, lunga circa 300 metri, è stata recuperata in avamporto, di fronte al Polo Nautico. Sono stati inoltre individuati alcuni barchini, in cattivo stato di manutenzione e sprovvisti delle dotazioni minime di sicurezza, che potrebbero essere utilizzati per il posizionamento delle reti in area portuale: sono in corso accertamenti a cura dell’Ufficio Nostromi per risalire a proprietari ed eventuali utilizzatori. Infine, nel Canale Burlamacca all’altezza della Madonnina, è stato individuato un natante all’ormeggio semi affondato, probabilmente a seguito del maltempo e delle mareggiate dei giorni scorsi: grazie alla aggiornata banca dati in dotazione alla Capitaneria di porto è già stato interessato il proprietario affinchè proceda con urgenza alle operazioni di messa in sicurezza dell’unità.

Viareggio

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio, settimana di cultura del mare ed educazione ambientale.

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio a Vagli di Sopra per l’educazione ambientale

Immagine segnaposto

“VIAREGGIO, TRONCO D’ALBERO ALLA DERIVA IN PORTO, INTERVENTO DELLA GUARDIA COSTIERA”

Immagine segnaposto

A gonfie vele il progetto alternanza scuola lavoro tra Capitaneria di porto ed Istituto Nautico di Viareggio