Dal 18 ottobre la Motodraga CUCCO al lavoro davanti al porto

 

VIAREGGIO 17 ottobre 2017. Saranno, per il momento, 20.000 i metri cubi di sedimenti che su appalto conferito dall'Autorità portuale regionale la ditta La Dragaggi s.r.l. di Marghera (VE) preleverà, mediante la Motodraga GIUSEPPE CUCCO, dalla brema di sabbia antistante l'imboccatura del porto di Viareggio per poi utilizzarli per il ripascimento della spiaggia antistante Piazza Mazzini.

Con la pubblicazione dell'Ordinanza di sicurezza della navigazione n° 188/2017, appositamente emanata dalla Capitaneria di porto per disciplinare la sicurezza a mare delle operazioni, si è così concluso un importante iter amministrativo che, partito dall'Autorità portuale regionale, permetterà, sulla base di apposita Autorizzazione regionale di approvazione del relativo progetto di prelievo e conferimento dei sedimenti marini, la rimozione di quella "secca di sabbia" che attualmente rende difficoltose le manovre di ingresso e uscita dal porto di Viareggio, riportando le quote di pescaggio a profondità più funzionali alle esigenze dei grandi Yachts.

Questa operazione rappresenta la prima tranche, per il biennio 2017/2018, di un più ampio progetto di dragaggio dell'intera brema di sabbia che dallo specchio acqueo antistante l'imboccatura si estende fino a lambire la spiaggia formatasi davanti alla diga foranea, per un totale di circa 110.000 metri cubi, che l'Autorità portuale sta contestualmente portando avanti.

Vediamo quali divieti impone l'Ordinanza 188 della Capitaneria di porto per consentire l'esecuzione in sicurezza dei lavori di escavo.

Per tutta la durata delle operazioni, previste dal 18 ottobre fino al 17 novembre, sarà VIETATO a tutte le unità navali in ingresso ed in uscita dal porto di Viareggio, transitare, sostare od effettuare qualsiasi attività di superficie e subacquea, ad una distanza inferiore a 100 metri dalla motodraga GIUSEPPE CUCCO. Inoltre, nelle aree oggetto dei lavori sia di escavo che di ripascimento sono, altresì, vietate la balneazione, la pesca subacquea e l'attività di immersione per qualunque finalità.

Oltre all'osservanza di ogni precauzione nell'impegnare l'imboccatura del porto, per tutte le unità di lunghezza pari o superiore a 30 metri è inoltre previsto un vero e proprio obbligo di chiamata sul canale VHF alla Capitaneria di porto, al fine di ottenere l'autorizzazione all'ingresso o all'uscita dal porto.

Si allega il testo integrale dell'Ordinanza 188/2017 e uno stralcio planimetrico delle aree lavori.

ORDINANZA ESCAVO DRAGA G CUCCO 0TTOBRE 2017.pdf


17/10/2017 Viareggio

Dal 18 ottobre la Motodraga CUCCO al lavoro davanti al porto

 

VIAREGGIO 17 ottobre 2017. Saranno, per il momento, 20.000 i metri cubi di sedimenti che su appalto conferito dall'Autorità portuale regionale la ditta La Dragaggi s.r.l. di Marghera (VE) preleverà, mediante la Motodraga GIUSEPPE CUCCO, dalla brema di sabbia antistante l'imboccatura del porto di Viareggio per poi utilizzarli per il ripascimento della spiaggia antistante Piazza Mazzini.

Con la pubblicazione dell'Ordinanza di sicurezza della navigazione n° 188/2017, appositamente emanata dalla Capitaneria di porto per disciplinare la sicurezza a mare delle operazioni, si è così concluso un importante iter amministrativo che, partito dall'Autorità portuale regionale, permetterà, sulla base di apposita Autorizzazione regionale di approvazione del relativo progetto di prelievo e conferimento dei sedimenti marini, la rimozione di quella "secca di sabbia" che attualmente rende difficoltose le manovre di ingresso e uscita dal porto di Viareggio, riportando le quote di pescaggio a profondità più funzionali alle esigenze dei grandi Yachts.

Questa operazione rappresenta la prima tranche, per il biennio 2017/2018, di un più ampio progetto di dragaggio dell'intera brema di sabbia che dallo specchio acqueo antistante l'imboccatura si estende fino a lambire la spiaggia formatasi davanti alla diga foranea, per un totale di circa 110.000 metri cubi, che l'Autorità portuale sta contestualmente portando avanti.

Vediamo quali divieti impone l'Ordinanza 188 della Capitaneria di porto per consentire l'esecuzione in sicurezza dei lavori di escavo.

Per tutta la durata delle operazioni, previste dal 18 ottobre fino al 17 novembre, sarà VIETATO a tutte le unità navali in ingresso ed in uscita dal porto di Viareggio, transitare, sostare od effettuare qualsiasi attività di superficie e subacquea, ad una distanza inferiore a 100 metri dalla motodraga GIUSEPPE CUCCO. Inoltre, nelle aree oggetto dei lavori sia di escavo che di ripascimento sono, altresì, vietate la balneazione, la pesca subacquea e l'attività di immersione per qualunque finalità.

Oltre all'osservanza di ogni precauzione nell'impegnare l'imboccatura del porto, per tutte le unità di lunghezza pari o superiore a 30 metri è inoltre previsto un vero e proprio obbligo di chiamata sul canale VHF alla Capitaneria di porto, al fine di ottenere l'autorizzazione all'ingresso o all'uscita dal porto.

Si allega il testo integrale dell'Ordinanza 188/2017 e uno stralcio planimetrico delle aree lavori.

ORDINANZA ESCAVO DRAGA G CUCCO 0TTOBRE 2017.pdf


Viareggio

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio, settimana di cultura del mare ed educazione ambientale.

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio a Vagli di Sopra per l’educazione ambientale

Immagine segnaposto

“VIAREGGIO, TRONCO D’ALBERO ALLA DERIVA IN PORTO, INTERVENTO DELLA GUARDIA COSTIERA”

Immagine segnaposto

A gonfie vele il progetto alternanza scuola lavoro tra Capitaneria di porto ed Istituto Nautico di Viareggio