​​​

In data 11 febbraio 2016, a Viareggio, il Direttore dell’Ufficio delle Dogane di Pisa, dott. Giovanni Parisi, ed il Comandante della Capitaneria di porto di Viareggio, Capitano di Fregata Davide Oddone, hanno stipulato un accordo operativo per un’azione congiunta e coordinata tra i funzionari della Sezione Operativa Territoriale di Viareggio ed il Comando della Capitaneria di Porto di Viareggio, al fine di migliorare il contrasto alle violazioni delle norme di natura tributaria ed extra tributaria in ambito portuale.

L’accordo operativo, che si inserisce in una già consolidata e proficua collaborazione instaurata tra le due Amministrazioni, si pone l’obiettivo di migliorare e snellire lo scambio di informazioni nonché rafforzare gli strumenti di contrasto agli illeciti, coniugando gli aspetti di sicurezza portuale e della navigazione con l’attività di vigilanza sul regime della temporanea importazione per le unità da diporto cosiddette “pleasure” battenti bandiera extracomunitaria e provenienti da paesi Terzi.

"Un risultato importante - hanno commentato i vertici delle Amministrazioni coinvolte – grazie al quale, nel pieno rispetto delle rispettive prerogative istituzionali, militari della Guardia Costiera e funzionari dell'Agenzia delle Dogane potranno lavorare congiuntamente: un ulteriore tassello per rendere le attività di vigilanza e controllo ancor più efficienti e produttive, anche a vantaggio degli utenti portuali che operano nella legalità”. ​

18/02/2016 Viareggio

​​​

In data 11 febbraio 2016, a Viareggio, il Direttore dell’Ufficio delle Dogane di Pisa, dott. Giovanni Parisi, ed il Comandante della Capitaneria di porto di Viareggio, Capitano di Fregata Davide Oddone, hanno stipulato un accordo operativo per un’azione congiunta e coordinata tra i funzionari della Sezione Operativa Territoriale di Viareggio ed il Comando della Capitaneria di Porto di Viareggio, al fine di migliorare il contrasto alle violazioni delle norme di natura tributaria ed extra tributaria in ambito portuale.

L’accordo operativo, che si inserisce in una già consolidata e proficua collaborazione instaurata tra le due Amministrazioni, si pone l’obiettivo di migliorare e snellire lo scambio di informazioni nonché rafforzare gli strumenti di contrasto agli illeciti, coniugando gli aspetti di sicurezza portuale e della navigazione con l’attività di vigilanza sul regime della temporanea importazione per le unità da diporto cosiddette “pleasure” battenti bandiera extracomunitaria e provenienti da paesi Terzi.

"Un risultato importante - hanno commentato i vertici delle Amministrazioni coinvolte – grazie al quale, nel pieno rispetto delle rispettive prerogative istituzionali, militari della Guardia Costiera e funzionari dell'Agenzia delle Dogane potranno lavorare congiuntamente: un ulteriore tassello per rendere le attività di vigilanza e controllo ancor più efficienti e produttive, anche a vantaggio degli utenti portuali che operano nella legalità”. ​

Viareggio

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio, settimana di cultura del mare ed educazione ambientale.

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio a Vagli di Sopra per l’educazione ambientale

Immagine segnaposto

“VIAREGGIO, TRONCO D’ALBERO ALLA DERIVA IN PORTO, INTERVENTO DELLA GUARDIA COSTIERA”

Immagine segnaposto

A gonfie vele il progetto alternanza scuola lavoro tra Capitaneria di porto ed Istituto Nautico di Viareggio