OPERAZIONE EURIBIA: ANCHE A VIAREGGIO

CONTROLLI SU TUTTA LA FILIERA DELLA PESCA

 

L'operazione regionale sulla pesca, denominata "EURIBIA", svolta in tutta la Regione dal 16 al 24 luglio sotto il coordinamento della Direzione Marittima della Toscana, ha visto come protagonisti anche la Capitaneria di porto di Viareggio e l'Ufficio Locale Marittimo di Forte dei Marmi, con mirati controlli nelle Province di competenza di Lucca e Pistoia.

A terra ed in mare, i militari hanno effettuato 57 controlli (28 in mare e 29 a terra), dai grossi centri di distribuzione, ai mercati, ai ristoranti, alle pescherie ed ai pescherecci in attività.

La situazione è risultata nel complesso soddisfacente, anche se non sono mancate  irregolarità. Sono stati infatti elevati 1 notizia di reato e 9 verbali per illeciti amministrativi - per un ammontare complessivo di sanzioni pari ad €. 15.560 - nonché eseguiti n. 7 sequestri amministrativi per un totale di 44 kg di prodotti ittici di varie specie sequestrati.

 

In particolare:

  • n. 2 infrazioni sono state riscontrate presso ristoranti locali (uno di Viareggio ed uno di Marina di Pietrasanta) per l'utilizzo di prodotti ittici congelati con data di scadenza superata, in un caso da oltre 1 anno. Si trattava di 15 kg di salmone e tonno pinne gialle nel primo caso e 3 kg di crostacei nel secondo, prodotti poi sequestrati. Per i titolari è scattata una sanzione da 2.000 euro ciascuno.
  • n. 5 violazioni, con annesso sequestro dei prodotti ittici sia freschi che congelati, sono state elevate a carico di una pescheria di Viareggio ed alcuni ristoranti ed alberghi del litorale versiliese, per mancanza delle informazioni minime sui documenti o sui colli o per mancata rintracciabilità. In questi casi, 1.500 euro di sanzione a carico di ciascun trasgressore;
  • 10 kg di mitili sono stati sequestrati  -  e rigettati in mare poiché ancora vivi - contro ignoti sopresi a raccoglierli sotto il pontile di Lido d Camaiore e dileguatisi senza essere identificati;
  • n. 1 sanzione amministrativa è stata elevata a carico di un peschereccio della locale marineria che navigava con equipaggio inferiore a quanto prescritto dalla tabella di armamento, in violazione dell'art. 317 del Codice della Navigazione;
  • n. 1 notizia di reato, infine, è stata elevata a carico del comandante di un peschereccio  sorpreso a navigare ad una distanza dalla costa superiore al consentito.

 

A fronte dei numerosi controlli effettuati, è emerso che gli operatori del settore rispettano tendenzialmente le norme in materia di pesca; particolarmente gravi sono tuttavia risultati i due casi di prodotti ittici congelati scaduti, peraltro compiuti da attività di ristorazione tipicamente "estive". Proprio a questo tipo di infrazioni era rivolta l'attenzione della Guardia Costiera, con la sua attività di prevenzione e di controllo; l'attenzione rimarrà comunque alta nel mese di agosto a tutela dei consumatori e degli operatori che rispettano le regole. 

02/08/2018 Viareggio

OPERAZIONE EURIBIA: ANCHE A VIAREGGIO

CONTROLLI SU TUTTA LA FILIERA DELLA PESCA

 

L'operazione regionale sulla pesca, denominata "EURIBIA", svolta in tutta la Regione dal 16 al 24 luglio sotto il coordinamento della Direzione Marittima della Toscana, ha visto come protagonisti anche la Capitaneria di porto di Viareggio e l'Ufficio Locale Marittimo di Forte dei Marmi, con mirati controlli nelle Province di competenza di Lucca e Pistoia.

A terra ed in mare, i militari hanno effettuato 57 controlli (28 in mare e 29 a terra), dai grossi centri di distribuzione, ai mercati, ai ristoranti, alle pescherie ed ai pescherecci in attività.

La situazione è risultata nel complesso soddisfacente, anche se non sono mancate  irregolarità. Sono stati infatti elevati 1 notizia di reato e 9 verbali per illeciti amministrativi - per un ammontare complessivo di sanzioni pari ad €. 15.560 - nonché eseguiti n. 7 sequestri amministrativi per un totale di 44 kg di prodotti ittici di varie specie sequestrati.

 

In particolare:

  • n. 2 infrazioni sono state riscontrate presso ristoranti locali (uno di Viareggio ed uno di Marina di Pietrasanta) per l'utilizzo di prodotti ittici congelati con data di scadenza superata, in un caso da oltre 1 anno. Si trattava di 15 kg di salmone e tonno pinne gialle nel primo caso e 3 kg di crostacei nel secondo, prodotti poi sequestrati. Per i titolari è scattata una sanzione da 2.000 euro ciascuno.
  • n. 5 violazioni, con annesso sequestro dei prodotti ittici sia freschi che congelati, sono state elevate a carico di una pescheria di Viareggio ed alcuni ristoranti ed alberghi del litorale versiliese, per mancanza delle informazioni minime sui documenti o sui colli o per mancata rintracciabilità. In questi casi, 1.500 euro di sanzione a carico di ciascun trasgressore;
  • 10 kg di mitili sono stati sequestrati  -  e rigettati in mare poiché ancora vivi - contro ignoti sopresi a raccoglierli sotto il pontile di Lido d Camaiore e dileguatisi senza essere identificati;
  • n. 1 sanzione amministrativa è stata elevata a carico di un peschereccio della locale marineria che navigava con equipaggio inferiore a quanto prescritto dalla tabella di armamento, in violazione dell'art. 317 del Codice della Navigazione;
  • n. 1 notizia di reato, infine, è stata elevata a carico del comandante di un peschereccio  sorpreso a navigare ad una distanza dalla costa superiore al consentito.

 

A fronte dei numerosi controlli effettuati, è emerso che gli operatori del settore rispettano tendenzialmente le norme in materia di pesca; particolarmente gravi sono tuttavia risultati i due casi di prodotti ittici congelati scaduti, peraltro compiuti da attività di ristorazione tipicamente "estive". Proprio a questo tipo di infrazioni era rivolta l'attenzione della Guardia Costiera, con la sua attività di prevenzione e di controllo; l'attenzione rimarrà comunque alta nel mese di agosto a tutela dei consumatori e degli operatori che rispettano le regole. 

Viareggio

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio, settimana di cultura del mare ed educazione ambientale.

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio a Vagli di Sopra per l’educazione ambientale

Immagine segnaposto

“VIAREGGIO, TRONCO D’ALBERO ALLA DERIVA IN PORTO, INTERVENTO DELLA GUARDIA COSTIERA”

Immagine segnaposto

A gonfie vele il progetto alternanza scuola lavoro tra Capitaneria di porto ed Istituto Nautico di Viareggio