​Attimi di paura intorno alle ore 13.00 nel porto di Viareggio, quando dal ciglio della banchina "Fucile" un'auto modello Skoda Yeti è caduta in acqua tra due yacht ormeggiati, inabissandosi rapidamente. Immediatamente si è attivata la catena dei soccorsi, in pochi attimi sul luogo dell'incidente è giunta una pattuglia terrestre dell'Ufficio Nostromi e due motovedette della Guardia Costiera viareggina. Una volta appurato che non vi fossero persone all'interno dell'abitacolo (il proprietario, un 37nne di la spezia, imbarcato su uno yacht all'ormeggio, aveva dimenticato di azionare il freno a mano in fase di parcheggio) sono iniziate le operazioni di recupero dell'autovettura, con il qualificato intervento di sommozzatori e di una ditta locale mediante autogru. Durante le operazioni di recupero sono state precauzionalmente approntate anche  panne assorbenti al fine di scongiurare eventuali fenomeni di inquinamento: la tempestività dell'intervento ha tuttavia scongiurato ogni possibile danno all'ambiente marino e consentito in poco tempo di garantire la sicurezza della navigazione e degli operatori portuali nell'area interessata.    

07/06/2017 Viareggio

​Attimi di paura intorno alle ore 13.00 nel porto di Viareggio, quando dal ciglio della banchina "Fucile" un'auto modello Skoda Yeti è caduta in acqua tra due yacht ormeggiati, inabissandosi rapidamente. Immediatamente si è attivata la catena dei soccorsi, in pochi attimi sul luogo dell'incidente è giunta una pattuglia terrestre dell'Ufficio Nostromi e due motovedette della Guardia Costiera viareggina. Una volta appurato che non vi fossero persone all'interno dell'abitacolo (il proprietario, un 37nne di la spezia, imbarcato su uno yacht all'ormeggio, aveva dimenticato di azionare il freno a mano in fase di parcheggio) sono iniziate le operazioni di recupero dell'autovettura, con il qualificato intervento di sommozzatori e di una ditta locale mediante autogru. Durante le operazioni di recupero sono state precauzionalmente approntate anche  panne assorbenti al fine di scongiurare eventuali fenomeni di inquinamento: la tempestività dell'intervento ha tuttavia scongiurato ogni possibile danno all'ambiente marino e consentito in poco tempo di garantire la sicurezza della navigazione e degli operatori portuali nell'area interessata.    

Viareggio

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio, settimana di cultura del mare ed educazione ambientale.

Immagine segnaposto

Capitaneria di porto di Viareggio a Vagli di Sopra per l’educazione ambientale

Immagine segnaposto

“VIAREGGIO, TRONCO D’ALBERO ALLA DERIVA IN PORTO, INTERVENTO DELLA GUARDIA COSTIERA”

Immagine segnaposto

A gonfie vele il progetto alternanza scuola lavoro tra Capitaneria di porto ed Istituto Nautico di Viareggio