"GRANDE NAVE" DA CROCIERA Di QUASI 300 METRI ATTRAVERSO LA BOCCA DI PORTO DI MALAMOCCO

Alle 5,45 odierne, la EURODAM, nave da crociera di 287 metri di lunghezza e da 2100 passeggeri, è approdata presso il terminal Ve.Con. di Marghera, per poi riprendere il la navigazione nel tardo pomeriggio e lasciare la laguna intorno alle 19,45. Preceduta dalla MS Europa 2, giunta la settimana scorsa al terminal di Fusina, nave di dimensioni decisamente più contenute, si tratta del primo passaggio a Venezia di una nave da crociera di questa imponenza dopo l'entrata in vigore, il primo agosto scorso, del decreto legge 103 del 20 luglio scorso, che vieta il transito delle "grandi navi" attraverso la bocca di porto di Lido ed il conseguente passaggio attraverso il bacino di San Marco ed il canale della Giudecca. La manovra, analogamente a quanto avveniva negli anni passati in occasione della festa del Redentore, allorquando il transito attraverso il bacino di San Marco veniva interdetto, si è svolta, sia in entrata che in uscita, attraverso la bocca di porto di Malamocco, con l'ausilio di due rimorchiatori con cavo "voltato" e la presenza a bordo di due piloti della locale Corporazione, oltre che di personale della Capitaneria di porto, in modo da garantire la massima sicurezza dell'operazione. Inoltre, le fasi dell'entrata e dell'uscita della nave, a partire dalle cinque miglia prima dell'imboccatura del porto, sono state monitorate anche da remoto mediante i sensori asserviti al Vessel Traffic Service presente presso la sala operativa della Capitaneria di Venezia.


13/09/2021 Venezia Eventi

"GRANDE NAVE" DA CROCIERA Di QUASI 300 METRI ATTRAVERSO LA BOCCA DI PORTO DI MALAMOCCO

Alle 5,45 odierne, la EURODAM, nave da crociera di 287 metri di lunghezza e da 2100 passeggeri, è approdata presso il terminal Ve.Con. di Marghera, per poi riprendere il la navigazione nel tardo pomeriggio e lasciare la laguna intorno alle 19,45. Preceduta dalla MS Europa 2, giunta la settimana scorsa al terminal di Fusina, nave di dimensioni decisamente più contenute, si tratta del primo passaggio a Venezia di una nave da crociera di questa imponenza dopo l'entrata in vigore, il primo agosto scorso, del decreto legge 103 del 20 luglio scorso, che vieta il transito delle "grandi navi" attraverso la bocca di porto di Lido ed il conseguente passaggio attraverso il bacino di San Marco ed il canale della Giudecca. La manovra, analogamente a quanto avveniva negli anni passati in occasione della festa del Redentore, allorquando il transito attraverso il bacino di San Marco veniva interdetto, si è svolta, sia in entrata che in uscita, attraverso la bocca di porto di Malamocco, con l'ausilio di due rimorchiatori con cavo "voltato" e la presenza a bordo di due piloti della locale Corporazione, oltre che di personale della Capitaneria di porto, in modo da garantire la massima sicurezza dell'operazione. Inoltre, le fasi dell'entrata e dell'uscita della nave, a partire dalle cinque miglia prima dell'imboccatura del porto, sono state monitorate anche da remoto mediante i sensori asserviti al Vessel Traffic Service presente presso la sala operativa della Capitaneria di Venezia.


Eventi

Immagine segnaposto

RIENTRA NELLA SEDE DI VENEZIA LA VEDETTA CP 287 DOPO PIU’ DI TRE MESI DI MISSIONE A PANTELLERIA

Immagine segnaposto

MAXI OPERAZIONE DELLA GUARDIA COSTIERA DEL VENETO, SEQUESTRATE OLTRE 8 TONNELLATE DI PRODOTTI ITTICI DURANTE L’OPERAZIONE COMPLESSA NAZIONALE “SENZA TRACCIA”

Immagine segnaposto

CRASH DI UN ELICOTTERO A TREPORTI, MA E’ L’ESERCITAZIONE

Immagine segnaposto

TRAGHETTO URTA LA BANCHINA A FUSINA DURANTE L’ORMEGGIO

Venezia

Immagine segnaposto

RIENTRA NELLA SEDE DI VENEZIA LA VEDETTA CP 287 DOPO PIU’ DI TRE MESI DI MISSIONE A PANTELLERIA

Immagine segnaposto

MAXI OPERAZIONE DELLA GUARDIA COSTIERA DEL VENETO, SEQUESTRATE OLTRE 8 TONNELLATE DI PRODOTTI ITTICI DURANTE L’OPERAZIONE COMPLESSA NAZIONALE “SENZA TRACCIA”

Immagine segnaposto

CRASH DI UN ELICOTTERO A TREPORTI, MA E’ L’ESERCITAZIONE

Immagine segnaposto

TRAGHETTO URTA LA BANCHINA A FUSINA DURANTE L’ORMEGGIO