LA GUARDIA COSTIERA COORDINA IL DISINCAGLIO DELLA PORTACONTAINER INSABBIATA AL LARGO DI CORTELLAZZO

​Nel primo pomeriggio, sotto il coordinamento della Guardia Costiera di Venezia e Jesolo, si sono svolte con successo le operazioni di disincaglio della motonave Carla Liv, battente bandiera Isole Marshall, insabbiatasi nella prima mattinata al largo di Cortellazzo. Dopo una fase di esame della carena per verificare l’integrità dello scafo, portata positivamente a termine dal personale del 1° Nucleo Subacqueo della Guardia Costiera, del Comando di San Benedetto del Tronto, già in area per svolgere altre attività di tipo ambientale, veniva autorizzato il rimorchio del mercantile, da parte di due mezzi del servizio di rimorchio del porto di Venezia, in modo da riportare la nave in acque profonde. Sfruttando anche il colmo di marea del primo pomeriggio, le operazioni hanno potuto essere portate a compimento senza intoppi e senza alcuna problematica ambientale, sotto il costante monitoraggio delle motovedette CP 287, con funzione anche di piattaforma logistica per i subacquei, e CP 601 e del gommone B111. Il convoglio formato dai rimorchiatori e dalle motovedette di scorta, quindi, alle ore 15 circa muoveva con destinazione le zone d’ancoraggio prospicenti il Lido, dove proseguiranno le attività di ispezione del mercantile e di verifica circa la dinamica. 

17/07/2021 Venezia Eventi

LA GUARDIA COSTIERA COORDINA IL DISINCAGLIO DELLA PORTACONTAINER INSABBIATA AL LARGO DI CORTELLAZZO

​Nel primo pomeriggio, sotto il coordinamento della Guardia Costiera di Venezia e Jesolo, si sono svolte con successo le operazioni di disincaglio della motonave Carla Liv, battente bandiera Isole Marshall, insabbiatasi nella prima mattinata al largo di Cortellazzo. Dopo una fase di esame della carena per verificare l’integrità dello scafo, portata positivamente a termine dal personale del 1° Nucleo Subacqueo della Guardia Costiera, del Comando di San Benedetto del Tronto, già in area per svolgere altre attività di tipo ambientale, veniva autorizzato il rimorchio del mercantile, da parte di due mezzi del servizio di rimorchio del porto di Venezia, in modo da riportare la nave in acque profonde. Sfruttando anche il colmo di marea del primo pomeriggio, le operazioni hanno potuto essere portate a compimento senza intoppi e senza alcuna problematica ambientale, sotto il costante monitoraggio delle motovedette CP 287, con funzione anche di piattaforma logistica per i subacquei, e CP 601 e del gommone B111. Il convoglio formato dai rimorchiatori e dalle motovedette di scorta, quindi, alle ore 15 circa muoveva con destinazione le zone d’ancoraggio prospicenti il Lido, dove proseguiranno le attività di ispezione del mercantile e di verifica circa la dinamica. 

Eventi

Immagine segnaposto

RIENTRA NELLA SEDE DI VENEZIA LA VEDETTA CP 287 DOPO PIU’ DI TRE MESI DI MISSIONE A PANTELLERIA

Immagine segnaposto

MAXI OPERAZIONE DELLA GUARDIA COSTIERA DEL VENETO, SEQUESTRATE OLTRE 8 TONNELLATE DI PRODOTTI ITTICI DURANTE L’OPERAZIONE COMPLESSA NAZIONALE “SENZA TRACCIA”

Immagine segnaposto

CRASH DI UN ELICOTTERO A TREPORTI, MA E’ L’ESERCITAZIONE

Immagine segnaposto

TRAGHETTO URTA LA BANCHINA A FUSINA DURANTE L’ORMEGGIO

Venezia

Immagine segnaposto

RIENTRA NELLA SEDE DI VENEZIA LA VEDETTA CP 287 DOPO PIU’ DI TRE MESI DI MISSIONE A PANTELLERIA

Immagine segnaposto

MAXI OPERAZIONE DELLA GUARDIA COSTIERA DEL VENETO, SEQUESTRATE OLTRE 8 TONNELLATE DI PRODOTTI ITTICI DURANTE L’OPERAZIONE COMPLESSA NAZIONALE “SENZA TRACCIA”

Immagine segnaposto

CRASH DI UN ELICOTTERO A TREPORTI, MA E’ L’ESERCITAZIONE

Immagine segnaposto

TRAGHETTO URTA LA BANCHINA A FUSINA DURANTE L’ORMEGGIO