UNITÀ DA DIPORTO SI INCAGLIA NEI PRESSI DEL LITORALE DI PELLESTRINA: OPERAZIONE DI SOCCORSO DELLA GUARDIA COSTIERA.

La segnalazione è giunta alle ore 18.15 alla Sala Operativa della Capitaneria di Porto di Venezia: un'imbarcazione da diporto a vela di 12 metri di lunghezza con a bordo 3 persone, in navigazione verso il porto di Chioggia, si era incagliata davanti al litorale di Pellestrina nei pressi dell'ex cantiere navale "De Poli", presumibilmente a ridosso della barriera soffolta collocata poco sotto il pelo d'acqua. Nonostante le buone condizioni meteomarine, la situazione rischiava di peggiorare a causa di una presunta falla a bordo, segnalata dal proprietario dell'unità, che rischiava di compromettere la stabilità dell'imbarcazione mettendo a repentaglio l'incolumità degli occupanti a bordo. Nell'immediato, sotto il coordinamento del 9° Centro di Soccorso Marittimo del Veneto, veniva allertata e fatta dirigere in zona la motovedetta per soccorso d'altura CP826 proveniente dalla Capitaneria di Porto di Chioggia che in brevissimo tempo giungeva sul posto; contestualmente veniva fatto convergere sul luogo anche il battello GC B122 proveniente dal Comando Guardia Costiera di Venezia, che, strutturato con un pescaggio minore, era in grado di affiancarsi all'imbarcazione recuperando 2 dei 3 membri di equipaggio, successivamente trasbordati a bordo della motovedetta più grande CP826 che dirigeva verso il porto di Chioggia. Nel mentre giungeva sul posto anche un mezzo di una ditta privata, che dopo vari tentativi, riusciva a disincagliare l'unità permettendo al proprietario di poterla condurre, scortata in condizioni di sicurezza dall'unità della Guardia Costiera, presso un apposito rimessaggio per l'ormeggio ed i controlli di rito allo scafo. La Guardia Costiera raccomanda, anche ai più esperti, di navigare sempre con la massima prudenza e perizia marinaresca, avendo cura  di  controllare accuratamente le condizioni della propria unità prima di intraprendere la navigazione, nonché di pianificare con attenzione la rotta che si  vorrà seguire durante la navigazione in relazione anche alle caratteristiche della propria unità, mediante la consultazione delle apposite carte e pubblicazioni nautiche.


14/09/2021 Venezia Eventi


UNITÀ DA DIPORTO SI INCAGLIA NEI PRESSI DEL LITORALE DI PELLESTRINA: OPERAZIONE DI SOCCORSO DELLA GUARDIA COSTIERA.

La segnalazione è giunta alle ore 18.15 alla Sala Operativa della Capitaneria di Porto di Venezia: un'imbarcazione da diporto a vela di 12 metri di lunghezza con a bordo 3 persone, in navigazione verso il porto di Chioggia, si era incagliata davanti al litorale di Pellestrina nei pressi dell'ex cantiere navale "De Poli", presumibilmente a ridosso della barriera soffolta collocata poco sotto il pelo d'acqua. Nonostante le buone condizioni meteomarine, la situazione rischiava di peggiorare a causa di una presunta falla a bordo, segnalata dal proprietario dell'unità, che rischiava di compromettere la stabilità dell'imbarcazione mettendo a repentaglio l'incolumità degli occupanti a bordo. Nell'immediato, sotto il coordinamento del 9° Centro di Soccorso Marittimo del Veneto, veniva allertata e fatta dirigere in zona la motovedetta per soccorso d'altura CP826 proveniente dalla Capitaneria di Porto di Chioggia che in brevissimo tempo giungeva sul posto; contestualmente veniva fatto convergere sul luogo anche il battello GC B122 proveniente dal Comando Guardia Costiera di Venezia, che, strutturato con un pescaggio minore, era in grado di affiancarsi all'imbarcazione recuperando 2 dei 3 membri di equipaggio, successivamente trasbordati a bordo della motovedetta più grande CP826 che dirigeva verso il porto di Chioggia. Nel mentre giungeva sul posto anche un mezzo di una ditta privata, che dopo vari tentativi, riusciva a disincagliare l'unità permettendo al proprietario di poterla condurre, scortata in condizioni di sicurezza dall'unità della Guardia Costiera, presso un apposito rimessaggio per l'ormeggio ed i controlli di rito allo scafo. La Guardia Costiera raccomanda, anche ai più esperti, di navigare sempre con la massima prudenza e perizia marinaresca, avendo cura  di  controllare accuratamente le condizioni della propria unità prima di intraprendere la navigazione, nonché di pianificare con attenzione la rotta che si  vorrà seguire durante la navigazione in relazione anche alle caratteristiche della propria unità, mediante la consultazione delle apposite carte e pubblicazioni nautiche.


Eventi

Immagine segnaposto

RIENTRA NELLA SEDE DI VENEZIA LA VEDETTA CP 287 DOPO PIU’ DI TRE MESI DI MISSIONE A PANTELLERIA

Immagine segnaposto

MAXI OPERAZIONE DELLA GUARDIA COSTIERA DEL VENETO, SEQUESTRATE OLTRE 8 TONNELLATE DI PRODOTTI ITTICI DURANTE L’OPERAZIONE COMPLESSA NAZIONALE “SENZA TRACCIA”

Immagine segnaposto

CRASH DI UN ELICOTTERO A TREPORTI, MA E’ L’ESERCITAZIONE

Immagine segnaposto

TRAGHETTO URTA LA BANCHINA A FUSINA DURANTE L’ORMEGGIO

Venezia

Immagine segnaposto

RIENTRA NELLA SEDE DI VENEZIA LA VEDETTA CP 287 DOPO PIU’ DI TRE MESI DI MISSIONE A PANTELLERIA

Immagine segnaposto

MAXI OPERAZIONE DELLA GUARDIA COSTIERA DEL VENETO, SEQUESTRATE OLTRE 8 TONNELLATE DI PRODOTTI ITTICI DURANTE L’OPERAZIONE COMPLESSA NAZIONALE “SENZA TRACCIA”

Immagine segnaposto

CRASH DI UN ELICOTTERO A TREPORTI, MA E’ L’ESERCITAZIONE

Immagine segnaposto

TRAGHETTO URTA LA BANCHINA A FUSINA DURANTE L’ORMEGGIO