Con l'avvio della stagione estiva, in un periodo delicato per l'emergenza epidemiologica del COVID-19 e con la ripresa dei lavori sugli arenili, il personale della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Termoli, nell'ambito dei propri compiti istituzionali, è stato impegnato per assicurare un servizio di monitoraggio e sorveglianza degli arenili, siti che sono il deposito delle uova di numerose specie di interesse comunitario che in questo periodo sono solite nidificare sugli habitat costieri e lungo le spiagge molisane.

In particolare il Fratino (Charadrius alexandrinus), specie simbolo della protezione degli ecosistemi costieri e tutelata dalle Convenzioni di Berna e Bonn, potrebbe vedere come una minaccia l'eccessiva presenza antropica, limitando o addirittura non riuscendo nell'intento di nidificare. Infatti in coincidenza della ripresa dei lavori sull'arenile e della loro pulizia, il rischio è che si possa, anche involontariamente arrecare danni ai nidi.

Personale della Guardia di Termoli, durante il fine settimana e nell'ambito delle ordinarie attività di controllo del territorio demaniale costiero, ha avuto modo di osservare insieme all'associazione Ambiente Basso Molise le spiagge e gli arenili a tutela del fratino, simbolo positivo di uno stato di salute ambientale e cartina tornasole della qualità ambientale del nostro territorio, procedendo a proteggere i nidi/uova rilevati.

Le attività continueranno, su tutta il tratto di costa, anche al fine di garantire la corretta riapertura delle strutture balneari.


25/04/2020 Termoli

Con l'avvio della stagione estiva, in un periodo delicato per l'emergenza epidemiologica del COVID-19 e con la ripresa dei lavori sugli arenili, il personale della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Termoli, nell'ambito dei propri compiti istituzionali, è stato impegnato per assicurare un servizio di monitoraggio e sorveglianza degli arenili, siti che sono il deposito delle uova di numerose specie di interesse comunitario che in questo periodo sono solite nidificare sugli habitat costieri e lungo le spiagge molisane.

In particolare il Fratino (Charadrius alexandrinus), specie simbolo della protezione degli ecosistemi costieri e tutelata dalle Convenzioni di Berna e Bonn, potrebbe vedere come una minaccia l'eccessiva presenza antropica, limitando o addirittura non riuscendo nell'intento di nidificare. Infatti in coincidenza della ripresa dei lavori sull'arenile e della loro pulizia, il rischio è che si possa, anche involontariamente arrecare danni ai nidi.

Personale della Guardia di Termoli, durante il fine settimana e nell'ambito delle ordinarie attività di controllo del territorio demaniale costiero, ha avuto modo di osservare insieme all'associazione Ambiente Basso Molise le spiagge e gli arenili a tutela del fratino, simbolo positivo di uno stato di salute ambientale e cartina tornasole della qualità ambientale del nostro territorio, procedendo a proteggere i nidi/uova rilevati.

Le attività continueranno, su tutta il tratto di costa, anche al fine di garantire la corretta riapertura delle strutture balneari.


Termoli

Immagine segnaposto

Esercitazione antincendio nel porto di Termoli

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera di Termoli incontra la stampa locale

Immagine segnaposto

Guardia Costiera e Polizia Municipale di Termoli conclusa la rimozione dei natanti in abbandono

Immagine segnaposto

Controlli sulla filiera della pesca - Operazione complessa denominata “Xiphias”