"La Salvaguardia della vita umana, la difesa dell'ambiente marino e costiero, la sensibilizzazione delle nuove generazioni alla cultura e alla tutela del mare, richiedono una costante opera di informazione a favore dell'utenza, perché preservano beni primari della collettività".

E' in tale ottica che si inserisce la Giornata del Mare e della Cultura Marinara (ufficialmente istituita nel 2018 con l'adozione del "Nuovo" Codice della Nautica da Diporto) quale segno tangibile di vicinanza ai valori che il mare trasmette e con lo scopo di divulgare questa cultura in territori che devono mantenere salda la loro storica vocazione marittima.

L'iniziativa si propone, altresì, di responsabilizzare tutti gli utenti ad un sano e corretto uso del mare e delle spiagge oltre che sensibilizzare sulle principali norme da osservare per la tutela della pubblica incolumità e soprattutto della difesa dell'ambiente marino.

La manifestazione, organizzata dalla Capitaneria di Porto, con la collaborazione del Comune di Termoli, dell'Associazione locale dell'A.N.M.I. (Associazione Nazionale Marinai d'Italia), la Lega Navale Italiana -Sezione di Campomarino- ed il Circolo della Vela di Termoli si svolgerà il giorno 11 Aprile presso il Circolo della Vela di Termoli, e vedrà una serie di eventi divulgativi e didattico/culturali che coinvolgeranno rappresentanze scolastiche di diverso grado, oltre che operatori istituzionali e dell'associazionismo del settore marino/ambientale, secondo l'allegato programma.

Ovviamente il contributo diretto da parte del personale della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Termoli che veicolerà, tra l'altro, l'importante progetto denominato "PlasticFreeGC", finalizzato a diffondere buone norme che possano aiutare a ridurre drasticamente l'utilizzo delle plastiche e di conseguenza la loro dispersione in ambiente marino.


08/04/2019 Termoli

"La Salvaguardia della vita umana, la difesa dell'ambiente marino e costiero, la sensibilizzazione delle nuove generazioni alla cultura e alla tutela del mare, richiedono una costante opera di informazione a favore dell'utenza, perché preservano beni primari della collettività".

E' in tale ottica che si inserisce la Giornata del Mare e della Cultura Marinara (ufficialmente istituita nel 2018 con l'adozione del "Nuovo" Codice della Nautica da Diporto) quale segno tangibile di vicinanza ai valori che il mare trasmette e con lo scopo di divulgare questa cultura in territori che devono mantenere salda la loro storica vocazione marittima.

L'iniziativa si propone, altresì, di responsabilizzare tutti gli utenti ad un sano e corretto uso del mare e delle spiagge oltre che sensibilizzare sulle principali norme da osservare per la tutela della pubblica incolumità e soprattutto della difesa dell'ambiente marino.

La manifestazione, organizzata dalla Capitaneria di Porto, con la collaborazione del Comune di Termoli, dell'Associazione locale dell'A.N.M.I. (Associazione Nazionale Marinai d'Italia), la Lega Navale Italiana -Sezione di Campomarino- ed il Circolo della Vela di Termoli si svolgerà il giorno 11 Aprile presso il Circolo della Vela di Termoli, e vedrà una serie di eventi divulgativi e didattico/culturali che coinvolgeranno rappresentanze scolastiche di diverso grado, oltre che operatori istituzionali e dell'associazionismo del settore marino/ambientale, secondo l'allegato programma.

Ovviamente il contributo diretto da parte del personale della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Termoli che veicolerà, tra l'altro, l'importante progetto denominato "PlasticFreeGC", finalizzato a diffondere buone norme che possano aiutare a ridurre drasticamente l'utilizzo delle plastiche e di conseguenza la loro dispersione in ambiente marino.


Termoli

Immagine segnaposto

Esercitazione antincendio nel porto di Termoli

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera di Termoli incontra la stampa locale

Immagine segnaposto

Guardia Costiera e Polizia Municipale di Termoli conclusa la rimozione dei natanti in abbandono

Immagine segnaposto

Controlli sulla filiera della pesca - Operazione complessa denominata “Xiphias”