Nel solco di una tradizione centenaria, la Capitaneria di Porto di Termoli ha celebrato stamane, presso la Basilica Cattedrale della città di Termoli, la cerimonia religiosa in onore di Santa Barbara, Patrona della Marina Militare, officiata da S.E. Mons. Gianfranco De Luca, Vescovo della Diocesi di Termoli-Larino.

Santa Barbara è esempio di rettitudine, coerenza, dignità e determinazione e richiama tutti gli appartenenti alla Marina Militare ad un momento di riflessione sui valori e sull'etica della nostra professione. Valori di lealtà alle istituzioni, onestà, determinazione impegno e trasparenza su cui si fonda l'agire quotidiano al servizio della comunità.

Gli equipaggi delle navi e dei Comandi a terra legano però, legano a questa festività anche un "rito profano", che prevede lo scambio dei ruoli tra il personale si tratta del sorprendente "adattamento" nei secoli dei saturnali romani, festa pagana pressoché coincidente sul calendario con questa cristiana. Ciò a conferma del fatto che, sul mare -come a terra- le tradizioni, per quanto antiche, si tramandano senza soluzione di continuità.

Alla celebrazione hanno preso parte, oltre alla cittadinanza, le massime autorità civili e militari della città e della provincia, le associazioni d'arma e combattenti ed in particolare l'Associazione Nazionale Marinai D'Italia – gruppo di Termoli, oltre che gli operatori portuali, circoli e sodalizi nautici.


04/12/2019 Termoli

Nel solco di una tradizione centenaria, la Capitaneria di Porto di Termoli ha celebrato stamane, presso la Basilica Cattedrale della città di Termoli, la cerimonia religiosa in onore di Santa Barbara, Patrona della Marina Militare, officiata da S.E. Mons. Gianfranco De Luca, Vescovo della Diocesi di Termoli-Larino.

Santa Barbara è esempio di rettitudine, coerenza, dignità e determinazione e richiama tutti gli appartenenti alla Marina Militare ad un momento di riflessione sui valori e sull'etica della nostra professione. Valori di lealtà alle istituzioni, onestà, determinazione impegno e trasparenza su cui si fonda l'agire quotidiano al servizio della comunità.

Gli equipaggi delle navi e dei Comandi a terra legano però, legano a questa festività anche un "rito profano", che prevede lo scambio dei ruoli tra il personale si tratta del sorprendente "adattamento" nei secoli dei saturnali romani, festa pagana pressoché coincidente sul calendario con questa cristiana. Ciò a conferma del fatto che, sul mare -come a terra- le tradizioni, per quanto antiche, si tramandano senza soluzione di continuità.

Alla celebrazione hanno preso parte, oltre alla cittadinanza, le massime autorità civili e militari della città e della provincia, le associazioni d'arma e combattenti ed in particolare l'Associazione Nazionale Marinai D'Italia – gruppo di Termoli, oltre che gli operatori portuali, circoli e sodalizi nautici.


Termoli

Immagine segnaposto

Esercitazione antincendio nel porto di Termoli

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera di Termoli incontra la stampa locale

Immagine segnaposto

Guardia Costiera e Polizia Municipale di Termoli conclusa la rimozione dei natanti in abbandono

Immagine segnaposto

Controlli sulla filiera della pesca - Operazione complessa denominata “Xiphias”