Prosegue l'attività di controllo sulla filiera della pesca posta in essere dalla Capitaneria di porto-Guardia Costiera di Termoli, a tutela della risorsa ittica.

Alle prime luci dell'alba odierna, nel corso di una specifica attività di vigilanza marittima condotta dal proprio dispositivo operativo navale, sono state controllate le acque portuali e le acque antistanti il Compartimento Marittimo in una complessa operazione afferente la pesca di frodo e la successiva vendita abusiva di prodotti ittici.

Le unità navali CP 878 ed il Battello pneumatico GC 077/B, sotto il coordinamento della Sala operativa della Guardia Costiera Termolese, hanno effettuato il sequestro, e la successiva confisca, di 3 reti da posta non segnalate ed assoggettabili alla pesca di frodo, per una lunghezza complessiva di oltre 1 chilometro e di circa 30 nasse, impropriamente impiegate in spregio alle vigenti normative di settore.

Gli attrezzi da pesca sequestrati utilizzati, impropriamente anche per la pesca sportiva, in vicinanza della costa, rappresentavano un vero e proprio rischio per il depauperamento delle risorse ittiche oltre che per l'ambiente marino circostante.

L'azione repressiva condotta stamani dal personale della Capitaneria di porto-Guardia Costiera si "inserisce nel solco di quell'incessante azione posta in essere nel contrasto alle attività illecite poste in essere nel territorio di giurisdizione, ponendosi come elemento deterrente al proliferare di quel mercato parallelo in nero dedito alla commercializzazione, abusiva, di prodotti ittici di vario genere, che, oltre a costituire potenziale pregiudizio per la salute pubblica, incide fortemente anche sul delicato equilibrio eco-sistemico del litorale costiero e sullo sviluppo di un settore che rappresenta uno degli assi portanti dell'economia del territorio, stante la presenza di numerose imprese da pesca".

In tal senso continuerà in maniera costante il capillare monitoraggio di tale delicato e portante settore, a garanzia e tutela del consumatore finale e di quanti giornalmente vi operano, nel rispetto di leggi e normative vigenti. 


03/05/2019 Termoli

Prosegue l'attività di controllo sulla filiera della pesca posta in essere dalla Capitaneria di porto-Guardia Costiera di Termoli, a tutela della risorsa ittica.

Alle prime luci dell'alba odierna, nel corso di una specifica attività di vigilanza marittima condotta dal proprio dispositivo operativo navale, sono state controllate le acque portuali e le acque antistanti il Compartimento Marittimo in una complessa operazione afferente la pesca di frodo e la successiva vendita abusiva di prodotti ittici.

Le unità navali CP 878 ed il Battello pneumatico GC 077/B, sotto il coordinamento della Sala operativa della Guardia Costiera Termolese, hanno effettuato il sequestro, e la successiva confisca, di 3 reti da posta non segnalate ed assoggettabili alla pesca di frodo, per una lunghezza complessiva di oltre 1 chilometro e di circa 30 nasse, impropriamente impiegate in spregio alle vigenti normative di settore.

Gli attrezzi da pesca sequestrati utilizzati, impropriamente anche per la pesca sportiva, in vicinanza della costa, rappresentavano un vero e proprio rischio per il depauperamento delle risorse ittiche oltre che per l'ambiente marino circostante.

L'azione repressiva condotta stamani dal personale della Capitaneria di porto-Guardia Costiera si "inserisce nel solco di quell'incessante azione posta in essere nel contrasto alle attività illecite poste in essere nel territorio di giurisdizione, ponendosi come elemento deterrente al proliferare di quel mercato parallelo in nero dedito alla commercializzazione, abusiva, di prodotti ittici di vario genere, che, oltre a costituire potenziale pregiudizio per la salute pubblica, incide fortemente anche sul delicato equilibrio eco-sistemico del litorale costiero e sullo sviluppo di un settore che rappresenta uno degli assi portanti dell'economia del territorio, stante la presenza di numerose imprese da pesca".

In tal senso continuerà in maniera costante il capillare monitoraggio di tale delicato e portante settore, a garanzia e tutela del consumatore finale e di quanti giornalmente vi operano, nel rispetto di leggi e normative vigenti. 


Termoli

Immagine segnaposto

Esercitazione antincendio nel porto di Termoli

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera di Termoli incontra la stampa locale

Immagine segnaposto

Guardia Costiera e Polizia Municipale di Termoli conclusa la rimozione dei natanti in abbandono

Immagine segnaposto

Controlli sulla filiera della pesca - Operazione complessa denominata “Xiphias”