Guardia Costiera: resta alta l'attenzione sui  molluschi bivalvi (cozze nere) – sequestrati 6 quintali di prodotto nocivo per la salute e rinvenuti datteri di mare pescati illecitamente.

   Sarebbero ben presto finiti sulle nostre tavole gli oltre 600 kilogrammi di molluschi bivalvi (cozze nere) che, nell'ambito di verifiche dirette alla tutela della salute pubblica inerenti la filiera della pesca, nella mattinata di ieri sono stati sottoposti a sequestro giudiziario da parte di personale della Sezione Polizia Marittima appartenente alla Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Taranto. I mitili erano totalmente privi di ogni documentazione/certificazione sanitaria che ne attestasse la salubrità, trattandosi di prodotto proveniente dal Primo Seno del Mar Piccolo di Taranto e quindi prelevato in violazione dell'Ordinanza n. 1989 dell'ASL di Taranto del 2011 e dell'Ordinanza n. 188 del 2016 della Regione Puglia.

In particolare, l'attività di controllo del territorio da parte del citato personale della Guardia Costiera di Taranto consentiva ai militari di individuare e fermare un furgone che aveva appena caricato il prodotto – proveniente dal Primo Seno del Mar Piccolo, pertanto altamente tossico – già insacchettato e pronto per la vendita diretta al consumatore.

Tutto il prodotto veniva quindi sequestrato penalmente, in quanto nocivo per la salute pubblica, e successivamente distrutto, mentre il responsabile dell'attività illecita veniva deferito all'Autorità Giudiziaria.

Occorre precisare che l'attività di che trattasi rientra in una più ampia attività di controllo di tutta la filiera ittica che la Guardia Costiera di Taranto conduce quotidianamente con ogni mezzo, con particolare attenzione all'allevamento dei molluschi, sia per tutelare la salute e l'incolumità pubblica sia per tutelare questo fondamentale comparto dell'imprenditoria tarantina e relativo ceto dei mitilicoltori, affinchè la "cozza tarantina" continui ad essere conosciuta quale prodotto di pregio, apprezzata  per questo in tutto il mondo.

Sempre con riferimento all'attenta vigilanza, condotta per mare e per terra sull'intero comparto ittico, si segnala l'ennesimo sequestro di datteri, per un totale di 1 kg di prodotto appena raccolto da ignoti.

In particolare nel pomeriggio di sabato scorso, il località Porto Pirrone del Comune di Leoprano (TA), gli uomini della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Taranto, hanno condotto un'operazione di polizia marittima nell'ambito delle attività tese a prevenire e reprimere, la pesca, la detenzione e la commercializzazione illegale di datteri di mare. Nel corso di tale operazione, dove è stato impiegato un mezzo navale veloce, già in attività di vigilanza lungo la costa nell'ambito dell'attività "Mare Sicuro", sono stati rinvenuti in acqua, circa 1 kg. di datteri di mare appena pescati. Il prodotto ittico, illecitamente pescato, conservato in un retino, era stato occultato sotto una sedia a sdraio posizionata in acqua a pochi metri dalla riva. Il prodotto è stato sequestrato e successivamente distrutto e riversato in mare, mentre non è stato possibile individuare i responsabili dell'illecito penale, in quanto, gli stessi, accorgendosi dell'arrivo dell'unità navale della Guardia Costiera, si sono dileguati sulle limitrofe spiagge in quel momento molto affollate dai bagnanti. Un ulteriore danno all'ambiente marino quello inferto da individui senza scrupoli che pur di racimolare pochi esemplari di datteri di mare, continuano a distruggere con picconi, martelli i fondali marini. Questa volta il tratto di costa colpito e quello tra i più suggestivi della Litoranea Salentina.

17/07/2018 Taranto

Guardia Costiera: resta alta l'attenzione sui  molluschi bivalvi (cozze nere) – sequestrati 6 quintali di prodotto nocivo per la salute e rinvenuti datteri di mare pescati illecitamente.

   Sarebbero ben presto finiti sulle nostre tavole gli oltre 600 kilogrammi di molluschi bivalvi (cozze nere) che, nell'ambito di verifiche dirette alla tutela della salute pubblica inerenti la filiera della pesca, nella mattinata di ieri sono stati sottoposti a sequestro giudiziario da parte di personale della Sezione Polizia Marittima appartenente alla Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Taranto. I mitili erano totalmente privi di ogni documentazione/certificazione sanitaria che ne attestasse la salubrità, trattandosi di prodotto proveniente dal Primo Seno del Mar Piccolo di Taranto e quindi prelevato in violazione dell'Ordinanza n. 1989 dell'ASL di Taranto del 2011 e dell'Ordinanza n. 188 del 2016 della Regione Puglia.

In particolare, l'attività di controllo del territorio da parte del citato personale della Guardia Costiera di Taranto consentiva ai militari di individuare e fermare un furgone che aveva appena caricato il prodotto – proveniente dal Primo Seno del Mar Piccolo, pertanto altamente tossico – già insacchettato e pronto per la vendita diretta al consumatore.

Tutto il prodotto veniva quindi sequestrato penalmente, in quanto nocivo per la salute pubblica, e successivamente distrutto, mentre il responsabile dell'attività illecita veniva deferito all'Autorità Giudiziaria.

Occorre precisare che l'attività di che trattasi rientra in una più ampia attività di controllo di tutta la filiera ittica che la Guardia Costiera di Taranto conduce quotidianamente con ogni mezzo, con particolare attenzione all'allevamento dei molluschi, sia per tutelare la salute e l'incolumità pubblica sia per tutelare questo fondamentale comparto dell'imprenditoria tarantina e relativo ceto dei mitilicoltori, affinchè la "cozza tarantina" continui ad essere conosciuta quale prodotto di pregio, apprezzata  per questo in tutto il mondo.

Sempre con riferimento all'attenta vigilanza, condotta per mare e per terra sull'intero comparto ittico, si segnala l'ennesimo sequestro di datteri, per un totale di 1 kg di prodotto appena raccolto da ignoti.

In particolare nel pomeriggio di sabato scorso, il località Porto Pirrone del Comune di Leoprano (TA), gli uomini della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Taranto, hanno condotto un'operazione di polizia marittima nell'ambito delle attività tese a prevenire e reprimere, la pesca, la detenzione e la commercializzazione illegale di datteri di mare. Nel corso di tale operazione, dove è stato impiegato un mezzo navale veloce, già in attività di vigilanza lungo la costa nell'ambito dell'attività "Mare Sicuro", sono stati rinvenuti in acqua, circa 1 kg. di datteri di mare appena pescati. Il prodotto ittico, illecitamente pescato, conservato in un retino, era stato occultato sotto una sedia a sdraio posizionata in acqua a pochi metri dalla riva. Il prodotto è stato sequestrato e successivamente distrutto e riversato in mare, mentre non è stato possibile individuare i responsabili dell'illecito penale, in quanto, gli stessi, accorgendosi dell'arrivo dell'unità navale della Guardia Costiera, si sono dileguati sulle limitrofe spiagge in quel momento molto affollate dai bagnanti. Un ulteriore danno all'ambiente marino quello inferto da individui senza scrupoli che pur di racimolare pochi esemplari di datteri di mare, continuano a distruggere con picconi, martelli i fondali marini. Questa volta il tratto di costa colpito e quello tra i più suggestivi della Litoranea Salentina.

Taranto

Immagine segnaposto

Maxi operazione della Guardia Costiera e Polizia di Stato: sequestrati quattro quintali di mitili non idonei per l'immissione in commercio

Immagine segnaposto

Il Vice Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, On. Alessandro MORELLI, visita la sede della Capitaneria di porto – Guardia costiera di Taranto

Immagine segnaposto

GUARDIA COSTIERA: TARANTO – NAVE SOTTOPOSTA A FERMO

Immagine segnaposto

Presentazione operazione Mare Sicuro 2021