Operazione congiunta Guardia Costiera e Polizia di Stato: chiuso laboratorio abusivo di lavorazione di cozze 

Città vecchia ancora sotto la lente d'ingrandimento delle Forze dell'Ordine con l'ennesima operazione congiunta tra Polizia di Stato e  Guardia Costiera di Taranto  che in data 21 giugno 2021, con l'ausilio dei tecnici dell'ASL, hanno scoperto un altro laboratorio abusivo per il confezionamento di cozze già sgusciate e pronte per essere immesse sul mercato ittico.

In un locale di Via Cariati, sono state individuati alcuni ragazzi impegnati nello sgusciare i mitili, poi riversati in grosse vasche di plastica, senza la minima precauzione igienico sanitaria.

L'ingente quantità di cozze sgusciate e di quelle ancora da lavorare, accatastate in questi locali per complessivi due quintali, è stata posta sotto sequestro e distrutta con un compattatore di Kyma Ambiente.

Il titolare dei locali, un tarantino di 29 anni, è stato denunciato in stato di libertà per commercio e lavorazione di sostanze destinate all'alimentazione, ma pericolose alla salute pubblica.

Nel corso del controllo, all'interno del laboratorio abusivo è emerso anche un allaccio fraudolento alla rete elettrica nazionale, poi ripristinato dai tecnici di Enel Distribuzione.

Il 29enne pertanto è stato denunciato anche per furto di energia elettrica. 


21/06/2021 Taranto

Operazione congiunta Guardia Costiera e Polizia di Stato: chiuso laboratorio abusivo di lavorazione di cozze 

Città vecchia ancora sotto la lente d'ingrandimento delle Forze dell'Ordine con l'ennesima operazione congiunta tra Polizia di Stato e  Guardia Costiera di Taranto  che in data 21 giugno 2021, con l'ausilio dei tecnici dell'ASL, hanno scoperto un altro laboratorio abusivo per il confezionamento di cozze già sgusciate e pronte per essere immesse sul mercato ittico.

In un locale di Via Cariati, sono state individuati alcuni ragazzi impegnati nello sgusciare i mitili, poi riversati in grosse vasche di plastica, senza la minima precauzione igienico sanitaria.

L'ingente quantità di cozze sgusciate e di quelle ancora da lavorare, accatastate in questi locali per complessivi due quintali, è stata posta sotto sequestro e distrutta con un compattatore di Kyma Ambiente.

Il titolare dei locali, un tarantino di 29 anni, è stato denunciato in stato di libertà per commercio e lavorazione di sostanze destinate all'alimentazione, ma pericolose alla salute pubblica.

Nel corso del controllo, all'interno del laboratorio abusivo è emerso anche un allaccio fraudolento alla rete elettrica nazionale, poi ripristinato dai tecnici di Enel Distribuzione.

Il 29enne pertanto è stato denunciato anche per furto di energia elettrica. 


Taranto

Immagine segnaposto

Continua a Taranto l’attività di contrasto agli abusi nel campo della miticoltura: scattata all’alba l’operazione “oro di Taranto”.

Immagine segnaposto

Controlli della Guardia costiera di Taranto in ambito marittimo e portuale

Immagine segnaposto

Maxi operazione della Guardia Costiera e Polizia di Stato: sequestrati quattro quintali di mitili non idonei per l'immissione in commercio

Immagine segnaposto

ATTIVITÀ DI CONTRASTO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE DI PRODOTTO ITTICO DI IGNOTA PROVENIENZA