Taranto: Polizia di Stato e Guardia Costiera sequestrano 170 kg. di "bianchetto".

Incessante l'attività di controllo della Polizia di Stato e della Guardia Costiera per garantire il rispetto delle norme igienico sanitarie nella commercializzazione di mitili e prodotti ittici e per contrastare la pesca illegale.

Nella città vecchia di Taranto, i militari della Guardia Costiera ed i poliziotti del Commissariato Borgo hanno scoperto un box di 20 mq sito in via Garibaldi destinato a deposito per la conservazione e la preparazione di prodotti ittici.

All'interno del locale privo di qualsiasi autorizzazione commerciale e sanitaria, sono stati rinvenuti, custodite in numerose casse di polistirolo, circa 170 chilogrammi di novellame di sarda, detto anche "Bianchetto", la cui pesca è vietata dalle vigenti normative nazionali ed europee in quanto estremamente dannosa per l'ecosistema marino.

Il titolare del box ed un'altra persona trovata all'interno dei locali, entrambi tarantini rispettivamente di 40 e 32 anni, sono stati denunciati in stato di libertà per commercio di sostanze alimentari nocive a causa del cattivo stato di conservazione del prodotto ittico. Al titolare del box è stata, altresì, elevata una sanzione amministrativa di 10.000 euro per la pesca e la commercializzazione della specie ittica vietata.

L'intero prodotto ittico ritrovato è stato posto sotto sequestro per la successiva distruzione.

L'attività di contrasto alla pesca illegale si inserisce nel continuo e costante controllo dell'intera filiera ittica al fine di tutelare l'ambiente marino e la salute pubblica. 


04/02/2021 Taranto

Taranto: Polizia di Stato e Guardia Costiera sequestrano 170 kg. di "bianchetto".

Incessante l'attività di controllo della Polizia di Stato e della Guardia Costiera per garantire il rispetto delle norme igienico sanitarie nella commercializzazione di mitili e prodotti ittici e per contrastare la pesca illegale.

Nella città vecchia di Taranto, i militari della Guardia Costiera ed i poliziotti del Commissariato Borgo hanno scoperto un box di 20 mq sito in via Garibaldi destinato a deposito per la conservazione e la preparazione di prodotti ittici.

All'interno del locale privo di qualsiasi autorizzazione commerciale e sanitaria, sono stati rinvenuti, custodite in numerose casse di polistirolo, circa 170 chilogrammi di novellame di sarda, detto anche "Bianchetto", la cui pesca è vietata dalle vigenti normative nazionali ed europee in quanto estremamente dannosa per l'ecosistema marino.

Il titolare del box ed un'altra persona trovata all'interno dei locali, entrambi tarantini rispettivamente di 40 e 32 anni, sono stati denunciati in stato di libertà per commercio di sostanze alimentari nocive a causa del cattivo stato di conservazione del prodotto ittico. Al titolare del box è stata, altresì, elevata una sanzione amministrativa di 10.000 euro per la pesca e la commercializzazione della specie ittica vietata.

L'intero prodotto ittico ritrovato è stato posto sotto sequestro per la successiva distruzione.

L'attività di contrasto alla pesca illegale si inserisce nel continuo e costante controllo dell'intera filiera ittica al fine di tutelare l'ambiente marino e la salute pubblica. 


Taranto

Immagine segnaposto

TARANTO - SCATTATA ALL’ALBA MAXI-OPERAZIONE “KALIMERA” DELLA GUARDIA COSTIERA. CONTESTATO ANCHE IL DISASTRO AMBIENTALE.

Immagine segnaposto

Continua l’attività di contrasto della Guardia Costiera Tarantina alla pesca di frodo

Immagine segnaposto

Continua a Taranto l’attività di contrasto agli abusi nel campo della miticoltura: scattata all’alba l’operazione “oro di Taranto”.

Immagine segnaposto

Controlli della Guardia costiera di Taranto in ambito marittimo e portuale