​Continuano i lavori della Presidenza italiana dello European Coast Guard Functions Forum – ECGFF, condivisa tra la Guardia Costiera Italiana e la Guardia di Finanza.

Nei giorni 3 e 4 aprile u.s. si è tenuto a Roma il 2° Workshop dal titolo "Maritime Security in the framework of Coast Guard Functions", organizzato dal Comando Generale della Guardia di Finanza ed ospitato presso la Scuola di Polizia Tributaria di Lido di Ostia. 

La Guardia Costiera Italiana ha partecipato all'evento, in quanto Presidente del Forum e Copresidente dello specifico Workshop, con una delegazione composta da personale dell'Ufficio Affari Internazionali, guidata dal Capo Ufficio C.V. (CP) Enrico Castioni.

Al workshop, realizzato con il supporto dell'Agenzia Frontex, hanno preso parte numerose Organizzazioni con funzioni di Guardia Costiera nazionali appartenenti a oltre 20 Paesi Europei, e i rappresentanti di DG HOME (Direzione Generale per la Migrazione e gli Affari Interni), Agenzia Frontex (Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera), EMSA (Agenzia europea per la sicurezza marittima), EFCA (Agenzia europea di controllo della pesca)e SatCen (Centro satellitare dell'Unione europea). 

Il Workshop è stato incentrato sul tema della Maritime Security, ponendo enfasi sulla European Union Maritime Security Strategy quale cornice strategica per l'implementazione di misure coordinate volte ad assicurare la Sicurezza Marittima europea e globale.

Tra i temi trattati, tutti di grande interesse ed attualità, si evidenziano: l'armonizzazione delle procedure di  controllo delle frontiere marittime; la condivisione di esperienze nella lotta al crimine transfrontaliero e traffici illeciti, le potenzialità e valore aggiunto dei servizi di sorveglianza aerea e uso di RPAS ( Sistemi Aerei a Pilotaggio Remoto); le innovazioni tecnologiche in supporto delle funzioni di Guardia Costiera; i boarding team nelle maritime interdiction operations (operazioni di interdizione marittima), con contributi da parte della Bundespolizei tedesca, della Guardia Civil spagnola e della Marina Militare Italiana.

La Guardia Costiera Italiana ha partecipato attivamente ai lavori, presentando l'attività svolta nel settore della Ship and Port security e la bozza di Sectoral Qualifications Framework for Coast Guard Functions (Quadro delle qualifiche settoriali per le Funzioni di Guardia Costiera), sviluppata sotto il coordinamento del Corpo nel quadro del progetto ECGFA Net.

A margine dell'evento, si è svolta la 2^ riunione di Segretariato dell'ECGFF, nella quale sono stati discussi temi legati all'amministrazione generale del Forum e le modalità con cui affrontare le future attività. 


09/04/2019 Roma Attività

​Continuano i lavori della Presidenza italiana dello European Coast Guard Functions Forum – ECGFF, condivisa tra la Guardia Costiera Italiana e la Guardia di Finanza.

Nei giorni 3 e 4 aprile u.s. si è tenuto a Roma il 2° Workshop dal titolo "Maritime Security in the framework of Coast Guard Functions", organizzato dal Comando Generale della Guardia di Finanza ed ospitato presso la Scuola di Polizia Tributaria di Lido di Ostia. 

La Guardia Costiera Italiana ha partecipato all'evento, in quanto Presidente del Forum e Copresidente dello specifico Workshop, con una delegazione composta da personale dell'Ufficio Affari Internazionali, guidata dal Capo Ufficio C.V. (CP) Enrico Castioni.

Al workshop, realizzato con il supporto dell'Agenzia Frontex, hanno preso parte numerose Organizzazioni con funzioni di Guardia Costiera nazionali appartenenti a oltre 20 Paesi Europei, e i rappresentanti di DG HOME (Direzione Generale per la Migrazione e gli Affari Interni), Agenzia Frontex (Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera), EMSA (Agenzia europea per la sicurezza marittima), EFCA (Agenzia europea di controllo della pesca)e SatCen (Centro satellitare dell'Unione europea). 

Il Workshop è stato incentrato sul tema della Maritime Security, ponendo enfasi sulla European Union Maritime Security Strategy quale cornice strategica per l'implementazione di misure coordinate volte ad assicurare la Sicurezza Marittima europea e globale.

Tra i temi trattati, tutti di grande interesse ed attualità, si evidenziano: l'armonizzazione delle procedure di  controllo delle frontiere marittime; la condivisione di esperienze nella lotta al crimine transfrontaliero e traffici illeciti, le potenzialità e valore aggiunto dei servizi di sorveglianza aerea e uso di RPAS ( Sistemi Aerei a Pilotaggio Remoto); le innovazioni tecnologiche in supporto delle funzioni di Guardia Costiera; i boarding team nelle maritime interdiction operations (operazioni di interdizione marittima), con contributi da parte della Bundespolizei tedesca, della Guardia Civil spagnola e della Marina Militare Italiana.

La Guardia Costiera Italiana ha partecipato attivamente ai lavori, presentando l'attività svolta nel settore della Ship and Port security e la bozza di Sectoral Qualifications Framework for Coast Guard Functions (Quadro delle qualifiche settoriali per le Funzioni di Guardia Costiera), sviluppata sotto il coordinamento del Corpo nel quadro del progetto ECGFA Net.

A margine dell'evento, si è svolta la 2^ riunione di Segretariato dell'ECGFF, nella quale sono stati discussi temi legati all'amministrazione generale del Forum e le modalità con cui affrontare le future attività. 


Attività

Immagine segnaposto

Celebrazione dei 154 anni del Corpo delle Capitanerie di porto e dei 30 anni della Guardia Costiera

Immagine segnaposto

Visita della Commissione parlamentare Ecomafia alla Direzione Marittima del Veneto

Immagine segnaposto

Il Procuratore Generale Militare Marco De Paolis in visita al Comando Generale

Immagine segnaposto

A Messina il 1° Modulo navale di altura per secondi Capi Scelti

Roma

Immagine segnaposto

Celebrazione dei 154 anni del Corpo delle Capitanerie di porto e dei 30 anni della Guardia Costiera

Immagine segnaposto

Celebrazione dei 154 anni del Corpo delle Capitanerie di Porto e dei 30 anni della Guardia Costiera

Immagine segnaposto

Il Procuratore Generale Militare Marco De Paolis in visita al Comando Generale

Immagine segnaposto

Comunicato stampa del 2 luglio 2019