Lo scorso mercoledì 6 settembre, nella sede del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera, si è tenuto il primo incontro a livello internazionale nell'ambito del "Libyan Maritime Rescue Coordination Centre Project".

Richiesta dalle Istituzioni Europee, promossa dalla Guardia Costiera Italiana e finanziata dalla Commissione Europea - DG Home attraverso lo stanziamento di fondi emergenziali, l'iniziativa si è posta l'obiettivo di realizzare uno studio di fattibilità per assistere e supportare le Autorità Libiche nell'istituzione di un Centro Nazionale di Soccorso Marittimo a Tripoli e nell'individuazione e dichiarazione della propria area di responsabilità di Ricerca e Soccorso in mare.

Il Capo 3° Reparto – Piani e Operazioni, Contrammiraglio Nicola Carlone, in qualità di Capo Progetto, ha presieduto il meeting con l'EMSA, rappresentata nell'occasione dalla Dottoressa Manuela Tomassini (Head of Department B – Safety and Standards) e dal funzionario Giuseppe Russo (Senior Project Officer for Training and Cooperation).

Durante l'incontro, sono state illustrate a favore degli ospiti dell'European Maritime Safety Agency, le finalità del Progetto, nel tentativo di individuare i diversi punti di comune interesse che potrebbero portare, nel prossimo futuro, a momenti di cooperazione nell'ambito delle rispettive iniziative.



08/09/2017 Roma Eventi Attività

Lo scorso mercoledì 6 settembre, nella sede del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera, si è tenuto il primo incontro a livello internazionale nell'ambito del "Libyan Maritime Rescue Coordination Centre Project".

Richiesta dalle Istituzioni Europee, promossa dalla Guardia Costiera Italiana e finanziata dalla Commissione Europea - DG Home attraverso lo stanziamento di fondi emergenziali, l'iniziativa si è posta l'obiettivo di realizzare uno studio di fattibilità per assistere e supportare le Autorità Libiche nell'istituzione di un Centro Nazionale di Soccorso Marittimo a Tripoli e nell'individuazione e dichiarazione della propria area di responsabilità di Ricerca e Soccorso in mare.

Il Capo 3° Reparto – Piani e Operazioni, Contrammiraglio Nicola Carlone, in qualità di Capo Progetto, ha presieduto il meeting con l'EMSA, rappresentata nell'occasione dalla Dottoressa Manuela Tomassini (Head of Department B – Safety and Standards) e dal funzionario Giuseppe Russo (Senior Project Officer for Training and Cooperation).

Durante l'incontro, sono state illustrate a favore degli ospiti dell'European Maritime Safety Agency, le finalità del Progetto, nel tentativo di individuare i diversi punti di comune interesse che potrebbero portare, nel prossimo futuro, a momenti di cooperazione nell'ambito delle rispettive iniziative.



Attività

Immagine segnaposto

62° Salone Nautico di Genova: La Guardia Costiera presenta il bilancio dell’estate 2022 degli italiani.

Immagine segnaposto

Ordinario Militare per l’Italia in visita alla Direzione Marittima di Civitavecchia

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera di Trapani riceve il “Premio nazionale ambiente e legalità 2022”

Immagine segnaposto

L'Ammiraglio Carlone in visita ai Comandi territoriali della Sicilia orientale

Roma

Immagine segnaposto

28 migranti tratti in salvo da un mercantile liberiano

Immagine segnaposto

Capitanerie di porto - Guardia Costiera: al via il nuovo Regolamento amministrativo-contabile, che aggiorna le regole dettate da un Regio Decreto del 1933

Immagine segnaposto

Ferragosto sicuro 2022: il Comandante Generale in videoconferenza con i comandi regionali e la componente operativa della Guardia Costiera.

Immagine segnaposto

Avviato il nuovo ciclo di distribuzione del vestiario ordinario per le Capitanerie di porto