Nelle giornate dal 10 al 12 aprile si è tenuto a Bari un importante evento formativo a favore degli ispettori ICAAT (International Commission for the Conservation of Atlantic Tunas) della Comunità Europea. Il workshop di aggiornamento sulle comuni metodologie dei controlli sulla pesca nel rispetto delle Raccomandazioni internazionali ICAAT, organizzato dal Centro di Controllo Nazionale Pesca del Comando Generale e dalla Direzione Marittima della Puglia e Basilicata jonica, per conto dell'Agenzia Europea di Controllo Pesca (EFCA), ha registrato la qualificata partecipazione degli ispettori pesca appartenenti agli Stati membri di Croazia, Italia, Grecia, Portogallo Spagna, Cipro, Slovenia, Malta, Francia, nonché di due membri dell'Agenzia europea Frontex .

La location del workshop è stata la prestigiosa sede dell'Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari, struttura operativa italiana del CIHEAM (Centre International de Hautes Etudes Agronomiques Méditerranéennes) con cui la Direzione Marittima di Bari ha sottoscritto nel 2016 un protocollo d'intesa per la collaborazione nel settore della pesca e dell'acquacoltura.

Nel corso dei due intensi giorni di confronto e formazione è stata data particolare rilevanza al piano delle operazioni congiunte per il 2018 per il controllo delle attività di pesca nel Mediterraneo, alle risultanze del piano pluriennale e delle misure specifiche per la pesca nel mare Adriatico dei piccoli pelagici (acciughe e sardine), alle attività programmate per il 2018 dagli Stati Membri in merito allo stesso piano pluriennale, nonché alla Raccomandazione GFCM (Commissione Generale per la Pesca nel Mediterraneo) che stabilisce ulteriori misure di emergenza per i piccoli pelagici nel biennio 2017-2018 per il mare Adriatico, con particolare riferimento alla misure di controllo sulle unità  autorizzate alla pesca attiva (logbook, VSM e obbligo di sbarco esemplari "under size").

Sono stati, inoltre, trattati argomenti relativi alle ispezioni congiunte EFCA-FRONTEX, nonché ai piani di gestione ICAAT per il tonno rosso, il pesce spada e il tonno ala lunga nel Mediterraneo, e alle procedure pratiche di ispezione e boarding da parte degli ispettori pesca dell'Unione Europea.


17/04/2018 Bari Attività Eventi

Nelle giornate dal 10 al 12 aprile si è tenuto a Bari un importante evento formativo a favore degli ispettori ICAAT (International Commission for the Conservation of Atlantic Tunas) della Comunità Europea. Il workshop di aggiornamento sulle comuni metodologie dei controlli sulla pesca nel rispetto delle Raccomandazioni internazionali ICAAT, organizzato dal Centro di Controllo Nazionale Pesca del Comando Generale e dalla Direzione Marittima della Puglia e Basilicata jonica, per conto dell'Agenzia Europea di Controllo Pesca (EFCA), ha registrato la qualificata partecipazione degli ispettori pesca appartenenti agli Stati membri di Croazia, Italia, Grecia, Portogallo Spagna, Cipro, Slovenia, Malta, Francia, nonché di due membri dell'Agenzia europea Frontex .

La location del workshop è stata la prestigiosa sede dell'Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari, struttura operativa italiana del CIHEAM (Centre International de Hautes Etudes Agronomiques Méditerranéennes) con cui la Direzione Marittima di Bari ha sottoscritto nel 2016 un protocollo d'intesa per la collaborazione nel settore della pesca e dell'acquacoltura.

Nel corso dei due intensi giorni di confronto e formazione è stata data particolare rilevanza al piano delle operazioni congiunte per il 2018 per il controllo delle attività di pesca nel Mediterraneo, alle risultanze del piano pluriennale e delle misure specifiche per la pesca nel mare Adriatico dei piccoli pelagici (acciughe e sardine), alle attività programmate per il 2018 dagli Stati Membri in merito allo stesso piano pluriennale, nonché alla Raccomandazione GFCM (Commissione Generale per la Pesca nel Mediterraneo) che stabilisce ulteriori misure di emergenza per i piccoli pelagici nel biennio 2017-2018 per il mare Adriatico, con particolare riferimento alla misure di controllo sulle unità  autorizzate alla pesca attiva (logbook, VSM e obbligo di sbarco esemplari "under size").

Sono stati, inoltre, trattati argomenti relativi alle ispezioni congiunte EFCA-FRONTEX, nonché ai piani di gestione ICAAT per il tonno rosso, il pesce spada e il tonno ala lunga nel Mediterraneo, e alle procedure pratiche di ispezione e boarding da parte degli ispettori pesca dell'Unione Europea.


Eventi

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera illustra compiti istituzionali ed attività del corpo ai frequentatori del secondo corso di addestramento base di Frontex

Immagine segnaposto

Presentata a Ostia l’Operazione "Mare Sicuro 2021" della Guardia Costiera

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale in visita agli Uffici della Guardia Costiera dell’Isola d’Elba

Immagine segnaposto

Il Comandante per la Marina USA Regione Europa, Africa Centrale e Comandante, Forze Aeree Marittime USA visita la Direzione marittima della Sicilia orientale.

Bari

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera illustra compiti istituzionali ed attività del corpo ai frequentatori del secondo corso di addestramento base di Frontex

Immagine segnaposto

Comunicato della Procura della Repubblica di Bari del 06 aprile 2020

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto in visita alla Direzione Marittima di Bari

Immagine segnaposto

Masseria, in area di particolare pregio ambientale e paesaggistico, trasformata abusivamente in struttura turistico-ricreativa: scattano il sequestro e le denunce.