​Ieri sera, nella suggestiva cornice del Castello aragonese di Ischia, è stato presentato “Navi mute”, il libro scritto a quattro mani dai giornalisti Giampiero Cazzato e Marco Di Milla che racconta la vita, le indagini e la misteriosa morte del Comandante Natale De Grazia, l’ufficiale delle Capitanerie di porto che nei primi anni '90 indagò sugli affari delle ecomafie e in particolare sul sospetto affondamento delle cosiddette "navi a perdere". 

L’incontro, incentrato sulla figura del Comandante De Grazia, si è inserito in una più ampia “parentesi blu” in occasione della quale la comunità ischitana si è “immersa” in una duegiorni dedicata all’annuale appuntamento del ”Blueblitz”, un’iniziativa promossa dall’Area Marina Protetta "Regno di Nettuno" e dedicata alla natura sommersa e alla riscoperta della biodiversità come patrimonio collettivo, raccontato attraverso immagini scattate dai diving e dagli appassionati del settore. 

Ad aprire le porte dell’isola alle autorità civili e militari e alla nutrita platea di spettatori, tra i quali una significativa rappresentanza delle associazioni ambientaliste, il sindaco di Forio d’Ischia, Francesco Del Deo che - anche a nome dei rappresentati di tutti i Comuni isolani presenti tra i convenuti, e alla presenza del Comandante in IIª della Capitaneria di porto di Napoli, Capitano di Vascello Gaetano Angora, nonché del Comandante della Guardia Costiera di Ischia, Tenente di Vascello Andrea Meloni - ha rivolto agli intervenuti un indirizzo di saluto e benvenuto, per poi cedere la parola al giornalista di Repubblica, Pasquale Raicaldo, moderatore dell’incontro. 

Così, al termine della conferenza stampa conclusiva dell’evento di lancio delle immagini scattate durante il monitoraggio fotografico dell’oasi marina delle isole flegree, presentato dal Direttore del Regno di Nettuno, Antonino Miccio, si sono accesi i riflettori sulla storia di Natale De Grazia e sul libro dedicatogli, edito dalle edizioni "All Around", rappresentate dell’editrice e giornalista Lucia Visca che, nell’introdurre la pubblicazione, ha voluto rimarcare la precisa volontà editoriale incentrata su una scelta etica dei contenuti da valorizzare, forte dei messaggi sociali ad essa sottesi. 

A seguire, ha preso poi la parola il Capitano di Vascello Cosimo Nicastro, Capo Ufficio Comunicazione del Comando Generale della Guardia Costiera, nella particolare circostanza intervenuto anche nella veste di direttore della collana "Storie di mare" – di cui "Nave Mute" è la prima pubblicazione – che ha condiviso la volontà di affidare all’editoria “tradizionale” il compito di raccontare storie di vita e valori, come quelli del Comandante De Grazia, meritevoli di essere ricordati, approfonditi e tramandati, oltre ogni forma di sollecitazioni cui è sottoposto il moderno contesto della comunicazione. 

Successivamente, alla presentazione di un breve filmato di presentazione del libro (guarda il video), è toccato agli autori Giampiero Cazzato e Marco Di Milla il compito di raccontare rispettivamente – come fatto nel libro – gli aspetti più oscuri del caso-De Grazia, e tratteggiarne il lato umano di uomo e militare che amava il mare, proteggendolo e battendosi per la legalità. 

A concludere l’evento, l’intervento del Comandante Generale della Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino che, ricollegandosi alla tematica della difesa della biodiversità nel cui solco si è inserito l’intero appuntamento, ha portato la testimonianza del quotidiano impegno del Corpo per la tutela dell’ecosistema marino (guarda il video) e costiero, che sarà peraltro prossimamente raccontato attraverso le attività condotte dai 5 Nuclei Sub della Guardia Costiera. 

Nell’occasione, è stata infatti proiettata una breve clip di anticipazione del Calendario istituzionale 2021 (guarda il video), dedicato all’attività dei sommozzatori della Guardia Costiera a tutela dell’ambiente marino, raccontata attraverso una suggestiva selezione di scatti fotografici dedicati, tra gli altri, alla biodiversità marina.

21/08/2020 Ischia Attività Eventi

​Ieri sera, nella suggestiva cornice del Castello aragonese di Ischia, è stato presentato “Navi mute”, il libro scritto a quattro mani dai giornalisti Giampiero Cazzato e Marco Di Milla che racconta la vita, le indagini e la misteriosa morte del Comandante Natale De Grazia, l’ufficiale delle Capitanerie di porto che nei primi anni '90 indagò sugli affari delle ecomafie e in particolare sul sospetto affondamento delle cosiddette "navi a perdere". 

L’incontro, incentrato sulla figura del Comandante De Grazia, si è inserito in una più ampia “parentesi blu” in occasione della quale la comunità ischitana si è “immersa” in una duegiorni dedicata all’annuale appuntamento del ”Blueblitz”, un’iniziativa promossa dall’Area Marina Protetta "Regno di Nettuno" e dedicata alla natura sommersa e alla riscoperta della biodiversità come patrimonio collettivo, raccontato attraverso immagini scattate dai diving e dagli appassionati del settore. 

Ad aprire le porte dell’isola alle autorità civili e militari e alla nutrita platea di spettatori, tra i quali una significativa rappresentanza delle associazioni ambientaliste, il sindaco di Forio d’Ischia, Francesco Del Deo che - anche a nome dei rappresentati di tutti i Comuni isolani presenti tra i convenuti, e alla presenza del Comandante in IIª della Capitaneria di porto di Napoli, Capitano di Vascello Gaetano Angora, nonché del Comandante della Guardia Costiera di Ischia, Tenente di Vascello Andrea Meloni - ha rivolto agli intervenuti un indirizzo di saluto e benvenuto, per poi cedere la parola al giornalista di Repubblica, Pasquale Raicaldo, moderatore dell’incontro. 

Così, al termine della conferenza stampa conclusiva dell’evento di lancio delle immagini scattate durante il monitoraggio fotografico dell’oasi marina delle isole flegree, presentato dal Direttore del Regno di Nettuno, Antonino Miccio, si sono accesi i riflettori sulla storia di Natale De Grazia e sul libro dedicatogli, edito dalle edizioni "All Around", rappresentate dell’editrice e giornalista Lucia Visca che, nell’introdurre la pubblicazione, ha voluto rimarcare la precisa volontà editoriale incentrata su una scelta etica dei contenuti da valorizzare, forte dei messaggi sociali ad essa sottesi. 

A seguire, ha preso poi la parola il Capitano di Vascello Cosimo Nicastro, Capo Ufficio Comunicazione del Comando Generale della Guardia Costiera, nella particolare circostanza intervenuto anche nella veste di direttore della collana "Storie di mare" – di cui "Nave Mute" è la prima pubblicazione – che ha condiviso la volontà di affidare all’editoria “tradizionale” il compito di raccontare storie di vita e valori, come quelli del Comandante De Grazia, meritevoli di essere ricordati, approfonditi e tramandati, oltre ogni forma di sollecitazioni cui è sottoposto il moderno contesto della comunicazione. 

Successivamente, alla presentazione di un breve filmato di presentazione del libro (guarda il video), è toccato agli autori Giampiero Cazzato e Marco Di Milla il compito di raccontare rispettivamente – come fatto nel libro – gli aspetti più oscuri del caso-De Grazia, e tratteggiarne il lato umano di uomo e militare che amava il mare, proteggendolo e battendosi per la legalità. 

A concludere l’evento, l’intervento del Comandante Generale della Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino che, ricollegandosi alla tematica della difesa della biodiversità nel cui solco si è inserito l’intero appuntamento, ha portato la testimonianza del quotidiano impegno del Corpo per la tutela dell’ecosistema marino (guarda il video) e costiero, che sarà peraltro prossimamente raccontato attraverso le attività condotte dai 5 Nuclei Sub della Guardia Costiera. 

Nell’occasione, è stata infatti proiettata una breve clip di anticipazione del Calendario istituzionale 2021 (guarda il video), dedicato all’attività dei sommozzatori della Guardia Costiera a tutela dell’ambiente marino, raccontata attraverso una suggestiva selezione di scatti fotografici dedicati, tra gli altri, alla biodiversità marina.

Eventi

Immagine segnaposto

Visita al Comando Generale del Comandante in capo delle Forze Armate francesi del Mediterraneo e Prefetto marittimo del Mediterraneo, Ammiraglio di Squadra Laurent Isnard

Immagine segnaposto

Firmato il protocollo d’intesa tra Guardia Costiera e la Federazione italiana Canoa Kayak

Immagine segnaposto

La Capitaneria di porto di Civitavecchia festeggia i suoi 150 anni

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto in visita agli Uffici territoriali dei Compartimenti Marittimi di Bari e Taranto

Ischia

Immagine segnaposto

Ad Ischia pulizia dei fondali nell’ambito della Festa del mare

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale visita i Comandi territoriali della Guardia Costiera di Ischia

Immagine segnaposto

Ischia, grande successo per il Convegno “Le Capitanerie e il Soccorso in Mare”