​Lo scorso fine settimana si è svolta a Venezia la tradizionale Festa del Redentore. Durante l'evento il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati è stata ospite a bordo della Motovedetta CP292 della Guardia Costiera, ormeggiata in Bacino San Marco presso San Zaccaria e configurata come centro operativo di coordinamento dell'imponente dispositivo di sicurezza appositamente costituito per vigilare sull'intero svolgimento della manifestazione. 

Alla Senatrice, accompagnata dal Sindaco di Venezia e dal Direttore Marittimo del Veneto, Contrammiraglio Piero Pellizzari, sono stati illustrati i sofisticati sistemi tecnici di controllo, telecomunicazione e trasmissione di dati dell'unità navale, impiegata come piattaforma di comando polifunzionale, in grado di gestire operazioni complesse e che ha permesso alla Guardia Costiera di assicurare i primari compiti di polizia marittima e sicurezza della navigazione e gestire con tempestività ogni eventuale intervento per la salvaguardia della vita umana durante l'evento. 

Il Presidente del Senato ha portato infine un saluto all'intero equipaggio delle unità navali, al personale della Guardia Costiera di Venezia e ai rappresentanti delle varie Forze di Polizia e di soccorso integrate nel dispositivo di sicurezza. Nonostante un momentaneo peggioramento delle condizioni meteo prima dell'inizio dei fuochi pirotecnici, l'afflusso ed il successivo deflusso delle centinaia di imbarcazioni presenti si è svolto regolarmente senza alcuna criticità.

16/07/2018 Venezia Attività

​Lo scorso fine settimana si è svolta a Venezia la tradizionale Festa del Redentore. Durante l'evento il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati è stata ospite a bordo della Motovedetta CP292 della Guardia Costiera, ormeggiata in Bacino San Marco presso San Zaccaria e configurata come centro operativo di coordinamento dell'imponente dispositivo di sicurezza appositamente costituito per vigilare sull'intero svolgimento della manifestazione. 

Alla Senatrice, accompagnata dal Sindaco di Venezia e dal Direttore Marittimo del Veneto, Contrammiraglio Piero Pellizzari, sono stati illustrati i sofisticati sistemi tecnici di controllo, telecomunicazione e trasmissione di dati dell'unità navale, impiegata come piattaforma di comando polifunzionale, in grado di gestire operazioni complesse e che ha permesso alla Guardia Costiera di assicurare i primari compiti di polizia marittima e sicurezza della navigazione e gestire con tempestività ogni eventuale intervento per la salvaguardia della vita umana durante l'evento. 

Il Presidente del Senato ha portato infine un saluto all'intero equipaggio delle unità navali, al personale della Guardia Costiera di Venezia e ai rappresentanti delle varie Forze di Polizia e di soccorso integrate nel dispositivo di sicurezza. Nonostante un momentaneo peggioramento delle condizioni meteo prima dell'inizio dei fuochi pirotecnici, l'afflusso ed il successivo deflusso delle centinaia di imbarcazioni presenti si è svolto regolarmente senza alcuna criticità.

Attività

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera illustra compiti istituzionali ed attività del corpo ai frequentatori del secondo corso di addestramento base di Frontex

Immagine segnaposto

Presentata a Ostia l’Operazione "Mare Sicuro 2021" della Guardia Costiera

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale in visita agli Uffici della Guardia Costiera dell’Isola d’Elba

Immagine segnaposto

Il Comandante per la Marina USA Regione Europa, Africa Centrale e Comandante, Forze Aeree Marittime USA visita la Direzione marittima della Sicilia orientale.

Venezia

Immagine segnaposto

La Ministra delle Infrastrutture e Trasporti On. Paola De Micheli in visita alla Direzione Marittima del Veneto

Immagine segnaposto

UNA DELEGAZIONE DI COMMISSARI UNESCO IN VISITA ALLA DIREZIONE MARITTIMA DEL VENETO

Immagine segnaposto

European Coast Guard Functions Forum Conferenza Plenaria dei Capi delle Organizzazioni di Guardia Costiera

Immagine segnaposto

Il Ministro delle Infrastrutture e Trasporti On. Paola De Micheli in visita alla Capitaneria di Porto di Venezia