Mercoledì 7 marzo, si è tenuta a Ravenna, nella sede della Direzione Marittima dell'Emilia Romagna, l'ultima tappa del lungo tour di "Mare mostro", la campagna di informazione sull'impatto della plastica in mare promossa dall'associazione "Mare Vivo" che ha coinvolto tutte le 15 Direzioni Marittime della Guardia Costiera, a favore degli "stakeholder" del mare, autorità portuali, comuni, regioni e pescatori, per analizzare e trovare soluzioni concrete e condivise, sostenute soprattutto a livello locale, per combattere l'emergenza dei marine litter (rifiuti marini). L'obiettivo principale della campagna è stata la condivisione di informazioni per affrontare l'emergenza plastica, tema sensibile e di notevole interesse per la Guardia Costiera, che quotidianamente si occupa di tutela dell'ambiente marino, sicurezza in mare e vigilanza sulla filiera della pesca marittima. 

Dopo gli indirizzi di saluto del Capitano di Vascello Pietro Ruberto, Direttore Marittimo dell'Emilia Romagna e Comandante del porto di Ravenna, del Prefetto Francesco Russo e del Sindaco Michele De Pascale, si sono susseguiti gli interventi dei relatori, tra i quali Federico Di Penta, responsabile delle Relazioni Internazionali di Marevivo, e Gianandrea Baroncini, Assessore all'Ambiente del Comune di Ravenna.

La campagna "Mare Mostro" continuerà a diffondere informazioni circa l'uso della plastica "usa e getta": in particolare, l'Associazione ha già lanciato delle iniziative per sensibilizzare i cittadini sulle microfibre, le microplastiche rilasciate in lavatrice dai tessuti sintetici, come l'acrilico e il poliestere. 


14/03/2018 Ravenna Eventi

Mercoledì 7 marzo, si è tenuta a Ravenna, nella sede della Direzione Marittima dell'Emilia Romagna, l'ultima tappa del lungo tour di "Mare mostro", la campagna di informazione sull'impatto della plastica in mare promossa dall'associazione "Mare Vivo" che ha coinvolto tutte le 15 Direzioni Marittime della Guardia Costiera, a favore degli "stakeholder" del mare, autorità portuali, comuni, regioni e pescatori, per analizzare e trovare soluzioni concrete e condivise, sostenute soprattutto a livello locale, per combattere l'emergenza dei marine litter (rifiuti marini). L'obiettivo principale della campagna è stata la condivisione di informazioni per affrontare l'emergenza plastica, tema sensibile e di notevole interesse per la Guardia Costiera, che quotidianamente si occupa di tutela dell'ambiente marino, sicurezza in mare e vigilanza sulla filiera della pesca marittima. 

Dopo gli indirizzi di saluto del Capitano di Vascello Pietro Ruberto, Direttore Marittimo dell'Emilia Romagna e Comandante del porto di Ravenna, del Prefetto Francesco Russo e del Sindaco Michele De Pascale, si sono susseguiti gli interventi dei relatori, tra i quali Federico Di Penta, responsabile delle Relazioni Internazionali di Marevivo, e Gianandrea Baroncini, Assessore all'Ambiente del Comune di Ravenna.

La campagna "Mare Mostro" continuerà a diffondere informazioni circa l'uso della plastica "usa e getta": in particolare, l'Associazione ha già lanciato delle iniziative per sensibilizzare i cittadini sulle microfibre, le microplastiche rilasciate in lavatrice dai tessuti sintetici, come l'acrilico e il poliestere. 


Eventi

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale in visita agli Uffici della Guardia Costiera dell’Isola d’Elba

Immagine segnaposto

Il Capo Reparto "Piani e Operazioni" del Comando Generale, Contrammiraglio Sergio Liardo, visita la Base Aeromobili di Pescara

Immagine segnaposto

Il Comandante per la Marina USA Regione Europa, Africa Centrale e Comandante, Forze Aeree Marittime USA visita la Direzione marittima della Sicilia orientale.

Immagine segnaposto

8 Giugno: per la Giornata Mondiale degli Oceani, Guardia Costiera e progetto Clean Sea Life insieme per la Campagna “MARE PULITO”

Ravenna

Immagine segnaposto

Il Vice Comandante Generale della Guardia Costiera, in visita alla Direzione Marittima dell’Emilia Romagna

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale in visita alla Direzione Marittima dell’Emilia Romagna

Immagine segnaposto

Guardia Costiera e Agenzia Regionale di Protezione Civile: un sistema integrato per rispondere alle emergenze in mare