Dal 18 al 21 settembre 2017, una delegazione del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera si è recata a Tunisi per condurre una serie di meeting con numerosi interlocutori internazionali, con l'importante obbiettivo di gettare le basi per implementare un Progetto, interamente finanziato dalla Comunità Europea, per la creazione di una Centro Operativo per la ricerca e il soccorso marittimo in Libia.

Detta iniziativa, denominata Libyan Marittime Rescue Coordination Centre Project (LMRCC Project), si colloca nell'alveo della più vasta azione nazionale a sostegno delle Autorità libiche per la stabilizzazione del Paese ed il controllo dei flussi migratori.

Nel corso della missione, guidata dal Capo Progetto Contrammiraglio Nicola Carlone, anche Capo del 3° Reparto – Piani e Operazioni del Comando Generale, da cui dipende il Maritime Rescue Coordination Centre nazionale, la delegazione italiana ha incontrato, oltre ad una omologa delegazione libica,  una serie di organismi Europei e delle Nazioni Unite che fanno base nella capitale tunisina, tra i quali:  la  Delegazione dell'Unione Europea per la Libya (EU Delegation), rappresentanti della Missione Europea di sostegno alla gestione delle frontiere libiche  (EUBAM Libya), della Missione delle Nazioni Unite per la ricostruzione delle Istituzioni libiche UNSMIL nonché dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) e dell'Organizzazione internazionale per i migranti (IOM).

Questa prima tornata di incontri – a cui ha partecipato anche un rappresentante della Commissione Europea Direzione Generale Home (Migrazione e affari interni), a testimonianza del sostegno dell'Europa all'iniziativa – è stata fondamentale al fine di creare una rete di contatti con tutti gli organismi internazionali che lavorano a favore delle istituzioni libiche, oltre che con le controparti della Guardia Costiera e della Marina Militare.

Il programma della Guardia Costiera italiana prevede, per il prossimo futuro, incontri su base mensile con i rappresentanti libici della Guardia Costiera e della Marina Militare e con i partner Europei e delle Nazioni Unite, al fine di arrivare a presentare all'Unione Europea un progetto dettagliato per il Lybian Maritime Rescue Coordination Centre



21/09/2017 Tunisi Attività Eventi

Dal 18 al 21 settembre 2017, una delegazione del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera si è recata a Tunisi per condurre una serie di meeting con numerosi interlocutori internazionali, con l'importante obbiettivo di gettare le basi per implementare un Progetto, interamente finanziato dalla Comunità Europea, per la creazione di una Centro Operativo per la ricerca e il soccorso marittimo in Libia.

Detta iniziativa, denominata Libyan Marittime Rescue Coordination Centre Project (LMRCC Project), si colloca nell'alveo della più vasta azione nazionale a sostegno delle Autorità libiche per la stabilizzazione del Paese ed il controllo dei flussi migratori.

Nel corso della missione, guidata dal Capo Progetto Contrammiraglio Nicola Carlone, anche Capo del 3° Reparto – Piani e Operazioni del Comando Generale, da cui dipende il Maritime Rescue Coordination Centre nazionale, la delegazione italiana ha incontrato, oltre ad una omologa delegazione libica,  una serie di organismi Europei e delle Nazioni Unite che fanno base nella capitale tunisina, tra i quali:  la  Delegazione dell'Unione Europea per la Libya (EU Delegation), rappresentanti della Missione Europea di sostegno alla gestione delle frontiere libiche  (EUBAM Libya), della Missione delle Nazioni Unite per la ricostruzione delle Istituzioni libiche UNSMIL nonché dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) e dell'Organizzazione internazionale per i migranti (IOM).

Questa prima tornata di incontri – a cui ha partecipato anche un rappresentante della Commissione Europea Direzione Generale Home (Migrazione e affari interni), a testimonianza del sostegno dell'Europa all'iniziativa – è stata fondamentale al fine di creare una rete di contatti con tutti gli organismi internazionali che lavorano a favore delle istituzioni libiche, oltre che con le controparti della Guardia Costiera e della Marina Militare.

Il programma della Guardia Costiera italiana prevede, per il prossimo futuro, incontri su base mensile con i rappresentanti libici della Guardia Costiera e della Marina Militare e con i partner Europei e delle Nazioni Unite, al fine di arrivare a presentare all'Unione Europea un progetto dettagliato per il Lybian Maritime Rescue Coordination Centre



Eventi

Immagine segnaposto

Visita al Comando Generale del Comandante in capo delle Forze Armate francesi del Mediterraneo e Prefetto marittimo del Mediterraneo, Ammiraglio di Squadra Laurent Isnard

Immagine segnaposto

Firmato il protocollo d’intesa tra Guardia Costiera e la Federazione italiana Canoa Kayak

Immagine segnaposto

La Capitaneria di porto di Civitavecchia festeggia i suoi 150 anni

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto in visita agli Uffici territoriali dei Compartimenti Marittimi di Bari e Taranto

Tunisi

Immagine segnaposto

Una delegazione del Corpo si reca a Tunisi per una “Réunion d’expert dans le domaine des Garde-Côtes et des capacités opérationnelles SAR”

Immagine segnaposto

FINAL MEETINGS IN TUNIS AND REPORT TO THE EUROPEAN AMBASSADRESS

Immagine segnaposto

THE PROJECT TEAM MET UNSMIL AND A DELEGATION OF UNITED NATIONS IN TUNIS