Si è positivamente concluso lo scorso 10 dicembre il ciclo di verifiche finalizzate alla convalida della certificazione di conformità del Sistema di Gestione della Qualità del Corpo delle Capitanerie di porto (SGQ), alla norma armonizzata "ISO 9001:2015 ".

L'importante certificazione è stata rilasciata alle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, quale articolazione del Dicastero che opera quale "flag state" (Stato di bandiera), in conformità al D.Lgs. 06/09/2011, n. 164 recante "Attuazione della direttiva 2009/21/CE relativa al rispetto degli obblighi dello Stato di bandiera", ed è frutto di un complesso ed articolato ciclo di audit svolto dall'ente certificatore già da inizio anno.

In una prima fase, presso alcuni uffici marittimi, individuati quale campione rappresentativo dell'organizzazione periferica (Capitanerie di porto di Cagliari, Olbia, Oristano, Porto Torres e La Maddalena) lo scrutinio dell'Ente certificatore è stato incentrato sulla modalità di erogazione di servizi specifici, quali il rilascio della certificazione di sicurezza e di security alle navi di bandiera, il monitoraggio trimestrale dei centri di formazione ed addestramento del personale navigante, l'emissione delle tabelle minime d'armamento della flotta nazionale.

La verifica presso i Comandi territoriali è stata poi completata da quella svolta con gli Uffici del Comando Generale preposti alla progettazione, sviluppo e controllo delle attività anzidette, avuto riguardo all'approfondimento dei processi complementari all'implementazione del sistema di gestione della qualità, nell'ambito dell'organizzazione e, in particolare, con riferimento alla formazione del personale ispettivo ed al controllo di gestione.

Auditor del Corpo – in occasione di ulteriori approfondimenti  – hanno infine accertato la corretta applicazione da parte dei Comandi periferici, su tutto il territorio nazionale, degli indirizzi applicativi relativi alle citate linee di attività.

Il Sistema di Gestione della Qualità del Comando generale – la cui prima edizione risale al 2012 – giunto alla terza convalida triennale, assicura piena e completa adesione ai precisi obblighi introdotti dal Codice per l'implementazione degli strumenti IMO , di cui alla Risoluzione A.1070(28), ed è una tappa essenziale in previsione della verifica cui l'Amministrazione marittima dell'Italia sarà sottoposta, nel 2022, dall'Organizzazione Marittima Internazionale.

Un risultato il cui merito deve essere ascritto all'incessante opera del personale del Reparto VI Sicurezza della navigazione del Comando Generale, diretto dall'Ammiraglio Ispettore Luigi Giardino. Al pari dei molteplici servizi assicurati da tutte le articolazioni centrali e periferiche del Corpo a supporto del "sistema Paese", la certificazione di qualità assume oggi un'ulteriore valenza per le circostanze emergenziali in cui è maturata, che hanno imposto di rimodulare, anche in remoto, lo sviluppo di talune attività, preservando l'efficacia complessiva dell'azione amministrativa condotta dai Comandi operanti sul territorio.

29/12/2020 Roma Attività Eventi

Si è positivamente concluso lo scorso 10 dicembre il ciclo di verifiche finalizzate alla convalida della certificazione di conformità del Sistema di Gestione della Qualità del Corpo delle Capitanerie di porto (SGQ), alla norma armonizzata "ISO 9001:2015 ".

L'importante certificazione è stata rilasciata alle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, quale articolazione del Dicastero che opera quale "flag state" (Stato di bandiera), in conformità al D.Lgs. 06/09/2011, n. 164 recante "Attuazione della direttiva 2009/21/CE relativa al rispetto degli obblighi dello Stato di bandiera", ed è frutto di un complesso ed articolato ciclo di audit svolto dall'ente certificatore già da inizio anno.

In una prima fase, presso alcuni uffici marittimi, individuati quale campione rappresentativo dell'organizzazione periferica (Capitanerie di porto di Cagliari, Olbia, Oristano, Porto Torres e La Maddalena) lo scrutinio dell'Ente certificatore è stato incentrato sulla modalità di erogazione di servizi specifici, quali il rilascio della certificazione di sicurezza e di security alle navi di bandiera, il monitoraggio trimestrale dei centri di formazione ed addestramento del personale navigante, l'emissione delle tabelle minime d'armamento della flotta nazionale.

La verifica presso i Comandi territoriali è stata poi completata da quella svolta con gli Uffici del Comando Generale preposti alla progettazione, sviluppo e controllo delle attività anzidette, avuto riguardo all'approfondimento dei processi complementari all'implementazione del sistema di gestione della qualità, nell'ambito dell'organizzazione e, in particolare, con riferimento alla formazione del personale ispettivo ed al controllo di gestione.

Auditor del Corpo – in occasione di ulteriori approfondimenti  – hanno infine accertato la corretta applicazione da parte dei Comandi periferici, su tutto il territorio nazionale, degli indirizzi applicativi relativi alle citate linee di attività.

Il Sistema di Gestione della Qualità del Comando generale – la cui prima edizione risale al 2012 – giunto alla terza convalida triennale, assicura piena e completa adesione ai precisi obblighi introdotti dal Codice per l'implementazione degli strumenti IMO , di cui alla Risoluzione A.1070(28), ed è una tappa essenziale in previsione della verifica cui l'Amministrazione marittima dell'Italia sarà sottoposta, nel 2022, dall'Organizzazione Marittima Internazionale.

Un risultato il cui merito deve essere ascritto all'incessante opera del personale del Reparto VI Sicurezza della navigazione del Comando Generale, diretto dall'Ammiraglio Ispettore Luigi Giardino. Al pari dei molteplici servizi assicurati da tutte le articolazioni centrali e periferiche del Corpo a supporto del "sistema Paese", la certificazione di qualità assume oggi un'ulteriore valenza per le circostanze emergenziali in cui è maturata, che hanno imposto di rimodulare, anche in remoto, lo sviluppo di talune attività, preservando l'efficacia complessiva dell'azione amministrativa condotta dai Comandi operanti sul territorio.

Eventi

Immagine segnaposto

Corso di formazione BLSD per i militari della Guardia Costiera di Civitavecchia

Immagine segnaposto

L’Onorevole Alessandro Morelli, Vice Ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, visita la Capitaneria di porto di La Spezia

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale in visita ai Comandi periferici della Liguria e della Toscana

Immagine segnaposto

Visita del Comandante Generale alla Capitaneria di porto di Augusta e agli Uffici minori del Compartimento marittimo di Siracusa

Roma

Immagine segnaposto

OPERAZIONE “30 DAYS AT SEA 3.0”

Immagine segnaposto

Comunicato stampa 30 aprile 2021

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera presenta il Rapporto annuale sul controllo pesca in Italia - anno 2020

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera presenta il Rapporto annuale sul controllo pesca in Italia – anno 2020