​Nel periodo compreso tra il 4 ed il 22 Settembre 2017, presso il Reparto Supporto Navale di Messina, si è svolto l'11° Corso per Coordinatore di Operazioni SAR (Search And Rescue) Marittime.

Il corso, sviluppato dal Nucleo Didattico Attività Operative del Centro di Formazione VTMIS della Guardia Costiera a Messina, ha visto la partecipazione di 18 giovani Ufficiali del Corpo provenienti dal Comando Generale, nonché da alcuni Comandi Territoriali e dalla Componente Navale; a questi sono state trasmesse le conoscenze teorico/pratiche specialistiche necessarie per lo svolgimento delle attività di coordinamento di operazioni marittime di ricerca e soccorso.

L'attività formativa è stata caratterizzata da momenti di studio teorici alternati ad attività pratiche caratterizzate da due esercitazioni complesse - condotte rispettivamente presso la Direzione Marittima di Reggio Calabria e quella di Catania -, da voli d'ambientamento a bordo dei mezzi del 2 ° Nucleo Aereo della Guardia Costiera di Catania e da una visita alla torre di Controllo dell'aeroporto della medesima cittadina siciliana. 

Ai frequentatori è stata fornita l'opportunità di entrare in contatto diretto con la componente aerea e navale del Corpo, avendo l'occasione di comprenderne le caratteristiche, i limiti e le potenzialità, apprendendo e sviluppando in tal modo le tecniche per poter effettuare in maniera ottimale il coordinamento di operazioni di ricerca e soccorso in mare.


28/09/2017 Messina Attività

​Nel periodo compreso tra il 4 ed il 22 Settembre 2017, presso il Reparto Supporto Navale di Messina, si è svolto l'11° Corso per Coordinatore di Operazioni SAR (Search And Rescue) Marittime.

Il corso, sviluppato dal Nucleo Didattico Attività Operative del Centro di Formazione VTMIS della Guardia Costiera a Messina, ha visto la partecipazione di 18 giovani Ufficiali del Corpo provenienti dal Comando Generale, nonché da alcuni Comandi Territoriali e dalla Componente Navale; a questi sono state trasmesse le conoscenze teorico/pratiche specialistiche necessarie per lo svolgimento delle attività di coordinamento di operazioni marittime di ricerca e soccorso.

L'attività formativa è stata caratterizzata da momenti di studio teorici alternati ad attività pratiche caratterizzate da due esercitazioni complesse - condotte rispettivamente presso la Direzione Marittima di Reggio Calabria e quella di Catania -, da voli d'ambientamento a bordo dei mezzi del 2 ° Nucleo Aereo della Guardia Costiera di Catania e da una visita alla torre di Controllo dell'aeroporto della medesima cittadina siciliana. 

Ai frequentatori è stata fornita l'opportunità di entrare in contatto diretto con la componente aerea e navale del Corpo, avendo l'occasione di comprenderne le caratteristiche, i limiti e le potenzialità, apprendendo e sviluppando in tal modo le tecniche per poter effettuare in maniera ottimale il coordinamento di operazioni di ricerca e soccorso in mare.


Attività

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera illustra compiti istituzionali ed attività del corpo ai frequentatori del secondo corso di addestramento base di Frontex

Immagine segnaposto

Presentata a Ostia l’Operazione "Mare Sicuro 2021" della Guardia Costiera

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale in visita agli Uffici della Guardia Costiera dell’Isola d’Elba

Immagine segnaposto

Il Comandante per la Marina USA Regione Europa, Africa Centrale e Comandante, Forze Aeree Marittime USA visita la Direzione marittima della Sicilia orientale.

Messina

Immagine segnaposto

A Messina, il varo tecnico della nuova nave "R. Aringhieri" della Guardia Costiera

Immagine segnaposto

L’Onorevole Alessandro Morelli, Vice Ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, visita la Capitaneria di porto - Autorità marittima dello Stretto di Messina​

Immagine segnaposto

Varata a Messina Nave CP420 "Natale De Grazia"

Immagine segnaposto

Comunicato stampa 12 dicembre 2020