Aita Mari: la Guardia Costiera esegue ispezione a bordo a tutela della sicurezza della navigazione.

 

In data odierna, analogamente a quanto accaduto per l’unità ong Alan kurdi, la nave AITA MARI ormeggiata nel porto di Palermo, è stata sottoposta ad un’ispezione da parte di personale specializzato della Guardia Costiera, volta a verificare l’ottemperanza alle norme di sicurezza della navigazione e di tutela ambientale ad esse applicabili.

Anche in questo caso, l’ispezione ha evidenziato nell’unità navale battente bandiera spagnola diverse irregolarità di natura tecnica e operativa tali da compromettere non solo la sicurezza degli equipaggi ma anche delle persone che sono state e che potrebbero essere recuperate a bordo, nel corso del servizio di assistenza svolto. Accertate anche alcune violazioni delle normative a tutela dell’ambiente marino.

A causa delle irregolarità riscontrate e fino alla rettifica delle stesse, l’unità sarà sottoposta a “fermo amministrativo”. Per alcune di esse, sarà necessario l’intervento dello Stato di bandiera che detiene la responsabilità della conformità della nave rispetto alle Convenzioni internazionali e alla legislazione nazionale applicabile in materia di sicurezza della navigazione e tutela ambientale.

Tale attività ispettiva viene svolta nell’ambito dei consueti controlli di sicurezza e di tutela dell’ambiente marino demandati alla Guardia Costiera Italiana sulle unità navali di bandiera straniera, che arrivano nei porti nazionali,  per garantire sicurezza degli equipaggi e delle persone trasportate nonché per verificare l’ottemperanza alle norme per la prevenzione degli inquinamenti marini.


06/05/2020 Roma

Aita Mari: la Guardia Costiera esegue ispezione a bordo a tutela della sicurezza della navigazione.

 

In data odierna, analogamente a quanto accaduto per l’unità ong Alan kurdi, la nave AITA MARI ormeggiata nel porto di Palermo, è stata sottoposta ad un’ispezione da parte di personale specializzato della Guardia Costiera, volta a verificare l’ottemperanza alle norme di sicurezza della navigazione e di tutela ambientale ad esse applicabili.

Anche in questo caso, l’ispezione ha evidenziato nell’unità navale battente bandiera spagnola diverse irregolarità di natura tecnica e operativa tali da compromettere non solo la sicurezza degli equipaggi ma anche delle persone che sono state e che potrebbero essere recuperate a bordo, nel corso del servizio di assistenza svolto. Accertate anche alcune violazioni delle normative a tutela dell’ambiente marino.

A causa delle irregolarità riscontrate e fino alla rettifica delle stesse, l’unità sarà sottoposta a “fermo amministrativo”. Per alcune di esse, sarà necessario l’intervento dello Stato di bandiera che detiene la responsabilità della conformità della nave rispetto alle Convenzioni internazionali e alla legislazione nazionale applicabile in materia di sicurezza della navigazione e tutela ambientale.

Tale attività ispettiva viene svolta nell’ambito dei consueti controlli di sicurezza e di tutela dell’ambiente marino demandati alla Guardia Costiera Italiana sulle unità navali di bandiera straniera, che arrivano nei porti nazionali,  per garantire sicurezza degli equipaggi e delle persone trasportate nonché per verificare l’ottemperanza alle norme per la prevenzione degli inquinamenti marini.


Roma

Immagine segnaposto

Al Comando Generale la visita del Segretario generale del CENSIS

Immagine segnaposto

Visita del prof. Enrico Giovannini, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, alla sede del Ministero di Viale dell’Arte

Immagine segnaposto

Comunicato stampa 20 febbraio 2021

Immagine segnaposto

Il Presidente dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo, prof. Bruno Franchi, in visita al Comando Generale