Contributo di immagini: https://we.tl/t-jo3RXoGxB6

 

Questa notte due motovedette della Guardia Costiera sono intervenute per trarre in salvo 280 migranti presenti a bordo di un barcone di 20 metri, a circa 20 miglia a sud dell'isola di Lampedusa, in area di responsabilità SAR italiana.

L'evento era iniziato diverse ore prima in acque territoriali tunisine.

Le autorità tunisine avevano da subito coordinato le operazioni inviando in soccorso del barcone alla deriva una nave, che nelle successive attività di ricerca non individuava l'unità in difficoltà.

Nelle ore seguenti il barcone, che verosimilmente aveva ripreso la navigazione verso nord, veniva individuato in prossimità delle acque di responsabilità italiane per la ricerca e soccorso da un velivolo Frontex, inviato in area per le operazioni di ricerca.

L'unità veniva quindi raggiunta, in acque SAR italiane, da due motovedette della Guardia Costiera partite da Lampedusa.

Presenti in area una motovedetta della Guardia di Finanza e l'unità ONG Aita Mari che hanno garantito una cornice di sicurezza alle attività di soccorso.

Durante le operazioni, rese particolarmente complesse a causa delle difficili condizioni meteomarine, sono stati trovati senza vita a bordo del barcone tre migranti. Altri quattro migranti, apparsi già in condizioni disperate ai medici del CISOM presenti a bordo delle unità della Guardia Costiera, sono morti prima di arrivare sull'isola.

Dai primi accertamenti eseguiti, la causa della morte dei 7 migranti è verosimilmente dovuta ad ipotermia.


25/01/2022 Roma

Contributo di immagini: https://we.tl/t-jo3RXoGxB6

 

Questa notte due motovedette della Guardia Costiera sono intervenute per trarre in salvo 280 migranti presenti a bordo di un barcone di 20 metri, a circa 20 miglia a sud dell'isola di Lampedusa, in area di responsabilità SAR italiana.

L'evento era iniziato diverse ore prima in acque territoriali tunisine.

Le autorità tunisine avevano da subito coordinato le operazioni inviando in soccorso del barcone alla deriva una nave, che nelle successive attività di ricerca non individuava l'unità in difficoltà.

Nelle ore seguenti il barcone, che verosimilmente aveva ripreso la navigazione verso nord, veniva individuato in prossimità delle acque di responsabilità italiane per la ricerca e soccorso da un velivolo Frontex, inviato in area per le operazioni di ricerca.

L'unità veniva quindi raggiunta, in acque SAR italiane, da due motovedette della Guardia Costiera partite da Lampedusa.

Presenti in area una motovedetta della Guardia di Finanza e l'unità ONG Aita Mari che hanno garantito una cornice di sicurezza alle attività di soccorso.

Durante le operazioni, rese particolarmente complesse a causa delle difficili condizioni meteomarine, sono stati trovati senza vita a bordo del barcone tre migranti. Altri quattro migranti, apparsi già in condizioni disperate ai medici del CISOM presenti a bordo delle unità della Guardia Costiera, sono morti prima di arrivare sull'isola.

Dai primi accertamenti eseguiti, la causa della morte dei 7 migranti è verosimilmente dovuta ad ipotermia.


Roma

Immagine segnaposto

Trasporto marittimo e sicurezza: la flotta italiana si incontra al Comando Generale della Guardia Costiera

Immagine segnaposto

Firma del protocollo d’intesa tra Guardia Costiera e Federazione Italiana Piloti dei Porti

Immagine segnaposto

Rescue Swimmer Course: al via il programma di interscambio formativo europeo

Immagine segnaposto

Comando generale delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera e Autorità di Sistema portuale, da 30 anni insieme nei porti: a Roma un convegno per celebrare la legge di riforma portuale (1994-2024).