​​Sono 2 gli scafisti individuati e consegnati alle autorità greche la scorsa notte dall'equipaggio della motovedetta CP 322 della Guardia Costiera italiana, al termine di un soccorso ad un natante alla deriva con a bordo 18 migranti nelle acque a nord di Samos. I due, di sedicente origine turca, erano alla guida di un'unità priva delle dotazioni di sicurezza, sulla quale trasportavano altre 16 persone di dichiarata origine siriana, quando a poche miglia dalla costa l'unità ha avuto un'avaria. A soccorrere i migranti in difficoltà è stata la motovedetta della Guardia Costiera italiana, in quel momento impegnata in attività di pattugliamento. Dopo aver raggiunto il natante, l'equipaggio della CP 322 ha tratto in salvo tutte le persone a bordo, tra cui donne e bambini. A bordo dell'unità, i militari della Guardia Costiera hanno individuato i due probabili scafisti, i quali - secondo quanto dichiarato dai migranti soccorsi – sarebbero stati intenzionati ad abbandonare tutti su una scogliera nei pressi dell'isola.

Notte impegnativa anche nelle acque prospicienti l'isola di Kos, dove l'equipaggio della motovedetta CP 292 della Guardia Costiera italiana ha tratto in salvo 10 migranti, tutti uomini di sedicenti origini afghane e pakistane. I migranti navigavano a bordo di una piccola unità gonfiabile a remi.

Ad oggi sono complessivamente 285 i migranti soccorsi dalle due unità della Guardia Costiera italiana, presenti dallo scorso 25 gennaio nel Mar Egeo su richiesta dell'agenzia europea Frontex.​​

Clicca qui per scaricare il filmato relativo alle operazioni di soccorso effettuate dalla motovedetta CP 292
10/02/2016 Roma

​​Sono 2 gli scafisti individuati e consegnati alle autorità greche la scorsa notte dall'equipaggio della motovedetta CP 322 della Guardia Costiera italiana, al termine di un soccorso ad un natante alla deriva con a bordo 18 migranti nelle acque a nord di Samos. I due, di sedicente origine turca, erano alla guida di un'unità priva delle dotazioni di sicurezza, sulla quale trasportavano altre 16 persone di dichiarata origine siriana, quando a poche miglia dalla costa l'unità ha avuto un'avaria. A soccorrere i migranti in difficoltà è stata la motovedetta della Guardia Costiera italiana, in quel momento impegnata in attività di pattugliamento. Dopo aver raggiunto il natante, l'equipaggio della CP 322 ha tratto in salvo tutte le persone a bordo, tra cui donne e bambini. A bordo dell'unità, i militari della Guardia Costiera hanno individuato i due probabili scafisti, i quali - secondo quanto dichiarato dai migranti soccorsi – sarebbero stati intenzionati ad abbandonare tutti su una scogliera nei pressi dell'isola.

Notte impegnativa anche nelle acque prospicienti l'isola di Kos, dove l'equipaggio della motovedetta CP 292 della Guardia Costiera italiana ha tratto in salvo 10 migranti, tutti uomini di sedicenti origini afghane e pakistane. I migranti navigavano a bordo di una piccola unità gonfiabile a remi.

Ad oggi sono complessivamente 285 i migranti soccorsi dalle due unità della Guardia Costiera italiana, presenti dallo scorso 25 gennaio nel Mar Egeo su richiesta dell'agenzia europea Frontex.​​

Clicca qui per scaricare il filmato relativo alle operazioni di soccorso effettuate dalla motovedetta CP 292

Roma

Immagine segnaposto

Il Generale di Corpo d’Armata Mario Buscemi Presidente di ASSOARMA in visita al Comando Generale

Immagine segnaposto

33° Rapporto Italia Eurispes: alla Guardia Costiera la fiducia di oltre 7 italiani su 10

Immagine segnaposto

L’ Ammiraglio Pettorino incontra il Presidente onorario del CISM, Generale Gola

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale incontra l’Amministratore delegato di SOGEI Spa