Nel corso della giornata di eri, il Comandante Generale della Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, si è recato in visita presso i Comandi territoriali di Molfetta e Barletta, accompagnato dal Direttore Marittimo della Puglia e Basilicata ionica, Contrammiraglio Giuseppe Meli.

La visita è iniziata con l'Ufficio Locale Marittimo di Giovinazzo, ove l'Ammiraglio Pettorino è stato accolto dal Capitano di Fregata Armando Piacentino, Comandante della Capitaneria di porto di Molfetta: lì l'Ammiraglio ha incontrato il personale, evidenziando l'importanza strategica dell'attività assicurata sul territorio dagli uffici minori, vera e propria interfaccia dell'Amministrazione con il cittadino, quali realtà operative necessarie a garantire una pronta risposta alle sue esigenze.

La visita è poi proseguita presso la Capitaneria di Molfetta, ove l'Ammiraglio ha incontrato il personale e firmato il libro d'onore. Successivamente il Comandante Generale, accompagnato sempre dal Direttore Marittimo, ha fatto visita alla Capitaneria di porto di Barletta, dove è stato accolto dal Comandante della Capitaneria, Capitano di Fregata Roberto Larocca. Durante la visita e l'incontro con una rappresentanza del personale, l'Ammiraglio ha evidenziato l'importanza del prossimo incremento organico del Corpo, un riscontro significativo ottenuto anche grazie all'operato dei suoi Comandi sul territorio.

A concludere la parentesi pugliese - nel corso della quale il Comandante Generale ha inteso portare la propria concreta vicinanza al personale - la visita agli Uffici Locali Marittimi di Margherita di Savoia, Trani e Bisceglie, ove l'Ammiraglio Pettorino ha incontrato il rispettivo personale in forza, apprezzandone l'operato, a presidio della sicurezza e della legalità di quelle zone.

29/01/2021 Molfetta e Barletta Attività Eventi

Nel corso della giornata di eri, il Comandante Generale della Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, si è recato in visita presso i Comandi territoriali di Molfetta e Barletta, accompagnato dal Direttore Marittimo della Puglia e Basilicata ionica, Contrammiraglio Giuseppe Meli.

La visita è iniziata con l'Ufficio Locale Marittimo di Giovinazzo, ove l'Ammiraglio Pettorino è stato accolto dal Capitano di Fregata Armando Piacentino, Comandante della Capitaneria di porto di Molfetta: lì l'Ammiraglio ha incontrato il personale, evidenziando l'importanza strategica dell'attività assicurata sul territorio dagli uffici minori, vera e propria interfaccia dell'Amministrazione con il cittadino, quali realtà operative necessarie a garantire una pronta risposta alle sue esigenze.

La visita è poi proseguita presso la Capitaneria di Molfetta, ove l'Ammiraglio ha incontrato il personale e firmato il libro d'onore. Successivamente il Comandante Generale, accompagnato sempre dal Direttore Marittimo, ha fatto visita alla Capitaneria di porto di Barletta, dove è stato accolto dal Comandante della Capitaneria, Capitano di Fregata Roberto Larocca. Durante la visita e l'incontro con una rappresentanza del personale, l'Ammiraglio ha evidenziato l'importanza del prossimo incremento organico del Corpo, un riscontro significativo ottenuto anche grazie all'operato dei suoi Comandi sul territorio.

A concludere la parentesi pugliese - nel corso della quale il Comandante Generale ha inteso portare la propria concreta vicinanza al personale - la visita agli Uffici Locali Marittimi di Margherita di Savoia, Trani e Bisceglie, ove l'Ammiraglio Pettorino ha incontrato il rispettivo personale in forza, apprezzandone l'operato, a presidio della sicurezza e della legalità di quelle zone.

Eventi

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale a Londra per una serie di incontri istituzionali

Immagine segnaposto

Concluso il 33° Tirocinio Avanzato di Manovra propedeutico all’abilitazione al Comando delle navi maggiori del Corpo.

Immagine segnaposto

Siglato a Venezia un protocollo d’intesa tra il Corpo delle Capitanerie di porto e l'Agenzia del Demanio

Immagine segnaposto

Premio Internazionale “Nassiriya Per La Pace”: tributo speciale al personale del Corpo distintosi per coraggio e impegno civile