Nella giornata di ieri, il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino ha preso parte alla commemorazione dell'affondamento del piroscafo Santa Lucia tenutasi a Ventotene.

La nave postale "Santa Lucia" costituiva il collegamento delle isole ponziane con la terraferma. La nave era stata militarizzata, assumendo la livrea grigia ed il montaggio di un cannoncino a prua. Mantenne tali caratteristiche sino al giorno del suo affondamento pur svolgendo semplicemente un servizio passeggeri. Il piroscafo venne affondato in un'azione di guerra il 24 luglio 1943, con la perdita di 65 vite umane venendo probabilmente scambiato per un mezzo offensivo dagli aerei inglesi del 47° stormo della Royal Air Force, di stanza nei pressi di Tunisi, durante una missione di ricognizione armata.

Dopo la benedizione della corona dedicata ai caduti, depositata presso la stele commemorativa del piroscafo Santa Lucia, l'Ammiraglio ha voluto richiamare il valore dell'unità e della fratellanza, simboli peraltro dell'isola di Ventotene.

Successivamente, l'evento è proseguito in mare, sul luogo dell'affondamento, dove alcuni militari dell'arma dei Carabinieri del Gruppo Sommozzatori, si sono immersi per la deposizione di una corona sul relitto, in ricordo di tutti i caduti in quella circostanza.

La commemorazione si è conclusa poi in serata, presso l'isola di Ponza dove, dopo l'intervento del Sindaco dell'isola e della Sig.ra Mirella Romano in qualità di presidente dell'Associazione familiari vittime del Santa Lucia, è stato proiettato un "docufilm", patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dalla Giunta del Consiglio Regionale del Lazio e realizzato con l'ausilio dell'Ufficio storico del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto.

L'ammiraglio, a chiusura dell'evento, è intervenuto ripercorrendo la sua esperienza personale ed il proprio coinvolgimento emotivo legato a questa vicenda, spiegando che il nonno, fino a pochi mesi prima dell'affondamento dell'unità, prestava servizio proprio sul piroscafo Santa Lucia. Il Comandante Generale ha evidenziato, infine, l'importanza di trasmettere anche ai più giovani la memoria storica, affinché si possa trarre spunto dagli eventi accaduti, evitando di commettere i medesimi errori che, nel passato, hanno  determinato numerosi caduti e tanta sofferenza.




25/07/2018 Ventotene Eventi

Nella giornata di ieri, il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino ha preso parte alla commemorazione dell'affondamento del piroscafo Santa Lucia tenutasi a Ventotene.

La nave postale "Santa Lucia" costituiva il collegamento delle isole ponziane con la terraferma. La nave era stata militarizzata, assumendo la livrea grigia ed il montaggio di un cannoncino a prua. Mantenne tali caratteristiche sino al giorno del suo affondamento pur svolgendo semplicemente un servizio passeggeri. Il piroscafo venne affondato in un'azione di guerra il 24 luglio 1943, con la perdita di 65 vite umane venendo probabilmente scambiato per un mezzo offensivo dagli aerei inglesi del 47° stormo della Royal Air Force, di stanza nei pressi di Tunisi, durante una missione di ricognizione armata.

Dopo la benedizione della corona dedicata ai caduti, depositata presso la stele commemorativa del piroscafo Santa Lucia, l'Ammiraglio ha voluto richiamare il valore dell'unità e della fratellanza, simboli peraltro dell'isola di Ventotene.

Successivamente, l'evento è proseguito in mare, sul luogo dell'affondamento, dove alcuni militari dell'arma dei Carabinieri del Gruppo Sommozzatori, si sono immersi per la deposizione di una corona sul relitto, in ricordo di tutti i caduti in quella circostanza.

La commemorazione si è conclusa poi in serata, presso l'isola di Ponza dove, dopo l'intervento del Sindaco dell'isola e della Sig.ra Mirella Romano in qualità di presidente dell'Associazione familiari vittime del Santa Lucia, è stato proiettato un "docufilm", patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dalla Giunta del Consiglio Regionale del Lazio e realizzato con l'ausilio dell'Ufficio storico del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto.

L'ammiraglio, a chiusura dell'evento, è intervenuto ripercorrendo la sua esperienza personale ed il proprio coinvolgimento emotivo legato a questa vicenda, spiegando che il nonno, fino a pochi mesi prima dell'affondamento dell'unità, prestava servizio proprio sul piroscafo Santa Lucia. Il Comandante Generale ha evidenziato, infine, l'importanza di trasmettere anche ai più giovani la memoria storica, affinché si possa trarre spunto dagli eventi accaduti, evitando di commettere i medesimi errori che, nel passato, hanno  determinato numerosi caduti e tanta sofferenza.




Eventi

Immagine segnaposto

Il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare in visita al Comando Generale delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera di Trapani riceve il “Premio nazionale ambiente e legalità 2022”

Immagine segnaposto

L'Ammiraglio Carlone in visita ai Comandi territoriali della Sicilia orientale

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale interviene al 4° Convegno Alis On Tour “Trasporti e Logistica per lo Sviluppo dell’Economia Insulare e dell’Occupazione”

Ventotene

Immagine segnaposto

​Commemorazione del 77° anniversario dell'affondamento del piroscafo "Santa Lucia" presso l'isola di Ventotene

Immagine segnaposto

76° Anniversario affondamento piroscafo S. Lucia

Immagine segnaposto

Inaugurata la nuova sede dell’Ufficio Locale Marittimo di Ventotene