​Ieri, presso la sede del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera, il Comandante Generale, Ammiraglio Giovanni Pettorino, ha ricevuto la visita del Prof. Gian Maria Fara, Presidente dell’Eurispes, l’Istituto italiano che opera nel campo della ricerca politica, economica e sociale e studia i cambiamenti socio-economici e culturali del Paese in comparazione con altri paesi europei ed extraeuropei. L’Istituto è riconosciuto a livello internazionale come uno dei più autorevoli think tank indipendenti.

L’incontro tra l’Ammiraglio Pettorino e il Prof. Fara ha rappresentato un propositivo momento di confronto e reciproca conoscenza, nel corso del quale al Presidente Fara è stato fornito un quadro approfondito dell’organizzazione della Guardia Costiera, con particolare riferimento alle principali attività che il Corpo conduce quotidianamente sul territorio a beneficio della collettività, nei settori della salvaguardia della vita umana in mare, della tutela dell’ambiente marino, della sicurezza della navigazione e dei traffici marittimi; attività che conferiscono al Corpo un  ruolo fondamentale nella crescita dell’economia marittimo-portuale del Paese.

Nel contempo, il Presidente ha partecipato al Comandante Generale le principali iniziative analitiche e di indagine sulle quali l’Istituto sta operando, nello studio delle dinamiche sociali italiane, quale contributo per il dibattito e la diffusione della conoscenza.

L’incontro si è concluso con l’impegno condiviso dall’Ammiraglio Pettorino e dal Presidente Fara a dialogare sinergicamente per sostenere attività di ricerca e approfondimento di tematiche sociali di settore.


03/11/2020 Roma Attività Eventi

​Ieri, presso la sede del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera, il Comandante Generale, Ammiraglio Giovanni Pettorino, ha ricevuto la visita del Prof. Gian Maria Fara, Presidente dell’Eurispes, l’Istituto italiano che opera nel campo della ricerca politica, economica e sociale e studia i cambiamenti socio-economici e culturali del Paese in comparazione con altri paesi europei ed extraeuropei. L’Istituto è riconosciuto a livello internazionale come uno dei più autorevoli think tank indipendenti.

L’incontro tra l’Ammiraglio Pettorino e il Prof. Fara ha rappresentato un propositivo momento di confronto e reciproca conoscenza, nel corso del quale al Presidente Fara è stato fornito un quadro approfondito dell’organizzazione della Guardia Costiera, con particolare riferimento alle principali attività che il Corpo conduce quotidianamente sul territorio a beneficio della collettività, nei settori della salvaguardia della vita umana in mare, della tutela dell’ambiente marino, della sicurezza della navigazione e dei traffici marittimi; attività che conferiscono al Corpo un  ruolo fondamentale nella crescita dell’economia marittimo-portuale del Paese.

Nel contempo, il Presidente ha partecipato al Comandante Generale le principali iniziative analitiche e di indagine sulle quali l’Istituto sta operando, nello studio delle dinamiche sociali italiane, quale contributo per il dibattito e la diffusione della conoscenza.

L’incontro si è concluso con l’impegno condiviso dall’Ammiraglio Pettorino e dal Presidente Fara a dialogare sinergicamente per sostenere attività di ricerca e approfondimento di tematiche sociali di settore.


Eventi

Immagine segnaposto

La Senatrice Anna Maria Bernini in visita al Comando Generale

Immagine segnaposto

Il Sottosegretario di Stato per il Lavoro e le Politiche Sociali, Sen. Stanislao Di Piazza, in visita al Comando Generale

Immagine segnaposto

Il Direttore della rivista "Nautica" in visita al Comando Generale

Roma

Immagine segnaposto

La Senatrice Anna Maria Bernini in visita al Comando Generale

Immagine segnaposto

Il Sottosegretario di Stato per il Lavoro e le Politiche Sociali, Sen. Stanislao Di Piazza, in visita al Comando Generale

Immagine segnaposto

Comunicato stampa 15 novembre 2020

Immagine segnaposto

ADM e Comando Generale Corpo Capitanerie di Porto – Guardia Costiera firmato protocollo d’intesa per la cooperazione e scambio di informazioni