Realizzato dal fotografo professionista e subacqueo Sergio Riccardo, sotto la direzione artistica di Alberto Luca Recchi, il Calendario istituzionale 2021 ha come tema il mondo sommerso e la componente subacquea della Guardia Costiera, che quest'anno celebra i 25 anni di vita.

L'intento del Calendario è quello di raccontare il Mar Mediterraneo e la sua evoluzione, evidenziando come nel tempo l'azione umana abbia modificato questo complesso ecosistema, e come la stessa azione dell'uomo possa contribuire a ripristinarne lo stato originario, anche grazie al contributo della Guardia Costiera e, più in generale, di tutta la collettività.

I 5 punti sui quali ruota il tema centrale del Calendario, infatti, (sicurezza, bellezza/degrado ambientale, pesca e archeologia), sono tutti tesi a dimostrare quanto l'azione dell'uomo possa influenzare l'habitat marino e costiero. E non a caso gli splendidi scatti realizzati da Sergio Riccardo, grazie anche al contributo della Componente subacquea della Guardia Costiera, ripropongono tematiche attuali e di interesse universale sullo sfondo di location d'eccezione, quali - ad esempio - la "Cattedrale di Marettimo", il Parco Archeologico sommerso di Baia (Pozzuoli) e di Cala Reale (isola di Asinara), come pure una piattaforma estrattiva a largo di San Benedetto del Tronto.

Come ogni anno - poi -, anche quest'anno il Calendario si è arricchito di preziose collaborazioni, come quella con l'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, che ne ha curato la grafica e la stampa, e quella con l'Unicef (di cui la Guardia Costiera italiana è "Goodwill Ambassador"), che destinerà i proventi della vendita ai progetti per la protezione dei bambini di tutto il mondo. 

A impreziosire ulteriormente il progetto, anche un altro grande nome, quello di Luca Ward, noto attore e doppiatore nonché "uomo di mare" che, in un suggestivo voice-over, ha prestato la sua voce per accompagnare gli scatti del Calendario.