Nella giornata del 25 maggio, il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, accompagnato dal Direttore Marittimo della Puglia e della Basilicata Ionica, Contrammiraglio Giuseppe Meli, ha visitato la Capitaneria di Porto di Manfredonia.

Ad accogliere il Comandante Generale, il Comandante della Capitaneria di porto Capitano di Fregata Giuseppe Turiano.

L'Ammiraglio Pettorino ha quindi incontrato una rappresentanza del personale militare e civile in forza alla Capitaneria, esprimendo parole di vivo apprezzamento per la passione, l'impegno e la perseveranza con cui ogni giorno 11.000 uomini e donne della Guardia Costiera prestano il proprio servizio, fornendo un contributo operativo essenziale a  salvaguardia della vita umana in mare e a tutela dell'ambiente marino e costiero.

Nel suo breve discorso il Comandante Generale ha poi evidenziato come - nonostante il difficile momento storico sia caratterizzato da un'innegabile difficoltà e complessità dovuta all'emergenza sanitaria in atto - il Corpo, alla luce di un recente rapporto Eurispes, abbia mantenuto la fiducia di oltre 7 italiani su 10 (73,8%).

Dopo il consueto scambio dei crest e la firma del libro d'onore, il Comandante Generale - accompagnato dal Contrammiraglio Meli e dal Comandante Turiano - si è recato presso la Procura della Repubblica di Foggia per un incontro con il Procuratore Capo dott. Ludovico Vaccaro, sotto il cui coordinamento opera il personale del Comando garganico per le attività in campo ambientale e a tutela del legittimo uso del demanio marittimo.

Il Procuratore Capo dott. Vaccaro ha ringraziato il Comandante Generale per la visita e per il preziosissimo lavoro svolto quotidianamente dai militari della Guardia Costiera del Compartimento di Manfredonia in quel territorio particolarmente complesso. 


27/05/2021 Manfredonia Eventi

Nella giornata del 25 maggio, il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, accompagnato dal Direttore Marittimo della Puglia e della Basilicata Ionica, Contrammiraglio Giuseppe Meli, ha visitato la Capitaneria di Porto di Manfredonia.

Ad accogliere il Comandante Generale, il Comandante della Capitaneria di porto Capitano di Fregata Giuseppe Turiano.

L'Ammiraglio Pettorino ha quindi incontrato una rappresentanza del personale militare e civile in forza alla Capitaneria, esprimendo parole di vivo apprezzamento per la passione, l'impegno e la perseveranza con cui ogni giorno 11.000 uomini e donne della Guardia Costiera prestano il proprio servizio, fornendo un contributo operativo essenziale a  salvaguardia della vita umana in mare e a tutela dell'ambiente marino e costiero.

Nel suo breve discorso il Comandante Generale ha poi evidenziato come - nonostante il difficile momento storico sia caratterizzato da un'innegabile difficoltà e complessità dovuta all'emergenza sanitaria in atto - il Corpo, alla luce di un recente rapporto Eurispes, abbia mantenuto la fiducia di oltre 7 italiani su 10 (73,8%).

Dopo il consueto scambio dei crest e la firma del libro d'onore, il Comandante Generale - accompagnato dal Contrammiraglio Meli e dal Comandante Turiano - si è recato presso la Procura della Repubblica di Foggia per un incontro con il Procuratore Capo dott. Ludovico Vaccaro, sotto il cui coordinamento opera il personale del Comando garganico per le attività in campo ambientale e a tutela del legittimo uso del demanio marittimo.

Il Procuratore Capo dott. Vaccaro ha ringraziato il Comandante Generale per la visita e per il preziosissimo lavoro svolto quotidianamente dai militari della Guardia Costiera del Compartimento di Manfredonia in quel territorio particolarmente complesso. 


Eventi

Immagine segnaposto

IL COMANDANTE GENERALE INCONTRA IL PERSONALE DELLA CALABRIA

Immagine segnaposto

Presentazione del primo Rapporto annuale delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera

Immagine segnaposto

Mare Sicuro 2022 - Con l’estate al via l’operazione della Guardia Costiera a tutela dei cittadini e del mare

Immagine segnaposto

Nuova strada per la formazione per la navigazione autonoma