​​Lo scorso 9 agosto, nell’ambito della 27^ edizione di Festambiente, il festival internazionale dedicato all’ecologia ed alla solidarietà organizzato da Legambiente a Rispescia, in provincia di Grosseto, all’interno del parco naturale regionale della Maremma, la Capitaneria di Porto - Guardia Costiera di Porto Empedocle ha ricevuto il "Premio nazionale ambiente e legalità 2015". Il prestigioso riconoscimento, assegnato ogni anno dall’Osservatorio nazionale sulla legalità di Legambiente, intende segnalare l’impegno sociale e civile di istituzioni, forze dell’ordine, magistrati, giornalisti, imprenditori e cittadini che si sono particolarmente distinti nella lotta alla criminalità ambientale. 

In particolare, al personale della Capitaneria di Porto di Porto Empedocle è stato conferito un attestato di merito per l’attività di repressione dei fenomeni illegali di sfruttamento ed inquinamento dell’ecosistema marino legati, in particolare, alla pesca abusiva. A ritirare il premio il Comandante della Capitaneria di Porto Empedocle, il Capitano di Fregata Massimo Di Marco, al termine di un dibattito cui hanno partecipato il Ministro della Giustizia, l’ On. Andrea Orlando, il presidente emerito della Corte Costituzionale, Prof. Giovanni Maria Flick, il presidente del comitato scientifico sulla criminalità nell'agricoltura procuratore dott. Gian Carlo Caselli, il presidente della commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, On. Alessandro Bratti, il vicepresidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafan​i e la direttrice nazionale di Legambiente Rossella Muroni.

17/08/2015 Porto Empedocle Eventi

​​Lo scorso 9 agosto, nell’ambito della 27^ edizione di Festambiente, il festival internazionale dedicato all’ecologia ed alla solidarietà organizzato da Legambiente a Rispescia, in provincia di Grosseto, all’interno del parco naturale regionale della Maremma, la Capitaneria di Porto - Guardia Costiera di Porto Empedocle ha ricevuto il "Premio nazionale ambiente e legalità 2015". Il prestigioso riconoscimento, assegnato ogni anno dall’Osservatorio nazionale sulla legalità di Legambiente, intende segnalare l’impegno sociale e civile di istituzioni, forze dell’ordine, magistrati, giornalisti, imprenditori e cittadini che si sono particolarmente distinti nella lotta alla criminalità ambientale. 

In particolare, al personale della Capitaneria di Porto di Porto Empedocle è stato conferito un attestato di merito per l’attività di repressione dei fenomeni illegali di sfruttamento ed inquinamento dell’ecosistema marino legati, in particolare, alla pesca abusiva. A ritirare il premio il Comandante della Capitaneria di Porto Empedocle, il Capitano di Fregata Massimo Di Marco, al termine di un dibattito cui hanno partecipato il Ministro della Giustizia, l’ On. Andrea Orlando, il presidente emerito della Corte Costituzionale, Prof. Giovanni Maria Flick, il presidente del comitato scientifico sulla criminalità nell'agricoltura procuratore dott. Gian Carlo Caselli, il presidente della commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, On. Alessandro Bratti, il vicepresidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafan​i e la direttrice nazionale di Legambiente Rossella Muroni.

Eventi

Immagine segnaposto

Nuova certificazione per il Laboratorio Analisi Ambientali “CF (CP) Natale DE GRAZIA” della Guardia Costiera

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera partecipa alla giornata commemorativa “Per non dimenticare” organizzata dal Tribunale di Grosseto.

Immagine segnaposto

Al Museo delle Navi romane presentato il libro “Sotto le stelle del Giglio - il naufragio della Costa Concordia” di Salvatore De Mola

Immagine segnaposto

“Operazione Atlantide”: al Mipaaf diffusi i primi risultati dell’attività svolta dalla Guardia Costiera a tutela del consumatore e dell’intera filiera ittica

Porto Empedocle

Immagine segnaposto

Il Capo del Terzo Reparto del Comando Generale in visita alla Capitaneria di Porto Empedocle

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera sequestra oltre 6400 mq di spiaggia occupata abusivamente

Immagine segnaposto

Inaugurata la prima spiaggia per cani in Sicilia