Si è conclusa quest'oggi - martedì 6 ottobre - la 60ma edizione del Salone nautico Internazionale di Genova. Una manifestazione che anche quest'anno - nonostante le difficoltà organizzative legate all'emergenza Covid 19 -  ha registrato numeri da record, con il tutto esaurito in più giornate.

La cerimonia di inaugurazione - avvenuta il 1° ottobre - si è svolta alla presenza della Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti On. Paola De Micheli, che ha voluto salutare personalmente gli uomini e le donne del Corpo presenti nello stand istituzionale.

Nella stessa giornata di apertura, si è svolto l'evento di presentazione dell'attività operativa estiva della Guardia Costiera. L'incontro è stato aperto dal Comandante Generale che ha esordito ricordando la prematura scomparsa del 2° Capo Aurelio Visalli, che il 27 settembre scorso ha perso la vita mentre cercava di salvare due giovani dalla forza del mare.

"Un sacrificio, quello del nostro Aurelio," ha detto l'Ammiraglio Pettorino "che racchiude, nella sua intensa e preziosa esistenza, ciò che di più caro e sentito guida e ispira ogni giorno il lavoro dei militari della Guardia Costiera: la generosità, il coraggio, l'umanità".

Alla presenza dell'Ammiraglio Pettorino, oltreché dell'Ammiraglio Nicola Carlone, Direttore Marittimo della Liguria, il Comandante Cosimo Nicastro, Capo Ufficio Comunicazione del Comando Generale, ha presentato i risultati ufficiali dell'operazione Mare Sicuro 2020, che quest'estate ha compiuto 30 anni. Un'attività che ha visto impegnati 3.000 uomini e donne del Corpo, 300 mezzi navali e 15 mezzi aerei dislocati lungo gli 8.000 km di coste del Paese, sul Lago di Garda e sul Lago Maggiore, per la sicurezza in mare di bagnanti e diportisti, come pure per vigilare sul regolare svolgimento delle attività ricreative, commerciali e a tutela dell'ecosistema marino.

Un anno molto impegnativo che, per diversi Comandi territoriali, ha visto affiancare alla consueta attività operativa, la partecipazione dei militari del Corpo ai dispositivi di pubblica sicurezza per la vigilanza sulle norme di contenimento del Covid19.

Nel corso della presentazione sono stati illustrati anche i dati relativi alle campagne Spiagge Libere e Acque Libere - incardinate nella più ampia operazione Mare Sicuro -, svolte a garanzia della pubblica fruizione di litorali e specchi acquei da parte dei cittadini.

Di seguito alcuni dati:

• 2.566 persone salvate;

• 754 unità da diporto soccorse;

• 227.134 mq, tra spiagge e specchi acquei, restituiti alla libera fruizione dei cittadini.

Da un raffronto con gli anni precedenti, è emersa una diminuzione del numero di incidenti gravi (nr. 5 nel 2020 rispetto ai nr. 29 del 2019) e del numero complessivo di persone che hanno perso la vita (nr. 116 nel 2020, 28% in meno rispetto al 2019), segno che l'attività di informazione e prevenzione gioca un ruolo chiave nell'ambito della sicurezza in mare. Si registra, inoltre, una diminuzione dell'illegalità in mare e sulle coste. Mentre resta  alto il numero dei "Bollini Blu" rilasciati, circa 4.406, che hanno evitato un'inutile duplicazione degli accertamenti in mare.

Di rilievo anche i dati relativi alla sicurezza della navigazione. Grazie, infatti, all'attività svolta dal 6° Reparto "Sicurezza della Navigazione" del Comando Generale del Corpo, i trasporti marittimi, nonostante le difficoltà legate all'emergenza sanitaria, non hanno mai interrotto la loro attività, mentre il comparto crocieristico, dopo uno stop iniziale, è tornato a operare regolarmente.

L'evento di inaugurazione è poi proseguito con la presentazione delle principali attività ambientali svolte durante quest'anno dal Corpo, come l'operazione "Reti fantasma", svolta su mandato del Ministero dell'Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare. Ad oggi, sono oltre 6 le tonnellate di reti abbandonate sui fondali marini rimosse dai nuclei sub della Guardia Costiera, pari a circa 200mila bottiglie di plastica. Un risultato importante se pensiamo che le reti fantasma sono responsabili dell'alterazione dell'ecosistema marino per la dispersione nell'ambiente delle micro-particelle sintetiche delle quali sono composte.

Con gli ospiti intervenuti sul palco, altresì, sono state consolidate le collaborazione che già vedono la Guardia Costiera impegnata ogni giorno in diversi settori.

In campo ambientale, la dott.ssa Sabina Airoldi - per l'istituto Thetys -, ha presentato i risultati del terzo anno della comune campagna nazionale "Cetacei, FAI attenzione!" (www.cetaceifaiattenzione.it). Nonostante il periodo di lockdown e la generale riduzione dell'attività diportistica, sono state raccolte le segnalazioni di oltre 600 avvistamenti di cetacei nei mari italiani, che si aggiungono alle 1395 segnalazioni dei due anni precedenti.

In ambito solidale, era presente l'associazione "Porto dei Piccoli", alla quale la Guardia Costiera fin dal 2015 fornisce ogni supporto per lo svolgimento della missione associativa in favore dei bambini in cura presso le strutture ospedaliere pediatriche.

Infine, in ambito editoriale, è stato annunciato l'avvio di una collaborazione con la rivista "Nautica", rappresentata sul palco dal direttore Corradino Corbò. Una rubrica della rivista dedicata alle storie di mare, sarà lo strumento attraverso il quale la Guardia Costiera metterà a disposizione dei lettori esperienza e professionalità per approfondire temi e storie legate alla salvaguardia della vita umana in mare, alla tutela dell'ambiente e alla sicurezza della navigazione.

La presenza della Guardia Costiera al Salone nautico ha rappresentato un'occasione unica per la diffusione della cultura del mare. E a questo riguardo, sempre in occasione dell'inaugurazione dello stand della Guardia Costiera, è stato presentato il nuovo Totem Infopoint che dai prossimi giorni verrà messo a disposizione di tutti gli utenti della Capitaneria di porto di Genova.

Nello specifico il Totem, nell'ottica della digitalizzazione della Pubblica Amministrazione, permetterà a tutti coloro che lo utilizzeranno, di acquisire velocemente le informazioni che riguardano le varie attività della Capitaneria - ordinanze, manifestazioni sportive, patenti nautiche ecc. - attraverso pochi, semplici passaggi. Ma non solo, l'utente potrà inoltrare al proprio indirizzo di posta elettronica tutti i dati di interesse. 


06/10/2020 Genova Eventi

Si è conclusa quest'oggi - martedì 6 ottobre - la 60ma edizione del Salone nautico Internazionale di Genova. Una manifestazione che anche quest'anno - nonostante le difficoltà organizzative legate all'emergenza Covid 19 -  ha registrato numeri da record, con il tutto esaurito in più giornate.

La cerimonia di inaugurazione - avvenuta il 1° ottobre - si è svolta alla presenza della Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti On. Paola De Micheli, che ha voluto salutare personalmente gli uomini e le donne del Corpo presenti nello stand istituzionale.

Nella stessa giornata di apertura, si è svolto l'evento di presentazione dell'attività operativa estiva della Guardia Costiera. L'incontro è stato aperto dal Comandante Generale che ha esordito ricordando la prematura scomparsa del 2° Capo Aurelio Visalli, che il 27 settembre scorso ha perso la vita mentre cercava di salvare due giovani dalla forza del mare.

"Un sacrificio, quello del nostro Aurelio," ha detto l'Ammiraglio Pettorino "che racchiude, nella sua intensa e preziosa esistenza, ciò che di più caro e sentito guida e ispira ogni giorno il lavoro dei militari della Guardia Costiera: la generosità, il coraggio, l'umanità".

Alla presenza dell'Ammiraglio Pettorino, oltreché dell'Ammiraglio Nicola Carlone, Direttore Marittimo della Liguria, il Comandante Cosimo Nicastro, Capo Ufficio Comunicazione del Comando Generale, ha presentato i risultati ufficiali dell'operazione Mare Sicuro 2020, che quest'estate ha compiuto 30 anni. Un'attività che ha visto impegnati 3.000 uomini e donne del Corpo, 300 mezzi navali e 15 mezzi aerei dislocati lungo gli 8.000 km di coste del Paese, sul Lago di Garda e sul Lago Maggiore, per la sicurezza in mare di bagnanti e diportisti, come pure per vigilare sul regolare svolgimento delle attività ricreative, commerciali e a tutela dell'ecosistema marino.

Un anno molto impegnativo che, per diversi Comandi territoriali, ha visto affiancare alla consueta attività operativa, la partecipazione dei militari del Corpo ai dispositivi di pubblica sicurezza per la vigilanza sulle norme di contenimento del Covid19.

Nel corso della presentazione sono stati illustrati anche i dati relativi alle campagne Spiagge Libere e Acque Libere - incardinate nella più ampia operazione Mare Sicuro -, svolte a garanzia della pubblica fruizione di litorali e specchi acquei da parte dei cittadini.

Di seguito alcuni dati:

• 2.566 persone salvate;

• 754 unità da diporto soccorse;

• 227.134 mq, tra spiagge e specchi acquei, restituiti alla libera fruizione dei cittadini.

Da un raffronto con gli anni precedenti, è emersa una diminuzione del numero di incidenti gravi (nr. 5 nel 2020 rispetto ai nr. 29 del 2019) e del numero complessivo di persone che hanno perso la vita (nr. 116 nel 2020, 28% in meno rispetto al 2019), segno che l'attività di informazione e prevenzione gioca un ruolo chiave nell'ambito della sicurezza in mare. Si registra, inoltre, una diminuzione dell'illegalità in mare e sulle coste. Mentre resta  alto il numero dei "Bollini Blu" rilasciati, circa 4.406, che hanno evitato un'inutile duplicazione degli accertamenti in mare.

Di rilievo anche i dati relativi alla sicurezza della navigazione. Grazie, infatti, all'attività svolta dal 6° Reparto "Sicurezza della Navigazione" del Comando Generale del Corpo, i trasporti marittimi, nonostante le difficoltà legate all'emergenza sanitaria, non hanno mai interrotto la loro attività, mentre il comparto crocieristico, dopo uno stop iniziale, è tornato a operare regolarmente.

L'evento di inaugurazione è poi proseguito con la presentazione delle principali attività ambientali svolte durante quest'anno dal Corpo, come l'operazione "Reti fantasma", svolta su mandato del Ministero dell'Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare. Ad oggi, sono oltre 6 le tonnellate di reti abbandonate sui fondali marini rimosse dai nuclei sub della Guardia Costiera, pari a circa 200mila bottiglie di plastica. Un risultato importante se pensiamo che le reti fantasma sono responsabili dell'alterazione dell'ecosistema marino per la dispersione nell'ambiente delle micro-particelle sintetiche delle quali sono composte.

Con gli ospiti intervenuti sul palco, altresì, sono state consolidate le collaborazione che già vedono la Guardia Costiera impegnata ogni giorno in diversi settori.

In campo ambientale, la dott.ssa Sabina Airoldi - per l'istituto Thetys -, ha presentato i risultati del terzo anno della comune campagna nazionale "Cetacei, FAI attenzione!" (www.cetaceifaiattenzione.it). Nonostante il periodo di lockdown e la generale riduzione dell'attività diportistica, sono state raccolte le segnalazioni di oltre 600 avvistamenti di cetacei nei mari italiani, che si aggiungono alle 1395 segnalazioni dei due anni precedenti.

In ambito solidale, era presente l'associazione "Porto dei Piccoli", alla quale la Guardia Costiera fin dal 2015 fornisce ogni supporto per lo svolgimento della missione associativa in favore dei bambini in cura presso le strutture ospedaliere pediatriche.

Infine, in ambito editoriale, è stato annunciato l'avvio di una collaborazione con la rivista "Nautica", rappresentata sul palco dal direttore Corradino Corbò. Una rubrica della rivista dedicata alle storie di mare, sarà lo strumento attraverso il quale la Guardia Costiera metterà a disposizione dei lettori esperienza e professionalità per approfondire temi e storie legate alla salvaguardia della vita umana in mare, alla tutela dell'ambiente e alla sicurezza della navigazione.

La presenza della Guardia Costiera al Salone nautico ha rappresentato un'occasione unica per la diffusione della cultura del mare. E a questo riguardo, sempre in occasione dell'inaugurazione dello stand della Guardia Costiera, è stato presentato il nuovo Totem Infopoint che dai prossimi giorni verrà messo a disposizione di tutti gli utenti della Capitaneria di porto di Genova.

Nello specifico il Totem, nell'ottica della digitalizzazione della Pubblica Amministrazione, permetterà a tutti coloro che lo utilizzeranno, di acquisire velocemente le informazioni che riguardano le varie attività della Capitaneria - ordinanze, manifestazioni sportive, patenti nautiche ecc. - attraverso pochi, semplici passaggi. Ma non solo, l'utente potrà inoltrare al proprio indirizzo di posta elettronica tutti i dati di interesse. 


Eventi

Immagine segnaposto

Cambio al vertice della Direzione Marittima di Olbia

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera a sostegno del “Giro d’Italia a nuoto 2021”

Immagine segnaposto

Siglato un protocollo d’intesa tra il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto e la Luiss, Libera Università Internazionale di Studi Sociali “Guido Carli”

Immagine segnaposto

Il Comandante Interregionale dell’Italia centrale della Guardia di Finanza, Generale di Corpo d'Armata in visita al Comando Generale

Genova

Immagine segnaposto

Maritime Security: la Commissione Europea ispeziona il porto di Genova

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera al 59° Salone nautico di Genova

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera al 59° Salone Nautico di Genova Il Bilancio Della Stagione Estiva 2019