Nei giorni scorsi, nell'ambito di una serie di incontri istituzionali all'estero, il comandante Generale della Guardia Costiera italiana, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola Carlone, è stato ricevuto dal Segretario Generale dell'I.M.O. - l'Agenzia specializzata delle Nazioni Unite responsabile della sicurezza e della protezione della navigazione e della prevenzione dell'inquinamento marino -, il sudcoreano Kitack Lim. Ad accompagnare il Comandante generale, l'Ammiraglio Ispettore Luigi Giardino e il Capitano di Vascello Claudio Manganiello, rispettivamente Capo del 6° Reparto Sicurezza della Navigazione marittima e Capo Ufficio Affari Internazionali del Comando generale di Roma.

Durante l'incontro sono stati affrontati temi di importanza strategica attinenti alla sicurezza del trasporto marittimo e alla ricerca e soccorso in mare, con riferimento anche all'impegno del Corpo nelle "mass rescue operations" condotte nel Mediterraneo centrale. Al centro della discussione, anche gli effetti del cambiamento climatico nel settore marittimo, e l'attività che la Guardia Costiera italiana ed i suoi comandi territoriali hanno garantito nel corso del frangente pandemico che ha investito la comunità internazionale.

A conclusione del momento di scambio, Il Segretario Generale Lim ha espresso parole di apprezzamento e gratitudine verso la Guardia Costiera italiana, anche per la qualificata e competente azione che svolge nell'ambito delle riunioni internazionali dell'Assemblea, l'Organo di governo dell'IMO, composto dagli Stati membri, che si riunisce periodicamente e delibera sui temi di interesse marittimo.

In occasione della presenza a Londra dell'Ammiraglio Carlone, si è tenuto anche l'incontro con Claire Hughes, direttrice della Her Majesty's Coastguard, organizzazione a ordinamento civile - tra le più antiche organizzazioni di salvataggio al mondo e in procinto di compiere 200 anni il prossimo 15 gennaio – che dipende dal Ministero dei Trasporti inglese, con funzioni molto simili a quelle della Guardia Costiera Italiana.

La parentesi inglese del Comandante generale si è conclusa il 30 novembre, data in cui l'Ammiraglio Carlone ha incontrato l'Ambasciatore d'Italia a Londra, Raffaele Trombetta - che svolge anche funzioni di Rappresentante Permanente italiano presso l'IMO ed è stato recentemente eletto vicepresidente dell'Assemblea – con il quale sono state trattate questioni marittime legate alle funzioni e alle competenze specifiche della Guardia Costiera.


02/12/2021 Londra Attività Eventi

Nei giorni scorsi, nell'ambito di una serie di incontri istituzionali all'estero, il comandante Generale della Guardia Costiera italiana, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola Carlone, è stato ricevuto dal Segretario Generale dell'I.M.O. - l'Agenzia specializzata delle Nazioni Unite responsabile della sicurezza e della protezione della navigazione e della prevenzione dell'inquinamento marino -, il sudcoreano Kitack Lim. Ad accompagnare il Comandante generale, l'Ammiraglio Ispettore Luigi Giardino e il Capitano di Vascello Claudio Manganiello, rispettivamente Capo del 6° Reparto Sicurezza della Navigazione marittima e Capo Ufficio Affari Internazionali del Comando generale di Roma.

Durante l'incontro sono stati affrontati temi di importanza strategica attinenti alla sicurezza del trasporto marittimo e alla ricerca e soccorso in mare, con riferimento anche all'impegno del Corpo nelle "mass rescue operations" condotte nel Mediterraneo centrale. Al centro della discussione, anche gli effetti del cambiamento climatico nel settore marittimo, e l'attività che la Guardia Costiera italiana ed i suoi comandi territoriali hanno garantito nel corso del frangente pandemico che ha investito la comunità internazionale.

A conclusione del momento di scambio, Il Segretario Generale Lim ha espresso parole di apprezzamento e gratitudine verso la Guardia Costiera italiana, anche per la qualificata e competente azione che svolge nell'ambito delle riunioni internazionali dell'Assemblea, l'Organo di governo dell'IMO, composto dagli Stati membri, che si riunisce periodicamente e delibera sui temi di interesse marittimo.

In occasione della presenza a Londra dell'Ammiraglio Carlone, si è tenuto anche l'incontro con Claire Hughes, direttrice della Her Majesty's Coastguard, organizzazione a ordinamento civile - tra le più antiche organizzazioni di salvataggio al mondo e in procinto di compiere 200 anni il prossimo 15 gennaio – che dipende dal Ministero dei Trasporti inglese, con funzioni molto simili a quelle della Guardia Costiera Italiana.

La parentesi inglese del Comandante generale si è conclusa il 30 novembre, data in cui l'Ammiraglio Carlone ha incontrato l'Ambasciatore d'Italia a Londra, Raffaele Trombetta - che svolge anche funzioni di Rappresentante Permanente italiano presso l'IMO ed è stato recentemente eletto vicepresidente dell'Assemblea – con il quale sono state trattate questioni marittime legate alle funzioni e alle competenze specifiche della Guardia Costiera.


Eventi

Immagine segnaposto

Nuova certificazione per il Laboratorio Analisi Ambientali “CF (CP) Natale DE GRAZIA” della Guardia Costiera

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera partecipa alla giornata commemorativa “Per non dimenticare” organizzata dal Tribunale di Grosseto.

Immagine segnaposto

Al Museo delle Navi romane presentato il libro “Sotto le stelle del Giglio - il naufragio della Costa Concordia” di Salvatore De Mola

Immagine segnaposto

“Operazione Atlantide”: al Mipaaf diffusi i primi risultati dell’attività svolta dalla Guardia Costiera a tutela del consumatore e dell’intera filiera ittica

Londra

Immagine segnaposto

A Londra la 101a sessione del comitato MSC

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale incontra il Segretario Generale dell'I.M.O. e l'Ambasciatore Italiano a Londra

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera Italiana riceve il Meritorious Service Award