Oggi 8 giugno, ricorre il trentesimo anniversario della nascita della Guardia Costiera, istituita nel 1989 quale articolazione tecnico operativa del Corpo delle Capitanerie di porto.

Il Corpo nasce ufficialmente con un Regio Decreto del 20 luglio 1865. La Guardia Costiera, così come noi la intendiamo, tuttavia, appartiene a un'epoca più recente.

Sarà solo con un Decreto interministeriale dell'8 giugno 1989 che verrà attribuita ufficialmente la denominazione di "Guardia Costiera" ai reparti tecnico-operativi del Corpo, attribuzione alla quale negli anni successivi farà seguito l'adozione della tradizionale livrea bianca e del logo, ormai noto, raffigurante una fascia tricolore con al centro un'àncora nera su campo circolare bianco.

Per celebrare questa ricorrenza, a Catania, lo scorso 5 giugno si è tenuta, una esercitazione di soccorso in mare, che ha visto l'impiego di mezzi aerei e navali nonché la presenza di figure specialistiche come gli aerosoccorritori e i soccorritori marittimi della Guardia Costiera.

Il 6 giugno è stato dedicato, invece, ad una giornata di studio nella quale è stata ripercorsa la storia della Guardia Costiera: un'istituzione moderna, che fonda le proprie radici nelle attività di carattere tecnico amministrativo connesse con gli usi civili e produttivi del mare, organizzata oggi con mezzi aeronavali e tecnologie all'avanguardia, con uomini e donne che operano ogni giorno in favore della collettività.

L'evento, moderato dal dott. Filippo Gaudenzi, vice direttore del TG1,  ha visto la partecipazione del Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino e la presenza degli ex Comandanti e Vice Comandanti Generali, dei Capi Reparto, dei Direttori Marittimi e del personale del Corpo insignito della Medaglia d'oro al valor di Marina e al merito di Marina nonché di una rappresentanza di giovani colleghi provenienti dai Comandi territoriali.

Durante i lavori del convegno sono state ripercorse le principali tappe di questi trent'anni: dalle prime attività operate fuori dai confini nazionali alle più difficili operazioni di soccorso in mare, fino a giungere alle  più importanti attività condotte dalla Guardia Costiera in materia di tutela dell'ambiente marino e costiero e vigilanza sulla filiera della pesca.

Dopo un video di saluto dell'Ammiraglio Romani, Decano dei Comandanti Generali, è seguito l'intervento dell'Ammiraglio Stefano Vignani, ex Vice Comandante Generale del Corpo, il quale ha tracciato un breve quadro delle condizioni storiche che hanno portato alla istituzione della moderna Guardia Costiera italiana. Successivamente è stata la volta dell'Ammiraglio Ferdinando Lolli, già Comandante del Corpo nel 2010, che nel suo intervento ha rievocato la Missione in Albania (1991), la prima missione internazionale della Guardia Costiera italiana. L'Ammiraglio Francesco Lo Sardo, già Vice Comandante del Corpo, ha raccontato ai presenti  l'impegno della Guardia Costiera nella tutela della filiera ittica nonché lo sviluppo della componente navale del Corpo.

A seguire, l'intervento dell'Ammiraglio Pierluigi Cacioppo (Comandante Generale dal 2012 al 2013) il quale, nel riportare alla memoria la vicenda della Motonave Rhodanus, quando fu sventato un disastro ambientale sulle coste della Sardegna (2010), ha evidenziato come la Guardia Costiera negli anni si sia evoluta grazie anche agli strumenti tecnologici impiegati per le proprie attività di ricerca e monitoraggio.

L'Ammiraglio Vincenzo Melone, Comandante del Corpo 2015-2018, ha ricordato le due missioni navali internazionali, Bahar e Happy Day, risalenti al 2006, mentre il Contrammiraglio Sergio Liardo, Capo del 3 reparto - Piani e Operazioni del Comando Generale, ha raccontato ai presenti alcuni dei soccorsi più importanti effettuati dalla componente aerea. Quindi è stata la volta dell'Ammiraglio Marco Brusco, già Capo del Corpo dal 2010 al 2012, che nell'illustrare la vicenda della Costa Concordia (2012), ha sottolineato non solo l'efficienza dei soccorsi, ma anche del dispositivo messo in campo per il trasferimento in sicurezza del relitto nel porto di Genova. In ultimo, l'Ammiraglio Carlone, Direttore Marittimo della Liguria, ha fatto un breve excursus circa l'impegno della Guardia Costiera nel Mediterraneo, spiegando l'evoluzione dell'attività di soccorso dal 2013 ad oggi.

Particolare emozione, ha suscitato tra tutti i presenti, il ricordo tracciato dall'Ammiraglio Pettorino del Comandante Natale De Grazia, medaglia d'Oro alla memoria, morto il 12 dicembre 1995 mentre indagava, con la Procura della Repubblica di Reggio Calabria, su una complessa attività ambientale legata a traffici illeciti operati da navi mercantili nel Mediterraneo.

L'Ammiraglio Sicurezza, decano dei Comandanti Generali presenti all'evento, Comandante Generale dal 1999 al 2004, ha voluto esprimere il suo ringraziamento per la realizzazione di un evento che, con storie, immagini ed emozioni, è riuscito a descrivere il percorso che ha condotto la Guardia Costiera ad essere l'Organizzazione che oggi tutti conoscono.

L'evento si è concluso con un ricordo commosso delle medaglie d'oro della Guardia Costiera e di tutti i caduti del Corpo.


08/06/2019 Roma Eventi

Oggi 8 giugno, ricorre il trentesimo anniversario della nascita della Guardia Costiera, istituita nel 1989 quale articolazione tecnico operativa del Corpo delle Capitanerie di porto.

Il Corpo nasce ufficialmente con un Regio Decreto del 20 luglio 1865. La Guardia Costiera, così come noi la intendiamo, tuttavia, appartiene a un'epoca più recente.

Sarà solo con un Decreto interministeriale dell'8 giugno 1989 che verrà attribuita ufficialmente la denominazione di "Guardia Costiera" ai reparti tecnico-operativi del Corpo, attribuzione alla quale negli anni successivi farà seguito l'adozione della tradizionale livrea bianca e del logo, ormai noto, raffigurante una fascia tricolore con al centro un'àncora nera su campo circolare bianco.

Per celebrare questa ricorrenza, a Catania, lo scorso 5 giugno si è tenuta, una esercitazione di soccorso in mare, che ha visto l'impiego di mezzi aerei e navali nonché la presenza di figure specialistiche come gli aerosoccorritori e i soccorritori marittimi della Guardia Costiera.

Il 6 giugno è stato dedicato, invece, ad una giornata di studio nella quale è stata ripercorsa la storia della Guardia Costiera: un'istituzione moderna, che fonda le proprie radici nelle attività di carattere tecnico amministrativo connesse con gli usi civili e produttivi del mare, organizzata oggi con mezzi aeronavali e tecnologie all'avanguardia, con uomini e donne che operano ogni giorno in favore della collettività.

L'evento, moderato dal dott. Filippo Gaudenzi, vice direttore del TG1,  ha visto la partecipazione del Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino e la presenza degli ex Comandanti e Vice Comandanti Generali, dei Capi Reparto, dei Direttori Marittimi e del personale del Corpo insignito della Medaglia d'oro al valor di Marina e al merito di Marina nonché di una rappresentanza di giovani colleghi provenienti dai Comandi territoriali.

Durante i lavori del convegno sono state ripercorse le principali tappe di questi trent'anni: dalle prime attività operate fuori dai confini nazionali alle più difficili operazioni di soccorso in mare, fino a giungere alle  più importanti attività condotte dalla Guardia Costiera in materia di tutela dell'ambiente marino e costiero e vigilanza sulla filiera della pesca.

Dopo un video di saluto dell'Ammiraglio Romani, Decano dei Comandanti Generali, è seguito l'intervento dell'Ammiraglio Stefano Vignani, ex Vice Comandante Generale del Corpo, il quale ha tracciato un breve quadro delle condizioni storiche che hanno portato alla istituzione della moderna Guardia Costiera italiana. Successivamente è stata la volta dell'Ammiraglio Ferdinando Lolli, già Comandante del Corpo nel 2010, che nel suo intervento ha rievocato la Missione in Albania (1991), la prima missione internazionale della Guardia Costiera italiana. L'Ammiraglio Francesco Lo Sardo, già Vice Comandante del Corpo, ha raccontato ai presenti  l'impegno della Guardia Costiera nella tutela della filiera ittica nonché lo sviluppo della componente navale del Corpo.

A seguire, l'intervento dell'Ammiraglio Pierluigi Cacioppo (Comandante Generale dal 2012 al 2013) il quale, nel riportare alla memoria la vicenda della Motonave Rhodanus, quando fu sventato un disastro ambientale sulle coste della Sardegna (2010), ha evidenziato come la Guardia Costiera negli anni si sia evoluta grazie anche agli strumenti tecnologici impiegati per le proprie attività di ricerca e monitoraggio.

L'Ammiraglio Vincenzo Melone, Comandante del Corpo 2015-2018, ha ricordato le due missioni navali internazionali, Bahar e Happy Day, risalenti al 2006, mentre il Contrammiraglio Sergio Liardo, Capo del 3 reparto - Piani e Operazioni del Comando Generale, ha raccontato ai presenti alcuni dei soccorsi più importanti effettuati dalla componente aerea. Quindi è stata la volta dell'Ammiraglio Marco Brusco, già Capo del Corpo dal 2010 al 2012, che nell'illustrare la vicenda della Costa Concordia (2012), ha sottolineato non solo l'efficienza dei soccorsi, ma anche del dispositivo messo in campo per il trasferimento in sicurezza del relitto nel porto di Genova. In ultimo, l'Ammiraglio Carlone, Direttore Marittimo della Liguria, ha fatto un breve excursus circa l'impegno della Guardia Costiera nel Mediterraneo, spiegando l'evoluzione dell'attività di soccorso dal 2013 ad oggi.

Particolare emozione, ha suscitato tra tutti i presenti, il ricordo tracciato dall'Ammiraglio Pettorino del Comandante Natale De Grazia, medaglia d'Oro alla memoria, morto il 12 dicembre 1995 mentre indagava, con la Procura della Repubblica di Reggio Calabria, su una complessa attività ambientale legata a traffici illeciti operati da navi mercantili nel Mediterraneo.

L'Ammiraglio Sicurezza, decano dei Comandanti Generali presenti all'evento, Comandante Generale dal 1999 al 2004, ha voluto esprimere il suo ringraziamento per la realizzazione di un evento che, con storie, immagini ed emozioni, è riuscito a descrivere il percorso che ha condotto la Guardia Costiera ad essere l'Organizzazione che oggi tutti conoscono.

L'evento si è concluso con un ricordo commosso delle medaglie d'oro della Guardia Costiera e di tutti i caduti del Corpo.


Eventi

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale in visita alla Guardia Costiera di Pesaro, Fano e Marotta

Immagine segnaposto

Inaugurata la nuova sede dell’Ufficio Locale Marittimo di Senigallia

Immagine segnaposto

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli in visita alla Capitaneria di porto di Venezia

Immagine segnaposto

A Livorno il 18° seminario per l'incarico di Titolare di Ufficio minore

Roma

Immagine segnaposto

Il Direttore dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Dott. Mineo in visita al Comando Generale

Immagine segnaposto

Guardia Costiera italiana: riconosciuto l'alto livello di eccellenza internazionale nel campo della sicurezza della navigazione

Immagine segnaposto

Guardia Costiera italiana: riconosciuto l’alto livello di eccellenza internazionale nel campo della sicurezza della navigazione