CAPITANERIA DI PORTO

SIRACUSA

 

La Capitaneria di porto di Siracusa rende noto di aver svolto, dal 15 al 16 marzo u.s., unitamente al personale specializzato del Nucleo Subacqueo della Guardia Costiera  un'attività  operativa, all'interno del Porto Piccolo di Siracusa, al fine di prevenire e contrastare l'occupazione abusiva dei tratti di mare liberi destinati all'uso pubblico da parte di soggetti che, senza averne titolo, ne hanno fatto un uso personale, posizionandovi gavitelli collegati ad una cima e a vari "corpi morti" (pesi utilizzati per farli rimanere  sul fondale), trasformandoli di fatto in un campo boe destinato all'ormeggio di imbarcazioni completamente abusivo e pertanto creando un pericolo per la sicurezza della navigazione e portuale. L'operazione, frutto anche della sinergica collaborazione tra l'Amministrazione comunale di Siracusa e la società incaricata "Tekra", ha permesso di eseguire l'attività di "bonifica", rimuovendo dallo specchio acqueo numerosi gavitelli abusivamente posizionati e relative cime che sono stati, nel corso delle operazioni, successivamente conferiti in discarica.

L'area è stata quindi posta in pristino stato a tutela dell'ambiente e della sicurezza della navigazione e restituita al lecito e sicuro utilizzo da parte della collettività.

La Capitaneria di porto di Siracusa  ricorda che il posizionamento non autorizzato di gavitelli, oltre ad arrecare danno all'ambiente marino, potrebbe far configurare a carico di chi li posiziona condotte perseguibili penalmente per abusiva occupazione di demanio marittimo nonché violazioni di norme sulla sicurezza della navigazione.

Siracusa, 17.03.2022

17/03/2022 Siracusa

CAPITANERIA DI PORTO

SIRACUSA

 

La Capitaneria di porto di Siracusa rende noto di aver svolto, dal 15 al 16 marzo u.s., unitamente al personale specializzato del Nucleo Subacqueo della Guardia Costiera  un'attività  operativa, all'interno del Porto Piccolo di Siracusa, al fine di prevenire e contrastare l'occupazione abusiva dei tratti di mare liberi destinati all'uso pubblico da parte di soggetti che, senza averne titolo, ne hanno fatto un uso personale, posizionandovi gavitelli collegati ad una cima e a vari "corpi morti" (pesi utilizzati per farli rimanere  sul fondale), trasformandoli di fatto in un campo boe destinato all'ormeggio di imbarcazioni completamente abusivo e pertanto creando un pericolo per la sicurezza della navigazione e portuale. L'operazione, frutto anche della sinergica collaborazione tra l'Amministrazione comunale di Siracusa e la società incaricata "Tekra", ha permesso di eseguire l'attività di "bonifica", rimuovendo dallo specchio acqueo numerosi gavitelli abusivamente posizionati e relative cime che sono stati, nel corso delle operazioni, successivamente conferiti in discarica.

L'area è stata quindi posta in pristino stato a tutela dell'ambiente e della sicurezza della navigazione e restituita al lecito e sicuro utilizzo da parte della collettività.

La Capitaneria di porto di Siracusa  ricorda che il posizionamento non autorizzato di gavitelli, oltre ad arrecare danno all'ambiente marino, potrebbe far configurare a carico di chi li posiziona condotte perseguibili penalmente per abusiva occupazione di demanio marittimo nonché violazioni di norme sulla sicurezza della navigazione.

Siracusa, 17.03.2022

Siracusa

Immagine segnaposto

Comunicato stampa del 27 07 2022 :“il Capo del Compartimento Marittimo di Siracusa in visita istituzionale presso i sindaci di Avola e Noto”.

Immagine segnaposto

Comunicato stampa del 26 07 2022 : “Incontro periodico operatori del settore portuale con il Capo del Compartimento Marittimo di Siracusa”.

Immagine segnaposto

Comunicato stampa del 22 07 2022: visita istituzionale del Comandante della Capitaneria di Porto di Siracusa ai Sindaci di Portopalo e Pachino

Immagine segnaposto

Comunicato stampa del 07 07 2022: Siracusa soccorso bagnante in difficoltà.