Quali sono le normative internazionali in materia di SAR nel Mediterraneo. In sostanza, come funziona la competenza in mare?

La norma che regola il soccorso in mare è la Convenzione internazionale sulla ricerca e il salvataggio marittimo siglata ad Amburgo il 27 aprile 1979.

Lo Stato responsabile di un'area SAR, in caso di emergenza in mare nella propria area di responsabilità, ha l'obbligo di intervenire assumendo, per il tramite del proprio Rescue Coordination Center (RCC), il coordinamento delle operazioni di soccorso con l'impiego di unità SAR, ma anche con unità militari e/o civili, quali ad esempio le unità mercantili presenti in zona, in adempimento agli obblighi giuridici assunti con la ratifica della convenzione internazionale .

Nel caso in cui un'Autorità marittima riceva informazioni di un'emergenza in corso in un'area SAR di competenza di un altro Stato, informa immediatamente il Rescue Coordination Center (RCC) territorialmente competente ed estende la notizia dell'emergenza a tutte le unità in transito in quell'area SAR.

Una volta che lo Stato competente  assume il coordinamento, le altre Autorità Nazionali marittime possono intervenire in supporto all'attività di soccorso, con l'impiego di mezzi o la diffusione o il rilancio di comunicazioni, se espressamente richiesto dall'Autorità coordinatrice.

Tuttavia, qualora lo Stato competente per quella area SAR non assuma il coordinamento delle operazioni di soccorso, tali operazioni vengono coordinate dall'Autorità nazionale SAR che, per prima, ne ha avuto notizia ed è in grado di fornire la migliore assistenza possibile.