Nella giornata di sabato 15 Aprile 2017 la Capitaneria di Porto di Roma ha ricevuto una dichiarazione di evento straordinario da parte del proprietario di un natante da diporto che ha segnalato il sinistro occorso alla propria unità affondata lungo il Fiume Tevere in località Fiumara Grande nel Comune di Fiumicino. Il natante di 8 mt circa equipaggiato con motori entro-fuori bordo di 23 CV ciascuno, per cause in corso di accertamento è affondato lungo la banchina, nei pressi di Fiumara Grande adagiandosi su un fondale di circa 2 mt del Fiume Tevere. Appena ricevuta la notizia, il Comando della Capitaneria di porto di Roma, coadiuvato dal personale della sezione tecnica, si è recato immediatamente sul posto al fine di constatare l'affondamento del natante, scongiurare possibili situazioni di pericolo per la sicurezza della navigazione e altresì salvaguardare l'ambiente marino da presunti inquinamenti, intimando al proprietario il recupero del relitto navale. L'operazione di recupero dell'unità, dopo la messa in sicurezza notturna, è iniziata nella mattinata di oggi, a cura del proprietario del natante, in concomitanza con il picco di alta marea e l'assenza di onda di risacca, e si è articolata in varie fasi che ne hanno garantito lo svolgimento in assoluta sicurezza, sotto l'occhio vigile della Guardia Costiera di Roma. Il personale della Capitaneria di Porto di Roma presente lungo la banchina, ha seguito le operazione tese a portare in galleggiamento l'unità mediate l'impiego di palloni di sollevamento da parte dei sommozzatori. L'unità è stata agganciata ad una gru attraverso l'ausilio di fasce e dopo essere stata alleggerita e parzialmente svuotata dall'acqua presente a bordo, è stata trainata lentamente presso un locale cantiere navale dove è stata alata a secco. Le operazioni si sono comunque concluse con esito positivo senza alcun danno alle persone, all'ambiente marino e alle infrastrutture. La Capitaneria di Porto di Roma sta svolgendo gli opportuni accertamenti per stabilire le cause dell'incidente. Nel raccomandare anche ai più esperti sempre la massima prudenza e perizia marinaresca, il Comando della Capitaneria di Porto ricorda il numero di soccorso in mare 1530 e mantenere un costante ascolto radio sul canale d'emergenza VHF 16.

18/04/2017 FIUMICINO Eventi

Nella giornata di sabato 15 Aprile 2017 la Capitaneria di Porto di Roma ha ricevuto una dichiarazione di evento straordinario da parte del proprietario di un natante da diporto che ha segnalato il sinistro occorso alla propria unità affondata lungo il Fiume Tevere in località Fiumara Grande nel Comune di Fiumicino. Il natante di 8 mt circa equipaggiato con motori entro-fuori bordo di 23 CV ciascuno, per cause in corso di accertamento è affondato lungo la banchina, nei pressi di Fiumara Grande adagiandosi su un fondale di circa 2 mt del Fiume Tevere. Appena ricevuta la notizia, il Comando della Capitaneria di porto di Roma, coadiuvato dal personale della sezione tecnica, si è recato immediatamente sul posto al fine di constatare l'affondamento del natante, scongiurare possibili situazioni di pericolo per la sicurezza della navigazione e altresì salvaguardare l'ambiente marino da presunti inquinamenti, intimando al proprietario il recupero del relitto navale. L'operazione di recupero dell'unità, dopo la messa in sicurezza notturna, è iniziata nella mattinata di oggi, a cura del proprietario del natante, in concomitanza con il picco di alta marea e l'assenza di onda di risacca, e si è articolata in varie fasi che ne hanno garantito lo svolgimento in assoluta sicurezza, sotto l'occhio vigile della Guardia Costiera di Roma. Il personale della Capitaneria di Porto di Roma presente lungo la banchina, ha seguito le operazione tese a portare in galleggiamento l'unità mediate l'impiego di palloni di sollevamento da parte dei sommozzatori. L'unità è stata agganciata ad una gru attraverso l'ausilio di fasce e dopo essere stata alleggerita e parzialmente svuotata dall'acqua presente a bordo, è stata trainata lentamente presso un locale cantiere navale dove è stata alata a secco. Le operazioni si sono comunque concluse con esito positivo senza alcun danno alle persone, all'ambiente marino e alle infrastrutture. La Capitaneria di Porto di Roma sta svolgendo gli opportuni accertamenti per stabilire le cause dell'incidente. Nel raccomandare anche ai più esperti sempre la massima prudenza e perizia marinaresca, il Comando della Capitaneria di Porto ricorda il numero di soccorso in mare 1530 e mantenere un costante ascolto radio sul canale d'emergenza VHF 16.

Eventi

Immagine segnaposto

Controllo sul rispetto delle norme in materia ambientale

Immagine segnaposto

Controllo sul rispetto delle norme in materia ambientale presso attività cantieristica nel Comune di Fiumicino

Immagine segnaposto

11 aprile Giornata del mare e della cultura marinara

Immagine segnaposto

La scuola naviga verso il futuro

FIUMICINO

Immagine segnaposto

Controlli in materia ambientale

Immagine segnaposto

Controlli in mare presso le piattaforme petrolifere della rada di Fiumicino

Immagine segnaposto

Soccorsa una imbarcazione da diporto in procinto di affondare

Immagine segnaposto

Controlli per emergenza sanitaria Covid-19